Torino, contro il Cagliari non è decisiva. Ma non bisogna perdere

Lavagna Tattica / Torna l’appuntamento con Lello Vernacchia: “Molta sarà l’attenzione che la squadra granata dovrà prestare in fase difensiva: il Cagliari ha diversi giocatori importanti che potrebbero inventarsi la giocata vincente”

di Lello Vernacchia

Dopo il pareggio per 0-0 con il Genoa, il Torino di Davide Nicola questa sera torna in campo: alla Sardegna Arena di Cagliari i granata sfidano i rossoblu allenati da Eusebio Di Francesco in uno scontro salvezza. Entrambe le squadre infatti nelle zone basse della classifica e stanno disputando un campionato al di sotto delle aspettative: i granata occupano il quartultimo posto con 17 punti raccolti, il Cagliari invece è a quota 15. Con una vittoria i rossoblu scavalcherebbero in classifica il Torino,

LA PARTITA – Questa gara – come detto da Di Francesco ieri in conferenza stampa – sarà fondamentale ma non decisiva: sono ancora tante le partite da disputare ma la vittoria sarebbe una bell’iniezione di fiducia per entrambe le squadre, soprattutto da un punto di vista psicologico. Importante per i granata sarà la possibilità di dare continuità di risultati e prestazioni: dall’arrivo di Nicola, il Torino ha sì pareggiato quattro gare su quattro, ma da un punto di vista caratteriale senza dubbio la squadra ha risposto bene. I giocatori granata dovranno scendere in campo tranquilli, senza paura di sbagliare. L’importante per il Torino sarà non perdere questa partita.

CAGLIARI, ITALY – JANUARY 06: Radja Nainggolan of Cagliari looks on during the Serie A match between Cagliari Calcio and Benevento Calcio at Sardegna Arena on January 06, 2021 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

I SINGOLI – Molta sarà l’attenzione che la squadra granata dovrà prestare in fase difensiva: il Cagliari ha diversi giocatori importanti che potrebbero inventarsi la giocata, su tutti Joao Pedro e Nainggolan. Seppur non in ottima condizione, il centrocampista arrivato in prestito quest’inverno dall’Inter, ha le potenzialità di poter cambiare la partita con una giocata. Ci sono giocatori che possono tirare fuori dal cilindro determinate giocate e Joao Pedro e Nainggolan sono tra questi. Il Cagliari giocherà per la vittoria: il Torino dovrà fare molta attenzione.


Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toro1964 - 2 settimane fa

    Invece è proprio decisiva!
    il pareggio non serve a nulla… i punti in ballo sono macigni per lo scontro diretto… ricordiamo il risultato dell’andata… vincere vuol dire dare fiducia e credibilità al lavoro di Nicola. Vuol dire ritrovare un po’ di autostima e compattezza nel gruppo…
    Vinciamo!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 2 settimane fa

    Se non bisogna assolutamente perdere è proprio perché È DECISIVA!! Sbagliare questa sera vuol dire non poter più recuperare su nessuna oltre il cagliari, oltre ad avere perso entrambi gli scontri diretti con i sardi… insomma se non è decisiva questa! Possibile che non ci si renda conto che dopo questa rimarranno 15 partite, di cui la metà saranno molto probabilmente sconfitte… come si fa a non pensare che è questa la sfida spareggio?!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. roby.1974 - 2 settimane fa

    Stasera si vince

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bordeauxgranata - 2 settimane fa

    Sto guardando la Fiorentina, sono messi davvero male quanto noi…se la giocheranno fino all’ ultimo per salvarsi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torino Calcio 1906 - 2 settimane fa

      Si però loro vincono ogni tanto. I pareggi sono piccole sconfitte e col passare delle giornate lo sarà sempre più. Io rivoglio Giampaolo con lui qualcosa si intravedeva e soprattutto non aveva il regista. Non andava esonerato. Anche se Nicola riesce a salvare questa squadra cosa pensate che faccia il prossimo anno ? Quali obiettivi si possono raggiungere con un allenatore così ? Il palmares di Giampaolo non è nulla di che ma con i giocatori giusti si può colmare il gap dalle più blasonate squadre di alta classifica. Gasperini prima dell’Atalanta non era nessuno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rogozin - 2 settimane fa

        Giampaolo quand’è stato qualcuno? È un uomo con dei problemi incompatibili col ruolo di leader di un gruppo di atleti dall’ego smisurato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Torino Calcio 1906 - 2 settimane fa

          Come dicevo Giampaolo non è nessuno, ma fa giocare bene le sue squadre. Le fa giocare a calcio. Ha i suoi difetti, l’aver accettato la mancanza di un regista e di una mezza punta veloce a inizio campionato non lo doveva accettare. Nicola è un allenatore preparato sicuramente ma è un allenatore come potremmo essere io o te. È un allenatore motivazionale e stop. Finito quello finito il gioco. Tutto qui.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. rogozin - 2 settimane fa

      Già, non fosse che loro ne hanno vinte 6 e contro di noi hanno pareggiato in 9, hai ragione in pieno. Sei un esperto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bordeauxgranata - 2 settimane fa

        Risposta da coglione quale sei

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Torino Calcio 1906 - 2 settimane fa

    Se perde Nicola se ne deve andare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      Se perdiamo stasera ce ne andiamo tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toroperduto - 2 settimane fa

    Giochiamo per favore che mi avete scassato la minchia con sti ragionamenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 settimane fa

      Effettivamente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mimmo75 #prexit - 2 settimane fa

    Continuiamo a raccontarci fregnacce. E da 3 mesi almeno che (prima Giampaolo, poi Nicola e Vagnati) si dice e si ripete non si può più sbagliare, che i bonus li abbiamo sprecati tutti. Continuiamo a ripeterci che tanto non è decisiva fin quando un treno non ci investirà in pieno volto. Bisogna vincere, è decisiva. A dispetto della matematica che dice che non lo è, è decisiva per il morale, la convinzione, la serenità futura, per la credibilità del lavoro impostato da Nicola e per la sua stessa permanenza al Toro. Perché credo sia chiaro a tutti che se dovessimo perderla il mister andrebbe sulla graticola, dopo l’antipasto che Vagnati gli ha servito prima della gara contro il Genoa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. lake - 2 settimane fa

    Non bisogna perdere, si può pareggiare,bisognerebbe vincere.FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14287754 - 2 settimane fa

    be noi abbiamo il gallo belotti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy