Un anno di Toro – 2

(prosegue)

 

2 Aprile. Uscita più che infelice di Sergio Chiamparino, che propone di fare “un bel giardino alla memoria” sul terreno del Filadelfia. Rabbia dei tifosi, raccolta in un comunicato del Cctc che al sindaco dice “Il giardino se lo faccia sotto casa sua”

4 Aprile. Nel corso di un’altra partita eroica, Torino-Triestina, Pestrin…

di Redazione Toro News

(prosegue)

 

2 Aprile. Uscita più che infelice di Sergio Chiamparino, che propone di fare “un bel giardino alla memoria” sul terreno del Filadelfia. Rabbia dei tifosi, raccolta in un comunicato del Cctc che al sindaco dice “Il giardino se lo faccia sotto casa sua”

4 Aprile. Nel corso di un’altra partita eroica, Torino-Triestina, Pestrin si fa espellere stupidamente, costringendo i compagni ad una super-fatica (e saltando lui stesso tre turni per squalifica) che a detti di molti peserà sul prosieguo del campionato

9 Aprile. Centinaia di tifosi radunati sotto il palazzo dell’Agenzia delle Entrate, in Torino, accolgono l’assessore allo sport Giuseppe Sbriglio che, dopo aver discusso con il Fisco, esce dall’edificio annunciando: “Abbiamo trovato l’accordo, le ipoteche sul Filadelfia saranno purgate per 550mila euro”. Ora si può davvero iniziare a pensare al futuro dell’area

10 Aprile. I granata perdono a Lecce una partita importante, resa più amara dal fatto che il primo gol sia stato siglato proprio da Di Michele. Gol più che fortunoso, in realtà, che comunque non basta a frenare l’esultanza dell’ex-capitano del Torino

12 Aprile. Alcuni idioti imbrattano la lapide dei Caduti sul retro della Basilica di Superga

14 Aprile. Parte il primo “Torneo Campo Filadelfia”, organizzato da tifosi e che vede la partecipazione di squadra composte unicamente da tifosi stessi

16 Aprile. Al Torneo “Nessuno escluso”, presso il campo Ruffini, presentazione allo sport cittadino del Torino FD, che lo vince

30 Aprile. Il Torino For Disabled nasce ufficialmente

30 Aprile. Alla vigilia della festa al Fila, Paolino Pulici a TN ringrazia i “pulitori”, ignorando volutamente le istituzioni: “Sono grato per quanto fanno, il Toro sono loro

1 Maggio. Eccola, “La magia del Fila”. Scuola-calcio per i bambini con Sergio Vatta, mangiata e bevuta, torneo tra tifosi, dibattito e concerti (questi ultimi rinviati per pioggia), una giornata magnifica su un terreno storico che vuole tornare a vivere, come è tornato a fare in questo giorno

2 Maggio. Cairo attacca la stampa: “Aggressioni vergognose ai miei danni, sobillano la piazza”. E rinuncia a salire a Superga per la commemorazione dei Caduti

4 Maggio. Superga, tanto affetto per la squadra e per Gianluca Petrachi; nei confronti dei giocatori, tutto è diverso da pochi mesi prima. Capitan Bianchi legge l’elenco delle vittime con grande partecipazione, come non si vedeva da tempo

4 Maggio. Superga, don Aldo Rabino durante l’omelia richiama all’unità tra tifosi, denunciando le divisioni come il più grande male per il Toro. E chiede a Cairo di investire più risorse per il vivaio

8 Maggio. Il Torino batte il Sassuolo a domicilio per 3 a 2, al termine di una partita sofferta, davanti a circa 5mila granata che invadono il “Braglia” e che sostengono Matteo Sereni il quale salva innumerevoli volte i suoi. Pioli, mister avversario: “Troppa fortuna per loro, spero di ritrovarli ai play-off”. Sarà accontentato

15 Maggio. Scompare, a soli 60 anni, Maria Cristina Pianelli, figlia del grande Orfeo

29 Maggio. Rolando Bianchi, alla vigilia dei play-off che potranno decidere la promozione per i suoi, dichiara a TN: “Noi siamo il Toro: gli altri devono temerci!

29 Maggio. Sfila il grande corteo delle tifoserie organizzate contro la Tessera del Tifoso

30 Maggio. Ultima di campionato, Torino-Cittadella 1-0, gol di Belingheri ed esordio di Simone Benedetti, figlio di Silvano. I granata, negli spareggi, affronteranno il Sassuolo, mentre altrove di sfideranno Brescia e lo stesso Cittadella

2 Giugno. Andata della semifinale play-off: la banda di Colantuono non va oltre il pareggio casalingo contro i neroverdi, che vanno in vantaggio con un gol dell’ex, Martinetti, e trovano l’1-1 con Bianchi

6 Giugno. Sassuolo-Torino é un’altra partita memorabile, e come già in campionato sono ancora Scaglia e Bianchi a regalare ai granata una vittoria diversa dalla precedente ottenuta sullo stesso campo, perché stavolta nettamente meritata. Ora si aspetta il Brescia in finale

9 Giugno. Eccola, la finale. Ma c’é qualcosa che non va: in evidenza, nel primo tempo, é l’arbitro Damato. Che non vede il fallo da rigore più espulsione del difensore azzurro Mareco ai danni di capitan Bianchi, penalizza costantemente il Toro, fino a diventare assoluto protagonista nei minuti di recupero, quando annulla inopinatamente il gol (primo in granata) di Rachid Arma che poteva valere la Serie A. E’ zero a zero

9 Giugno. Ma non basta: il dirigente bresciano Maifredi, nel post-partita, afferma che lo stesso Bianchi é stato pizzicato dalla tv mentre si lasciava andare ad una bestemmia, e pertanto ne chiederanno la squalifica. Non é sufficiente che il bomber si stesse facendo medicare causa una gomitata ai suoi danni non sanzionata, c’é anche la beffa

10 Giugno. Beffa consumata completamente il giorno seguente, quando il capitano del Torino viene effettivamente squalificato

10 Giugno. Esplode la rabbia granata, il giocatore, cresciuto in parrocchia, dichiara di non aver mai bestemmiato in vita sua, e che nella circostanza specifica aveva pronunciato le parole “Zio cane”. L’espressione viene immediatamente adottata come slogan dall’intera tifoseria del Toro

10 Giugno. Conferenza-stampa di Urbano Cairo, altrettanto arrabbiato: “Mareco vergognoso, prima della partita ha detto che avrebbe picchiato Bianchi, poi ha minacciato Scaglia dicendogli che sa dove abita. Vergognoso l’atteggiamento dell’arbitro, vergognosa la vendita dei biglietti per la gara di ritorno

10 Giugno. Già, perché ci sono diversi problemi legati alla scarsa disponibilità di tagliandi messi a disposizione dai lombardi per la partita del “Rigamonti”, disponibilità che poi verrà parzialmente allargata. Ma intanto viene detto “no” alla richiesta di installare un maxischermo in città, a Torino

11 Giugno. Hugo Mareco, sudamericano del Brescia al centro delle polemiche, annuncia di voler querelare Cairo per diffamazione. Intanto Gigi Maifredi si rivolge alla polizia perché sarebbe stato minacciato telefonicamente a più riprese

11 Giugno. Arriva la buona notizia: il ricorso presentato dal Torino avverso alla squalifica di Bianchi é stato accolto. Il bomber ci sarà, ma la due giorni tra aule di tribunale gli ha impedito di allenarsi e l’ha provato

11 Giugno. Circa duecento tifosi del Brescia tentano di fare irruzione nel ritiro dei granata presso il capoluogo lombardo, spaventando la squadra di Colantuono e impedendole di riposare. Un sostenitore bresciano invece     denuncia di aver subito un’aggressione, mentre altri petardi vengono lanciati presso l’albergo granata. La tensione é a mille

13 Giugno. Il Toro, ed in particolare Bianchi, arrivano forse un po’ scarichi al match del “Rigamonti”, e perdono per 2 a 1 (gol di Arma nel finale, stavolta valido). Finisce qui la stagione granata; a fine gara, Colantuono annuncia “Vado all’Atalanta”, poi nei giorni successivi cercherà TN per far capire ai tifosi che il suo tempismo infelice voleva in realtà essere un esercizio di onestà. Si va in vacanza  (continua)

(foto M.Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy