Sandro Mazzola: “Tornerò al Filadelfia. Derby? Il 4 maggio va oltre”

Sandro Mazzola: “Tornerò al Filadelfia. Derby? Il 4 maggio va oltre”

Esclusiva TN / Ultima intervista del ciclo dedicato alla commemorazione granata. Il figlio di Valentino: “Ricordo quando Bacigalupo mi faceva segnare i rigori”

5 commenti
Sandro Mazzola

Abbiamo ascoltato la voce del nipote dei Ballarin, del figlio di Ossola, di quello di Bacigalupo, di quello di Gabetto e di chi celebrerà la messa nel ricordo di Don Aldo Rabino, Don Robella.  Negli ultimi giorni, Toro News vi ha presentato le voci più autorevoli attorno al 4 maggio. E oggi, giunti al giorno sacro del mondo granata, non potevano mancare le parole del figlio del capitano Valentino Mazzola, Sandro. Per lui una carriera da campionissimo nell’Inter e nella Nazionale, ma un pezzo di cuore lasciato per sempre a Torino, tra il colle e il Filadelfia. Ecco le sue parole, fragili e protette da un impenetrabile velo di comprensibile e dolce malinconia.

Anche quest’anno si avvicinano le celebrazioni del 4 maggio, le prime dopo la tragedia della Chapecoense. Un anniversario attuale come non mai.

Sicuramente è una data particolare per la mia famiglia. Siamo sempre stati abituati ad andare a Superga, ma difficilmente proprio il 4 maggio: di solito saliamo qualche giorno prima, ma in quel giorno ci faceva sempre piacere vedere quanta gente ci fosse.

Mazzola e loik

Cosa prova Mazzola, all’avvicinarsi del 4 maggio, dopo tanti anni?

Finché non arrivi in alto va tutto abbastanza bene. Ma una volta arrivato lì, ti manca il respiro. Ogni volta è così.

Quand’è salito l’ultima volta a Superga? Ci tornerà?

Sarà quasi un anno che non vado. A breve porterò i miei nipotini, che non sono mai saliti. Tra l’altro, uno impazzisce per il pallone: appena mi vede, mi dribbla subito (ride).

Un degno Mazzola. A proposito, tra meno di un mese risorgerà il Fila. Lei l’ha vissuto da piccolo tifoso. Che ricordo ne ha?

Il ricordo è che andavo a tirare i rigori a Bacigalupo. Lui mi faceva fare gol e io esultavo facendo il giro del campo, tutti i tifosi mi applaudivano. Ero già bravino a tirare, in porta il pallone ci arrivava; avevo 5-6 anni. Ma lui si buttava sempre dall’altra parte.

1973: The Italian football team who qualified for the 1974 World Cup after beating Switzerland. Back row, left to right: R Benetti, D Spinosi, Gianni Rivera, Dino Zoff, G Morini, Luigi Riva. Front row: Fabio Capello, Giacinto Facchetti, Pietro Anastasi, Sandro Mazzola, T Burgnich. (Photo by Keystone/Getty Images)
1973: The Italian football team who qualified for the 1974 World Cup after beating Switzerland. Back row, left to right: R Benetti, D Spinosi, Gianni Rivera, Dino Zoff, G Morini, Luigi Riva. Front row: Fabio Capello, Giacinto Facchetti, Pietro Anastasi, Sandro Mazzola, T Burgnich. (Photo by Keystone/Getty Images)

Verrà a vederlo, una volta ultimato?

 Sì, ma non il 25 maggio. Verrò con calma, quando ci sarà poca gente.

Due giorni dopo c’è il derby.

Bisogna castigarli (ride).

Valentino_Mazzola

Possiamo immaginare la carica che può dare il 4 maggio ai giocatori in vista di una stracittadina. Ma viceversa: la prospettiva del derby può dare qualcosa in più alla commemorazione, magari in termini di ulteriore cementificazione del senso di appartenenza?

Credo che Superga sia oltre, al di fuori di tutto. Ricorderò sempre quando andavamo nei 4 maggio, ricordo la processione, incredibile il ricordo che c’era dopo anni. Mi torna in mente anche la prima volta che ho giocato a Lisbona, avevo una paura folle dell’aereo. Anche lì ricordavano il Grande Torino.

Una squadra che ha tracciato un solco profondo nella sua famiglia, naturalmente, ma anche in Italia e in Europa.

Ricordo mio padre alzarsi le maniche e dire: “Allora, cominciamo?”. E lì non ce n’era per nessuno.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 5 mesi fa

    Giocare per il pareggio in un derby equivale anticipare la sconfitta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. biziog - 5 mesi fa

    Ricordo, per chi se ne fosse dimenticato, che il signorino qui sopra è quello che ci fece spendere 14 miliardi per Franco Ramallo, spacciandolo a Cimminelli come un fuoriclasse
    e bisogna dire che i più pensarono che non fu acquistato per incompetenza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vezzefrem - 5 mesi fa

    e che invidia mi facevi !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vezzefrem - 5 mesi fa

    si Sandrino ……io ti vedevo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fredxza - 5 mesi fa

    ” allora cominciamo ” capitan Valentino si sollevava le maniche e …. allora non ce n’era per nessuno !!!
    allora Bellotti si sollevi le maniche e al suono della tromba ( si troverà uno che sappia suonarla

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy