Calciomercato Torino, il punto: incrocio Falque-Verdi, Zaccagno e Petrungaro in uscita

Calciomercato Torino, il punto: incrocio Falque-Verdi, Zaccagno e Petrungaro in uscita

Calciomercato / I due giovani granata sono in uscita dal Toro. Falque può accelerare i piani del Torino

di Redazione Toro News

VERDI-FALQUE

NAPLES, ITALY – MAY 05: Simone Verdi of Napoli during the Serie A match between SSC Napoli and Cagliari at Stadio San Paolo on May 5, 2019 in Naples, Italy. (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

L’incastro di mercato del giorno riguarda Simone Verdi e Iago Falque. L’infortunio dello spagnolo può costringere il Torino ad accelerare per regalare un trequartista a Walter Mazzarri prima dell’inizio del campionato. Cambia quindi la strategia del Torino che prima voleva aspettare la fine dei preliminari e adesso deve dare una svolta al suo mercato acquistando il giocatore richiesto dal tecnico toscano. C’è ancora distanza tra le parti visto che De Laurentiis chiede 25 milioni di euro e il Torino arriva a 20. Il punto d’incontro si potrebbe trovare a 20 milioni + 2 di bonus per un totale di 22 milioni di euro.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 3 mesi fa

    Verdi può essere un innesto importante per il Toro, a patto che non si voglia cedere più in là lo stesso Iago Falque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. miele - 3 mesi fa

    Non ho mai fatto troppo affidamento sulle promesse di Cairo fatte qualche mese addietro. Quando parlava di 3 innesti di valore non mi facevo alcuna illusione: conosco troppo bene il soggetto. Poi quando è iniziata la telenovela Verdi, ho avuto la conferma che fossimo alle solite: si punta su elementi assolutamente inadeguati e sui loro costi si possono immaginare strani giochetti. Di gente veramente valida, non solo non se ne parla, ma non c’è l’ombra di serie intenzioni. Spero che Verdi rimanga dov’è e dove ha fatto così bene ed a questo punto, spento ogni entusiasmo, mi rassegno a rivedere la stessa squadra del campionato scorso, sperando che Lyanco non si rompa troppo spesso, che Zaza ritorni quello di qualche anno fa e che Ola Aina e Meite riescano a diventare quello che le loro potenzialità lasciano intuire. Abbandoniamo ogni altra ipotesi e confidiamo unicamente sul consolidamento de vecchio gruppo. Con Cairo non si può pretendere di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata_vero! - 3 mesi fa

    …ma e’ possibile che l’articolo oltre ad essere privo di contenuti come dice Giaguaro66 e’ anche pieno zeppo di errori grammaticali (articolo su Zaccagno)???!!!
    Ma chi c’e’ in redazione, una banda di ubriachi/presuntuosi che non si degna nemmeno di rileggere quello che scrive??!!
    Siete dei giornalisti o degli analfabeti??!!
    Questa e’ anche una mancanza di rispetto verso noi lettori e frequentatori di questo sito che ormai di granata non ha più nulla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giaguaro 66 - 3 mesi fa

    A prescindere dall’articolo privo di contenuti mi sorge spontanea una domanda: ma quest’anno la società che obiettivi si è posta con la squadra così com’è ad oggi?
    Andare lontano in EL? Arrivare nelle prime 4 posizioni in Campionato per accedere alla CL? Vincere la Coppa Italia?
    Giro la riflessione a tutti voi tifosi obbiettivi, che ,magari riuscite a darmi qualche risposta. Quelli che insultano e rispondono senza contenuti possono astenersi dal perdere tempo.
    Grazie a tutti!
    Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Ecco : questa è la madre di tutte le domande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. eurotoro - 3 mesi fa

      Ciao..ti dico la mia…come la vedo io l’obiettivo primario x la societa e’ far crescere i vari bremer lyanco lukic meite berenguer e tutti i giovani grazie al lavoro di mazzarri e ritrovarsi penso tra 2 anni una squadra da 4/5 posto che gioca a memoria e con sempre meno bisogno di innesti…facendo riferimento al presidente le dichiarazioni di superga di emulare il modus operandi del Grande Torino…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fra_grant_3447307 - 3 mesi fa

        Da 4o5 posto?? Una squadra da 4o5 posto credo che la vedremo in un altra vita, forse.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. abatta68 - 3 mesi fa

      Ti dico la mia: di margine per migliorare questa squadra non ce ne è molto, se non attraverso la creazione di un gruppo solido e la continuità della direzione tecnica, sulla falsa riga del ciclo di ventura. Cairo sa benissimo che non può promettere la luna e preferisce sostenere la linea del “tengo tutti i migliori”, che poi vuol dire mi tengo la stessa squadra dello scorso anno perché devo aumentare gli ingaggi e rinnovare i contratti. Più su di così è difficile andare, ma si chiede a mazzarri di fare il max con quello che ha. Cairo prenderà verdi e proverà a fare cassa con uno delle seconde linee, tipo bonifazi. Arriverà anche un esterno, ma non certo un top player. Io credo che l obiettivo sia quello di consolidare la squadra per il 6/7 posto e fare 65 punti, non credo si pensi ad altro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Gli obbiettivi sono quelli dati dalla logica dal buon senso in relazione a competizioni/avversari/nostro potenziale. Andare il più avanti possibile nelle coppe, piazzarsi meglio dello scorso anno in campionato. Non occorre dichiararli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Ardi - 3 mesi fa

      È quello che mi chiedo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. user_13544470 - 3 mesi fa

      ciao giaguaro,
      secondo me l’obiettivo della società è superare i gironi, e in campionato ri-entrare in europa league.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giaguaro 66 - 3 mesi fa

        Grazie a tutti per le vostre risposte, trovo molto bello che ognuno di noi abbia la propria visione e trovo piacevole confrontarsi tra noi innamorati di questa maglia e con un’unica fede.

        A questo punto esprimo anch’io la mia opinione: a mio avviso abbiamo una storia così importante e un numero di tifosi che se non vado errato si aggira attorno ad un milione di persone, che purtroppo non viene sfruttata per l’enorme potenziale che ha. Sono grato a Cairo di averci tirato fuori dalla melma e a Mazzarri (anche se personalmente non mi piace tanto) che ha fatto quanto di meglio con quello che ha e ha avuto a disposizione. Io credo che se Cairo con il Toro fosse più lungimirante a quest’ora saremmo davvero potuti rientrare nelle prime 4 posizioni in campionato. Purtroppo a mio avviso ha sfruttato il nome del Toro per arrivare fino a scalare RCS ma senza mettere in primo piano il business che il Toro stesso avrebbe potuto generagli oltre naturalmente all’aumento della sua personale notorietà. Io credo che la base dirigenziale sia priva di persone di valore manageriale importanti, quali ad esempio un Uberto Fornara che segue le aziende del Presidente da tanti anni. Ultimo esempio eclatante è il nuovo contratto tecnico con l’azienda spagnola, Joma, molto lontana dalle aziende di prima fascia nel settore sportivo. Con il contratto di Kappa in scadenza e senza la volontà di Marco Boglione di rinnovarlo se solo avessimo avuto dei manager di livello avremmo potuto arrivare ad aziende del calibro di Nike o Adidas (tra l’altro già nostro sponsor ai tempi di Comi e Shacner) che ci avrebbero si dato una visibilità internazionale di alto livello. Di conseguenza come tutte le cose nella vita, le case vanno costruite dalle fondamenta e non dal tetto se uno vuole che restino su a lungo senza frantumarsi per un colpo di vento inaspettato. Ecco a mio avviso qui sta il punto: la mancanza di strategie e di programmazione, perchè non è riprendendo Verdi che si possa ambire alla Cl, il lavoro è molto più complesso. La mia speranza è quella che Cairo capisca che solo così si potrà fare nuovamente qualcosa che rimanga nella storia, senza galleggiare o vivacchiare in mezzo alla classifica. Io ho avuto l’enorme fortuna di vedere all’opera il giaguaro, puliciclone, il poeta del gol, di esser a Roma quando abbiamo alzato l’ultimo soffertissimo trofeo e ad Amsterdam in una notte indimenticabile. Mi piacerebbe che i nostri ragazzi tifosi del Toro, con genitori meravigliosi che trasmettono loro la nostra grande passione, potessero gioire anche loro così come è capitato a noi. Mi piacerebbe vederli uscire dallo Stadio Grande Torino con il sorriso sulle labbra dopo avere sconfitto i gobbi, cosa che non facciamo da tempo immemore, questo mi piacerebbe. Vedere gioire i giovani cuori granata essere fieri di tifare per la storia del calcio italiano e non solo.
        Forza Toro a tutti!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. eurotoro - 3 mesi fa

    Mamma mia che cifre x prendere giocatori di 25/27 anni…ma io dico..abbiamo cosi tanti giovani..ma xche non viriamo su un 31/32enne di classe che si inserirebbe subito visto l’esperienza in piu si risparmia sul cartellino..la viola sta pagando boateng 1,5 milioni…pensa te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. grup_8223689 - 3 mesi fa

    Spendere 20 milioni per uno che in carriera é riuscito a fallire a Milano, Torino e Napoli, mi sembra una cosa assurda…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. christiangig_6042482 - 3 mesi fa

    @mah….
    Cairo non è uno scemo…. d’accordo con te sulla storia dei 24 milioni.. ma vai tranquillo che se Cairo dà il benestare è perchè sotto c’è un tornaconto.. e figurati se si fà prendere per il culo da uno che è stato preso per il culo per la storia di Maksimovic..
    Vai tranquillo che se arriva, arriva a patti di Cairo o alla peggio con un prestito, in fin dei conti Verdi non è quello che ci manca e tieni conto che il ragazzo è abbonato agli infortuni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user_13544470 - 3 mesi fa

    se mazzarri vuole verdi prendiamo verdi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. mah... - 3 mesi fa

    In buona sostanza, da quello che leggo, noi andremo a regalare 24 milioni al Napoli per aiutarlo a comprare De Paul senza avere particolari problemi. Già che ci siamo portiamoglielo in spalla.
    Vorrei solo fare presente che De Paul, da quello che leggo, è stato riscattato dall’Udinese a metà del 2016 per la cifra di 3, dico TRE, milioni.
    Aveva, a quel tempo, spero di non sbagliare, appena compiuto 22 anni.
    Se la matematica non è un opinione andremo a pagare Verdi come 8 De Paul di due anni fa.
    Non so se è chiaro il concetto. Ma più chiaro di così…
    E’ mai possibile che da noi operazioni come come quella di De Paul del 2016, quando si fanno, risultino complicate e poi, se riescono, vengano sbandierate come un grande successo della dirigenza?
    Non potrebbero essere, queste operazioni, la NORMALITA’ di un lavoro di una società di calcio?
    Bava non è l’esperto proprio del settore giovanile? Non è questo il suo punto di forza?
    Non ci sono, in giro per il mondo, dei giovani alla “De Paul” e alla “Verdi” acquistabili per delle cifre accettabili e che non siano la solita presa in giro?
    Giovani che sarebbero sprecati per la primavera e pronti invece per entrare in prima squadra prima che raggiungano cifre folli?
    No? Sicuri?…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 mesi fa

      Se è per questo, Claudio sala fu pagato 750 milioni di lire, circa 400mila euro… vogliamo mettere de paul con il poeta? Non possiamo star qui a fare queste valutazioni economiche, la squadra va allestita per raggiungere degli obiettivi… secondo il tuo ragionamento, spendendo un max di 3milioni a giocatore compreremo dei nuovi de paul e con questi finiremmo in CL? Mah… di boye non ne abbiamo visti già abbastanza?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mah... - 3 mesi fa

        Peccato che squadre come l’Ajax o ragionano così o affogano. Intanto mandano il Real a casa… E sì, di Boyé ne abbiamo visti abbastanza, anche perché i De Paul, a tre milioni, se li comprano sempre gli altri, guarda un po’…Visto che “fari spenti” con il suo database pieno di Pellicori è andato a cantare in un altro cortile, la speranza era nel cambiamento, nell’evoluzione in meglio e non nell’involuzione e nel conseguente peggioramento dove le aspirazioni massime sono da comparsa in un film.

        ps. Claudio sala fu pagato 750 milioni negli anni 70…veramente devo anche fare una semplice spiegazione di economia? Ci rinuncio, lascio il compito a Vanni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ardi - 3 mesi fa

      Sono d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Gian-lca-luna sono con voi.
    Sarei contentissimo se ADL rimanesse col cerino in mano dopo che Cairo l’avesse intortato per due mesi con la storia di Verdi. E poi arrivasse il buon vecchio Pereyra o De Paul o chiunque altro sia ritenuto valido da Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bergen - 3 mesi fa

    Malgrado l’evanescenza di questi commenti ripetitivi del nulla, bisogna riflettere sul rischio di affrontare le competizioni con una rosa corta.
    Quando il gioco si farà più duro senza alternative non si ba da nessuna parte.
    Il rischio sarebbe non soltanto di uscire dall’EL ma di non approfittare di un’annata che potrebbe essere favorevole, con molti concorrenti in fase di transizione o nel caos societario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. luna - 3 mesi fa

    Spero ci siano trattative serie di altro spessore, tenute nella comprensibile riservatezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. lcaroggi_920 - 3 mesi fa

    Boh… quando c’è di mezzo De Laurentis io non riesco a pensare ad altro che non sia un mega pacco.. Speriamo di no. FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. gianTORO - 3 mesi fa

    per me sono troppi per Verdi non credo li valga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christiangig_6042482 - 3 mesi fa

      Non li vale infatti, ma è chiaro che ADL in qualche modo vuole restituire il favore a Cairo con la storia Maksimovic..

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy