Un assist e una doppietta per sbloccarsi: ora il Torino spera in Verdi

Focus on / L’ex Napoli si è dimostrato determinante nella sfida con il Lecce, quando doveva prendere in mano la squadra vista l’assenza di Belotti

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Per la prima volta in questa stagione, il Toro è sceso in campo senza Andrea Belotti. Il Gallo è stato fermato da alcuni problemi fisici e in Coppa Italia contro il Lecce, gli uomini di Giampaolo si sono trovati a dover inseguire dopo il vantaggio pugliese firmato da Stepinski. Nel momento di maggior bisogno però, la rimonta granata è stata lanciata e portata a termine da Simone Verdi.

LEGGI ANCHE: Torino-Lazio: Tare evoca lo scenario rinvio, ma cosa dice il protocollo?

TRASCINATORE – L’ex Napoli ha messo lo zampino in tutti e tre i gol che il Toro è riuscito a realizzare, ribaltando la gara. Sul punteggio di 0-1 per la squadra di Corini, Verdi ha letto bene l’inserimento di Lyanco e dalla bandierina – confermando di essere un ottimo battitore di corner – ha piazzato un cross perfetto per la fronte del brasiliano che ha potuto pareggiare battendo Vigorito. Poi, Verdi si è presentato sul dischetto del rigore in avvio della seconda frazione supplementare. Il numero 24 granata, a differenza di quanto fatto in alcune ghiotte occasioni da gol sciupate nelle ultime gare di campionato, ha dimostrato freddezza e senso di responsabilità spiazzando l’estremo difensore giallorosso e firmando il sorpasso. Due minuti più tardi, è stato ancora il classe 1992 ad insaccare destreggiandosi nell’area leccese, completando così la rimonta e mandando il Toro al turno successivo di Coppa Italia in cui i granata affronteranno, ancora in casa, l’Entella.

TURIN, ITALY – OCTOBER 28: Simone Verdi of Torino FC scores his goal from the penalty spot during the Coppa Italia match between Torino FC and US Lecce at Stadio Olimpico Grande Torino on October 28, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

RISCATTO – L’attaccante granata ha risposto alla chiamata di Giampaolo e ha dimostrato di poter prendere in mano un Toro orfano di Belotti. Firmare una doppietta così importante è chiaramente un’iniezione di fiducia per Verdi, che come detto era reduce da alcuni pesanti errori sottoporta. Nella scorsa stagione, Simone aveva segnato appena due reti contro Sampdoria e Spal. La strada per il riscatto personale dopo un’annata in chiaroscuro è ancora lunga ma la doppietta al Lecce può rappresentare la scintilla giusta per tornare a incidere anche in campionato. O almeno, questo è ciò che auspica il Torino: anche perché nella nuova posizione pensata da Giampaolo per Verdi, piazzato come seconda punta, le occasioni da gol per il numero 24 non mancheranno.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Robs - 4 settimane fa

    Se fosse stata una partita sui 90 minuti avrebbe faticato a prendere un 5…2buone palle messe in mezzo ma quante sbagliate? Quanti passaggi di misura errata? Poi i supplementari ci hanno regalato almeno la speranza che questo gli dia fiducia, ma ci vogliono almeno 2-3 partite per capirlo realmente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gra67 - 4 settimane fa

    Verdi ha un dono naturale, due piedi delicati, però serve anche la testa. Con due gol e il lavoro di Giampaolo speriamo ritrovi serenità e convinzione.
    Potrebbe essere perfetto in coppia con il Gallo.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. renato (quello vero) - 4 settimane fa

    Il Verdi visto ieri come seconda punta è stato decisamente più incisivo di quel giocatore abulico ed inconcludente che abbiamo visto l’anno scorso.
    Mi sembra di capire che forse qualcuno gli ha trovato un ruolo più adatto alle sue caratteristiche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bastone e Carota - 4 settimane fa

    Non è un trequartista, Gp non gioca con gli esterni d’attacco, e quindi giocoforza l’ultima chance era provarlo come seconda punta.
    A me ieri è piaciuta la freddezza nel battere il rigore, meno, molto meno, tante altre cose. Però c’è da dire che ha messo un buon pallone sulla testa di Bonazzoli e poi su quella di Lyanco. Speriamo che cresca in velocità e in convinzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Nero77 - 4 settimane fa

    La Qualita cè, basta che ritrovi la fiducia nei propi mezzi ed una sistemazione adeguata in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. FORZA TORO - 4 settimane fa

    bravo,ma ora bisogna che dia seguito,forza ragazzo SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy