Palermo-Torino, Zappacosta e De Silvestri: si infiamma il ballottaggio

Palermo-Torino, Zappacosta e De Silvestri: si infiamma il ballottaggio

Focus on/ Il laziale scalpita per una maglia da titolare, l’ex sampdoriano per ora insegue

2 commenti
Zappacosta

Dopo la sosta forzata del campionato per lasciare spazio alle Nazionali, il Torino si può finalmente concentrare sulla sfida che dovrà affrontare lunedì sera sul campo del Palermo. Tra i dubbi di Mihajlovic c’è sicuramente quello che riguarda la scelta del terzino che agirà sulla fascia destra, infatti Davide Zappacosta quando è stato chiamato in causa ha fatto molto bene e potrebbe giocare dal primo minuto nella sfida contro i rosanero, scalzando “il pupillo” del tecnico serbo dal ruolo di titolare sulla corsia destra.

LA CONDIZIONE DEI GIOCATORI – A causa dell’infortunio patito da De Silvestri nella sfida contro la Roma, l’ex giocatore dell’Atalanta ha disputato dal primo minuto la gara che ha visto il Torino sconfiggere la Fiorentina nella gara che si è giocata prima della sosta. L’esterno laziale ha giocato un’ottima gara, difendendo in maniera efficace e spingendosi in più occasioni in sortite offensive, dimostrando – dopo lo spezzone giocato contro la Roma – di attraversare un ottimo momento di forma.  L’ex esterno della Sampdoria, invece si è completamente ripreso dal suo infortunio e anche se il suo inizio di stagione non è stato molto positivo, può ancora godere della fiducia di Mihajlovic che lo ha voluto a Torino perchè apprezza molto le sue caratteristiche tecniche.

Atalanta BC v FC Torino - Serie A

LE ULTIME PARTITE – Se l’analisi venisse fatta soltanto sulle ultime gare disputate dai due giocatori, Zappacosta sicuramente meriterebbe di giocare dal primo minuto. L’ex Atalanta ha disputato delle gare molto positive sia contro la Roma che contro la Fiorentina. Stessa cosa non si può dire invece per De Silvestri, il giocatore voluto fortemente dal tecnico, ha avuto un inizio di campionato un po’ difficile, risultando troppo frettoloso soprattutto nella propria area di rigore, infatti ha già causato due calci di rigore; uno per un fallo su Gomez contro l’Atalanta che poi ha portato alla sconfitta dei granata a Bergamo e un altro nella vittoria contro la Roma su Perotti che ha fatto riaprire ai giallorossi la partita.

I due giocatori sono in forte ballottaggio per la sfida di lunedì con l’ex giocatore bergamasco che pare leggermente favorito sul compagno di reparto, ma i dubbi di mister Mihajlovic saranno sciolti soltanto poco prima della sfida, quindi sia Zappacosta che De Silvestri hanno ancora qualche giorno di tempo per convincere il tecnico ad affidargli la maglia da titolare.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    La differenza fra i due giocatori è che Zappacosta è un già ottimo terzino mentre De Silvestri è un buon terzino che potrà diventare ottimo se seguirà i consigli di mastro Mihajlovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 2 mesi fa

    Zappacosta merita la riconferma: ha giocato la miglior partita da quando è al Toro e, a 24 anni, deve avere continuità per dimostrare tutto il suo potenziale.
    Il buon De Silvestri può meditare un po’ in panca sui due banalissimi rigori che ha concesso di recente: tornerà poi il suo turno, ma adesso, largo ai giovani!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy