Il Filadelfia acclama il ritorno di Izzo e il Toro vuole blindarlo: rinnovo e adeguamento

Il Filadelfia acclama il ritorno di Izzo e il Toro vuole blindarlo: rinnovo e adeguamento

Focus on / Il difensore è sempre più un beniamino del popolo granata: aperta la trattativa per il rinnovo

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Si era perso il tripudio dei tremila nel raduno ma è stato ripagato da un’accoglienza interamente dedicata a lui. Il ritorno di Armando Izzo al Filadelfia è stato il tema principale emerso dal secondo allenamento a porte aperte della stagione. Il difensore napoletano continua ad essere uno dei più acclamati dal pubblico, è un vero e proprio beniamino per i tifosi granata: sarebbe strano il contrario dopo una stagione disputata su quei livelli.

INDISPENSABILE – Armando Izzo è una delle colonne portanti della squadra di Mazzarri. Non sono solamente i tifosi a volerlo trattenere a tutti i costi ma anche l’allenatore e la società. Lui stesso, nonostante il forte interesse di diversi club europei di alto profilo, si è immedesimato nell’ambiente ed è stato uno dei più attivi nei festeggiamenti per la qualificazione all’Europa League, un altro incentivo a rimanere.

RINNOVO – Suonano le sirene, ovviamente, e non solo dall’Italia. Per questo la società vuole blindarlo ed ha aperto un tavolo per discutere del rinnovo contrattuale del giocatore. Izzo percepisce 1,3 milioni di euro fino al 2023 e si sta lavorando per adeguare l’ingaggio e prolungare il vincolo. Salvo sorprese clamorose, quindi, Izzo continuerà a ricevere cori e applausi anche dopo il tripudio odierno del Filadelfia.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata doc 50 - 2 mesi fa

    Gentile sig. èquasifatta, poichè mi sento dare dell’INGUARIBILE ASINO ANALFABETA e PRIVO DI ALCUNA ERUDIZIONE, vorrei farle presente che il termine “mandrogno” è sempre stato usato nel torinese in senso dispregiativo. Probabilmente il fatto che Lei lo ritenga non tale deriva o dalla sua età o dalla sua provenienza. Inoltre, in piemontese si usa dire che “è il tono che fa la musica (Le risparmio la frase in dialetto per ovvi motivi di comprensione anche da parte sua) ed il suo tono, mi permetta, è sempre stato offensivo.
    Chiudo qui la querelle, ritenendo che sia inutile sottolineare ancora la Sua malafede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 2 mesi fa

    Nkulu oltre ad essere forte è il perno centrale della difesa, difficile da sostituire. Perrotti è sempre rotto e credo abbia 32 anni. I dieci milioni di differenza non ci faranno comprare il sostituto ideale di nkulu. Perciò è una proposta che credo Cairo non prenderà nemmeno in considerazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granata doc 50 - 2 mesi fa

    Apprezzerei, da vecchio torinese e torinista, abituato al bon ton d’antan di noi sabaudi, che da oggi, in attesa dei risultati dei tre fronti che ci attendono (EL, campionato e coppa italia), si smettesse di usare termini “sgradevoli” nei confronti della dirigenza e dell’allenatore che, pur se con alti e bassi, ci hanno portato ad occupare il posto che ci spetta. Si chiamano Urbano Cairo e Walter Mazzarri, oppure presidente e mister, non in altro modo. Se vogiamo rispetto, dobbiamo essere noi i primi a domostrarlo verso noi stessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 2 mesi fa

      Sarà perché il “50” ci accomuna, così come il torinese e il torinista, ma concordo piemamente!
      Aggiungo che educazione e rispetto, uniti all’uso di termini non troppo volgari e mortificanti nei confronti del Presidente, dell’allenatore, dei dirigenti, dei giocatori tutti, ed anche dei co-tifosi,”magnificherebbe” soprattutto la persona che scrive, rendendo lui stesso più rispettabile!
      Bisognerebbe inculcare il concetto che dissentire si può, ma non abbiamo il diritto di considerare “cretini” tutti quelli che non la pensano come noi o che agiscono in modo a noi ostico e fastidioso!
      Dovremmo sempre tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 mesi fa

        Vi quoto tutti e due!Qui il rispetto non si sa neanche cosa sia, quello che fa più specie è che proprio da persone per così dire (Ma non voi) “adulte” viene a mancare. Come quel soggetto al quale ho risposto di sotto…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Madama_granata - 2 mesi fa

        Concludo, scusate.
        Dovremmo sempre tutti porci la domanda, ed accettare l’idea, che potremmo essere proprio noi, e non gli altri, a sbagliare.
        E ricordarci che chiedere, pretendere persino, “spese folli” con i soldi degli altri è troppo facile!
        Così come è facile allenare dal divano di casa, e giocare a calcio con i videogiochi!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

      Speranza vana la tua, vedrai che ancor prima del preliminare i nomignoli insultanti verso Cairo Mazzarri ed il buon Bava (attendo con ansia il nomignolo che Vanni gli affibiera’) non tarderanno ad arrivare.
      Fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 mesi fa

        A proposito di Vanni:in questo momento sta di nuovo spopolando su antitoro.it…ma con tororussia ho i miei dubbi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 2 mesi fa

    Leggo altrove che Petrachi non molla: prima voleva Izzo e Lyanco, ora Nkoulou!
    Non uso aggettivi xché sarebbero solo parolacce, ma il “soggetto” offre 10mln+ Perotti.
    Se io fossi Cairo, direi che manca solo uno “0”: 100mln+Perotti!
    300 mln e li prende tutti e tre! Più Perotti, naturalmente!
    Per assurdo, preferirei darli a 1 milione altrove, piuttostoche a 10 milioni a lui e alla sua Roma!!!
    Comunque devono restare a Torino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. èquasifatta - 2 mesi fa

    Vorrei solo vedere se “qualcuno” dovesse offrirgli un triennale da 5/6 milioni a stagione, quale sarà la sua reazione al “rinnovo” a 2,5 milioni a stagione del mandrogno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 2 mesi fa

      Te l’ho già scritto, fatti furbo te e il tuo termine dispregiativo “mandrogno”.
      Sei solo un GRANDISSIMO MALEDUCATO al 75esimo multinick.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

        È il canederlo che scrive

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. èquasifatta - 2 mesi fa

        Prima di considerarlo un termine dispregiativo, dovreste conoscerne almeno etimologia e significato.

        Ma, essendo voialtri degli INGUARIBILI ASINI ANALFABETI e PRIVI DI ALCUNA ERUDIZIONE, scrivete sempre e solo a vanvera, rimediando le solite figure di “cioccolata”…!!! 😛

        Mandrogno

        In dizionario: sinonimo di alessandrino, abitante di Alessandria e dintorni; regionalismo piemontese che può portare diverse accezioni a seconda del contesto. Il termine deriva da Mandrogne (di etimologia incerta), un nucleo abitato nei pressi di Alessandria preesistente alla città (fondata nel 1168) i cui abitanti erano considerati, scrive Umberto Eco, «un’isola razziale, non si sa se di origine zingara o saracena (e ne avevano i tratti somatici, belli, alti, capelli crespi e naso aquilino). Praticavano il commercio di pelli di coniglio, e vigeva tra loro un’omertà quasi siciliana. Per metonimia o sineddoche, e per indicare un carattere chiuso, astuto e testardo, il termine mandrogno è stato esteso a tutti gli alessandrini in genere». Mandrogno si riferisce quindi a tutte le caratteristiche stereotipicamente attribuite agli alessandrini, che non sono necessariamente negative: il giornalista Giovanni Arpino (1927 – 1987) scrisse infatti che l’alessandrino è «uomo concreto, sodo, pieno, in cui difetti e qualità si mantengono in un equilibrio tanto raro quanto inevitabile». Il mandrogno è quindi –a seconda del contesto– una persona dai modi spicci (forse per assonanza con mandriano, con il quale però non sono accertate origini comuni), oppure una persona abile nel condurre gli affari, scaltra. Un po’ come accade per l’americano rednex o il terrone riferito agli italiani del meridione, nonostante tenda a prevalere dall’esterno una accezione dispregiativa, il termine mandrogno è spesso utilizzato dagli stessi alessandrini con una punta di orgoglio, per dire “vero alessandrino”, legato e fedele alla terra natale. Il regalo del mandrogno è un romanzo di Pierluigi ed Ettore Erizzo, ambientato tra Piemonte e Liguria del Risorgimento italiano.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 2 mesi fa

          Grazie per gli insulti caro tuttologo, e grazie anche per aver chiarito che in realtà il mandrogno è in realtà un complimento.
          Fa piacere sapere che nel sito vi è almeno un laureato. Grazie di esistere

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. èquasifatta - 2 mesi fa

            Sempre a tua disposizione per colmare la tua ignoranza e asineria infinite.

            Mi piace Non mi piace
          2. maxx72 - 2 mesi fa

            Perché non parli di come hai etichettato Izzo un anno fa?

            Mi piace Non mi piace
          3. èquasifatta - 2 mesi fa

            Mai etichettato Izzo.

            Ti confondi con qualcun altro.

            Mi piace Non mi piace
          4. maxx72 - 2 mesi fa

            È vero, con questo nome non hai ancora etichettato nessuno (tranne alcuni utenti), l’anno scorso ti chiamavi in un altro modo. Ma non importa

            Mi piace Non mi piace
          5. èquasifatta - 2 mesi fa

            Beata ignoranza….!!!!

            “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”

            Mi piace Non mi piace
          6. maxx72 - 2 mesi fa

            Quante perle di saggezza e quante citazioni.
            Meno male che esisti tu con la tua immensa cultura.

            Mi piace Non mi piace
          7. èquasifatta - 2 mesi fa

            Eh, lo so…!!!

            Purtroppo sono “perle ai porci”…!!! 😛

            Mi piace Non mi piace
    2. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

      Intanto devono offrirglielo..
      Tu ed i tuoi numerosi multinik quando è arrivato avete scritto ogni nefandezza contro Izzo….
      Non sbaglio vero marco???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 mesi fa

        Avevo anche io questo dubbio caro Baci….che incredibile maleducato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

          Certo che è lui.
          È magari si definisce pure obiettivo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 2 mesi fa

            Infatti ho qualche dubbio pure sull'”obiettivo”…Grazie per avermeli fugati…

            Mi piace Non mi piace
  6. Madama_granata - 2 mesi fa

    Speriamo che non ci deluda!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy