Marco Bellinazzo: “Il rischio di esclusione del Milan è molto alto, vi spiego perché…”

Marco Bellinazzo: “Il rischio di esclusione del Milan è molto alto, vi spiego perché…”

Esclusiva TN / Il giornalista de Il Sole 24 Ore ha rilasciato un’intervista in esclusiva per Toro News

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Nonostante il campionato sia terminato, il Torino ha ancora qualche chance di centrare la qualificazione alla prossima Europa League. Come noto, il Milan è stato deferito nello scorso aprile per non aver rispettato il pareggio di bilancio nel triennio 2015-2018. In attesa della sentenza della camera giudicante (che sta tenendo in apprensione anche il mondo granata), abbiamo parlato della questione con Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 Ore. Bellinazzo è specializzato in economia sportiva e da anni racconta, sulle colonne de Il Sole 24 Ore, i business che ruotano intorno al calcio. Proprio per questo lo abbiamo intervistato, per fare chiarezza sull’iter che attende il Milan e per esprimersi riguardo alle possibilità che il Torino ha di entrare in Europa League al posto dei rossoneri.

Ben trovato Marco, quante probabilità ha il Torino di partecipare alla prossima Europa League a causa dell’esclusione del Milan?

“Anche se non sta a me dare le percentuali, il rischio di esclusione del Milan dall’Europa League è molto alto. Rispetto alla situazione dello scorso anno in cui l’esclusione venne decretata in maniera abbastanza eccessiva da parte dell’UEFA, sta volta la situazione è diversa perché si è creato un precedente, una sorta di recidiva in virtù del fatto che il Milan è già sotto sanzione per il triennio che va dal 2014 al 2017. È stato deferito per il nuovo triennio per una violazione del Financial Fair Play ancora più grave di quella che ha portato alle precedenti sanzioni, perché nel 2018 il Milan ha fatto un rosso di 126 milioni quando il rosso per cui è stato sanzionato precedentemente era di 120 milioni ma nel corso di tutto il triennio. Quindi considerando lo sforamento del limite dei 30 milioni e considerando che esiste già un precedente e quindi il Milan è già sotto sanzione, per quanto riguarda la camera giudicante dell’UEFA entrano in gioco le sanzioni più gravi e tra queste quindi anche l’esclusione dalla prossima Europa League.”

I rossoneri non hanno centrato l’accesso alla prossima Champions League. In che modo questo risultato può influenzare la società ed eventualmente la Camera Giudicante?

“La dinamica è semplice nel senso che per quanto riguarda il triennio oggetto dell’ultimo deferimento (2015-2018), il Milan si trova semplicemente nella condizione di dover accettare o meno quella che sarà la sanzione e penso che non possa andare a dialogare o a cercare un patteggiamento con la UEFA perché la camera giudicante guarda semplicemente ai conti, alle sanzioni corrispondenti e le applica. In quest’ottica non c’è nessuna influenza di altri fattori. Questi altri fattori subentrano però, in relazione al fatto che a prescindere dalla esclusione eventuale, il Milan ha già l’obbligo di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2021, quindi tra due stagioni. Considerando che parliamo di un club che perde ancora 70-80 milioni di euro l’anno il percorso è molto accidentato. Nella prossima primavera l’UEFA andrà come di prassi ad esaminare il triennio del 2017, 2018, 2019 e al rosso di 120 milioni si aggiungerà un passivo di altri 70-80 milioni dell’esercizio che si chiuderà il prossimo 30 giugno.”

E il MIlan?

“Questo mette il Milan nelle condizioni di dover fare una politica di fortissimo ridimensionamento dei costi, perché non andando in Champions League non ha modo di far crescere in maniera significativa i ricavi e pone i rossoneri nelle condizioni di dover provare a chiedere alla UEFA un tavolo di confronto che tenga conto della situazione complessiva. Il Milan verrebbe schiacciato dalle sanzioni del Fair Play Finanziario e anche in virtù dell’esclusione dalle Coppe di quest’anno, l’UEFA potrebbe prevedere un percorso di rientro più lungo del 2021, quindi uno o due anni in più magari in cambio di multe o restrizioni alla rosa qualora dovesse qualificarsi alle coppe europee dei prossimi anni in modo da avere più tempo per recuperare il gap e avviarsi al pareggio di bilancio.”

È vero che il Toro potrebbe presentare un ricorso in caso di mancata esclusione del Milan?

“Non credo che possa direttamente rivolgersi al UEFA per far escludere un’altra squadra, questo tipo di procedure non risultano in ambito di collegio giudicante e camera arbitrale UEFA. Si potrebbe profilare un interesse importante del Torino, in quel caso potrebbe impugnare il provvedimento al TAS di Losanna ma entriamo in uno scenario che non ha precedenti e non so neanche quanto possa aver senso e quante possibilità di successo potrebbe avere un intervento del genere. Significherebbe andare contro la UEFA e non so quanto questo possa convenire al Torino.”

Si parla di SuperChampions e di squadre come Milan e City che vorrebbero ridiscutere interamente il Fair Play Finanziario. Possono, i fattori politici, influenzare questa decisione?

“Sicuramente sulla questione sanzione 2015-2018, quella che interessa al Toro, no. La materia è in mano ai giudici contabili e li non entrano né possono entrare fattori di carattere politico, se così vogliamo definirli. Discorso diverso potrebbe essere riguardo al percorso di rientro successivo del Milan, e quindi alla possibilità che possa concordare con l’organismo politico o magari con la Camera Investigativa un diverso percorso in realazione delle problematiche che si sono venute a creare non per colpa  dell’attuale proprietà ma di una gestione assolutamente deficitaria che è quella di Yonghong Li che ha determinato questo buco amplissimo nel bilancio 2018. Li entreranno una serie di fattori in gioco come ad esempio il fatto che il brand Milan è fondamentale per l’UEFA, che il Milan è tra le squadre che idealmente dovrebbe far parte del nucleo centrale della Super Champions per il suo blasone e quindi non c’è l’interesse della UEFA di determinare sanzioni tali da distruggere le possibilità del club di risanarsi. Se il Milan dovesse dimezzare i propri costi è evidente che dovrebbe rinunciare ai giocatori importanti con ridotte possibilità di centrare le coppe: diventerebbe un circolo vizioso.”

Quello del Fair Play Finanziario è uno strumento giusto? C’è un problema di ripartizione di introiti nel calcio europeo?

“Il Fair Play Finanziario è stato utile per arginare l’emorragia della catena perdite-debiti del calcio europeo, che stava affossando diverse leghe. In quest’ottica ha avuto un effetto positivo. Il combinato disposto del FPF e di una Champions League ipermeritocratica frequentata sempre dalle stesse squadre ha determinato una catena di trasmissione tra vittorie e introiti che ha costruito un modello assimilabile ad un oligopolio in cui oggi abbiamo una ventina di club tra i più ricchi in Europa (di cui la maggior parte in Premier) che fatturano da soli quasi la metà di tutto il resto del calcio europeo. Quindi è evidente che ci sia un problema di redistribuzione delle risorse in Europa e all’interno dei campionati. L’UEFA ha percepito da tempo questo tipo di problematiche ma, finora, ha messo in campo poco per rimediare a questa situazione. Bisognerebbe lavorare per pensare ad una riforma delle Coppe Europee che privilegi un percorso di redistribuzione sulle squadre medio-alte e non solo sulle 15 big che attualmente dominano i campionati e le competizioni continentali.”

Quindi la pensa come Cairo su questo aspetto?

“Di fatto sì, il problema è che dire semplicemente no alla Super Champions vuol dire che come Serie A continueremo a subire l’egemonia della Premier League. Se si continua così avremo solo un club, o forse due (Inter e Juve) in grado di ambire a certi livelli di fatturato, mentre gli altri arrancheranno sempre e comunque. Bisognerebbe pensare a dei modelli di coppe europee che permettano a 7/8 squadre italiane di partecipare stabilmente, magari non sempre alla Champions, ma avendo più soldi dalle coppe. Che l’Europa League valga 1/4 degli introiti della Champions è controproducente per tutto il sistema.”

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. generazionenuova - 6 mesi fa

    Le probabilità di un’esclusione dall’EL dei ladrones rossoneri sono alte: vero
    Questo significa che sarà il toro a beneficiarne: falso

    Infatti, stando alle norme, l’esclusione del milan significherà semplicemente che una squadra europea (decisamente piu fortunata di noi) salterà un preliminare ed accederà direttamente alla fase a gironi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata68 - 6 mesi fa

      Non è proprio così le squadre Italiane che devono partecipare alle coppe secondo Ranking sono sei più la vincitrice della C.I. Con l’eliminazione del Milan le squadre diventerebbero 5 ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fabertoro - 6 mesi fa

      per fortuna non è come dici tu … lo hanno ben sPiegato in un altro articolo sempre su TN ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. malva - 6 mesi fa

    Se non altro vedremo a breve se veramente la legge è uguale per tutti oppure no

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro 8 Scudetti - 6 mesi fa

    Le dichiarazioni di oggi dell’AD del Milan mettono una pietra tombale sulle ambizioni dei rossoneri il prossimo anno. Per il Toro è il momento di mettere la freccia definitivamente e posizionarsi costantemente davanti a loro. Solo così si potrà ambire agli scenari europei con forza. Con un piccolo sforzo di Cairo possiamo diventare la 4 forza dietro a Venaria, Inter e Napoli. Dai c.zzo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. abatta68 - 6 mesi fa

    Solo nel calcio si leggono ancora robe del genere… Non vedo perché non posa esistere un milan fc, al pari nostro o di tante altre società sportive. Non è detto che se io un tempo giravo con la Jaguar, adesso devo averla garantita per la mia immagine, anche se non ho nemmeno i soldi per pagarmi il parcheggio! È vero che lo scudetto del bilancio non conta nulla per i tifosi, ma è indubbio che una competizione sportiva che assegna premi economici deve tenere conto delle stesse pari condizioni di bilancio per tutte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 6 mesi fa

    Ribadisco ciò che ho detto ieri.
    Il Milan non si tocca!
    Ne ero certa x la politica sportiva italiana, ora lo apprendo anche x la politica sportiva a livello europeo.
    Siamo seri: una squadra che non entra x meritocrazia in Champions, e che non dovrebbe entrare in Europa League x deficit finanziario, è stata già fin da ora inserita tra quelle che di diritto parteciperanno “perennemente” alla Super Champions?
    Quale diritto?
    In nome di cosa o di chi?
    Perché negli anni ’60/70 dello scorso secolo, e poi in parte nell'”era Berlusconi”, il Milan è stata una grande squadra? E ha vinto molto?
    È stata una “blasonata”, recita l’articolo!
    Allora negli anni ante e post guerra anche il Grande Torino vinceva tutto, e a inizio scorso secolo la Pro Vercelli era una grande squadra!
    Ma dov’è la meritocrazia?
    Se volessero fare questo tipo di scelta, dovrebbero andare a pescare tra le “grandi” degli ultimi 10 anni al massimo, non più indietro!
    Vecchie blasonate sono addirittura scomparse dal “calcio che conta!”
    Se tra le “più qualificate” risultasse ad esempio il Parma, che farebbero? La inserirebbero oggi in Super League?
    Inoltre mi pare che le “milanesi” non sempre, negli ultimi anni, abbiano brillato! Ricordo campionati recenti in cui sono finite fuori dalle Coppe Europee!
    E la Roma è dai tempi di Falcao che non la ricordo poi così grande: si barcamena, tentenna, se la cavicchia, ma definirla una “grande” mi sembra esagerato!
    Sono scelte politiche, o politico-finanziarie, che con il calcio non hanno nulla a che fare!
    Il concetto è: diamo i soldi a chi già ne ha tanti, e bastoniamo chi è più modesto?
    Ma allora che c’entra il Milan, che oggi, invece dei soldi, ha i debiti?
    L’esperto spiega che all’UEFA non conviene “obbligare” il Milan a saldare i suoi debiti, perché altrimenti dovrebbe vendere i suoi campioni, ridimensionarsi e, quindi, non potrebbe più vincere?
    “Diventerebbe un circolo vizioso”, recita l’articolo!
    È veramente pietoso tutto ciò, pietoso ed immorale!
    Io il calcio non lo amo più: la mia passione è ormai rivolta a sport più puliti.
    Amo solo, e sempre, il Toro, ma il Toro è un’altra cosa, e con il calcio corrotto non ha nulla a che fare!
    Il Toro è stato sempre e solo bastonato, mai ha avuto preferenze ed “aiutini”, ED IO NE SONO FIERA!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rock y Toro - 6 mesi fa

      La preferenza a certe squadre è data dall’appeal a livello mondiale e dal bacino di utenza. Il Milan come inter e schifosi è conosciuta all’estero anche per il passato, ma se vede bene i cinesi e gli americani han comprato Milan e roma

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. SSFT - 6 mesi fa

      Purtroppo, tra le varie sfighe che ha avuto il toro nella sua storia, da quelle umane (e perciò più gravi) come superga o meroni, a quelle sportive (e quindi meno gravi) come la finale con l’Ajax, io ci metto anche un certo tempismo: il nostro declino è iniziato in un momento in cui il calcio diventava sempre di più una questione economica rilevante, e quindi non abbiamo potuto beneficiare del “boom” che ha avuto per esempio il Milan, che proprio nello stesso periodo ha iniziato a vincere e ha perciò avuto i mezzi per continuare a farlo per lungo tempo, e ne riscuote i benefici ancora adesso che non vince da quasi un decennio.
      Solite sfighe da toro insomma.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. giangi - 6 mesi fa

    Paradossale che se si fossero qualificati per la champions, avrebbero avuto più possibilità di farla franca!
    faccio concorrenza sleale, perchè non rispetto le regole, mi qualifico in champions, prendo più soldi a scapito di chi ha agito regolarmente, e pago le eventuali multe o sconto una mini retrocessione di coppa!
    disgustoso!
    e se si inventano la super champions, mi ammettono di diritto su invito
    vomitevole!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Semaforo spento - 6 mesi fa

      Proprio cosi’..
      Senza senso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

        Purtroppo il senso ce l’ha eccome!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Bischero - 6 mesi fa

    A rigor di logica il verdetto é scritto. Ma come ben sappiamo quando ballano gli interessi di colossi del calcio e Dell economia le scorciatoie per raggiungere l obbiettivo si strovano spesso. Si diano solo una mossa. Programmare una stagione dal punto di vista atletico su 9 mesi é diversa da una programmazione sui 10 mesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 6 mesi fa

      Si suddivide la preparazione in due tronconi con un richiamo importante in mezzo. Cambiano i carichi e le risposte nel periodo. Si può fare ma bisogna saperlo in tempo, come giustamente dici tu.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mimmo75 - 6 mesi fa

      Il ritiro inizia a luglio. Dovrebbero decidere entro la prossima settimana. Piuttosto cambierebbe il mercato sin da subito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

    Il rischio esclusione è alto, il rischio chiacchiera a vuoto è pressoché una certezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Granata - 6 mesi fa

    Discorso vomitevole che , siccome il Milan è importante per l’Uefa, non sarà ridimensionato. La stessa logica che ha portato il Toro a fallire e la Lazio a sopravvivere bene. Mi fa schifo questo ragionamento ma per cambiare non vedo soluzioni se anche gli organi di informazione , che in un certo qual modo influenzano, portano avanti questi concetti. Le tv pagano, le tv influenzano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Garnet Bull - 6 mesi fa

    Rossoneri fuori dalle palle

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy