Belotti, il trascinaToro: ecco l’occasione per prendersi il palcoscenico europeo a suon di goal

Belotti, il trascinaToro: ecco l’occasione per prendersi il palcoscenico europeo a suon di goal

Focus on / Il capitano in copertina: è il più in palla e all’esordio nelle coppe europee vuole trascinare i suoi compagni

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Esportare la cresta in Europa per trascinare il Torino ai gironi: questa sera, contro il Debrecen, inizierà la missione del Gallo Belotti. Per il capitano del Torino sarà l’esordio in Europa League e più in generale la prima presenza nelle competizioni UEFA per club. Sarà una notte importante, ma Belotti vuole renderla unica: il modo migliore per farlo è innanzitutto la vittoria, se poi arrivassero anche i goal, sarebbe il coronamento di un’estate praticamente perfetta.

ATTESA – Sono arrivati puntuali gli elogi di Mazzarri in conferenza stampa: “I giocatori devono parlare poco e dimostrare tanto. Andrea incarna questo principio; e infatti si è tagliato dieci giorni di vacanza per esserci fin dal raduno”. Da vero capitano, il Gallo ha rinunciato alle vacanze per esserci sin dal raduno: un gesto che ribadisce la dedizione totale alla causa granata e le qualità umane di Belotti. Il Capitano dà l’esempio e scalpita per disputare i preliminari col Toro, da vero uomo squadra. E infatti, Belotti, è stato l’uomo più in vista del breve pre-campionato granata.

Mazzarri pre Torino-Debrecen: “Non buttiamo via quel che abbiamo fatto di buono”

TRASCINATORO – Anche in campo, Belotti è stato il trascinatore della squadra di Mazzarri. Sia nella scorsa stagione che in questo precampionato il numero 9 sembra aver compiuto il salto di qualità a livello di leadership e ora, da lui, ci si aspettano goal e prestazioni anche sul palcoscenico europeo. Undici i goal del Gallo nelle tre partite disputate dal Toro a Bormio, un’ulteriore dimostrazione del suo stato di forma e soprattutto della sua determinazione. Belotti si è preso la qualificazione a suon di goal e con gli stessi goal vuole essere protagonista anche sul palcoscenico Europeo.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14287754 - 3 mesi fa

    lotta con orgoglio x il simbolo del cuor la grinta e la tua forza e granata il tuo color… grazie capito orgoglioso di te!! stasera lotta come sempre e anche se non segni da me sempre applausi riceverai!! FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG-70 - 3 mesi fa

    VAI GALLO! E STASERA VOGLIO VEDERTI ALZARE LA CRESTA!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    VAI GALLO, SPACCA!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 3 mesi fa

    Io, Europa a parte, vorrei fare una considerazione su Belotti-Capitano.
    Erano anni che non vedevo un uomo altrettanto meritevole e con il carisma necessario per ricoprire degnamente questo ruolo così delicato!
    Parla poco, è una persona riservata e, per i traguardi che ha saputo raggiungere, nel Toro ed in Nazionale, non è ammalato di protagonismo!
    Il carattere lo dimostra in campo: l’ho visto spesso riprendere i compagni, l’ho visto allontanarli dall’arbitro quando perdono la tramontana, l’ho visto gioire goliardicamente con loro.
    Non ho mai sentito parlare di liti o disaccordi di Belotti con compagni, allenatori o dirigenti, mai!
    L’ho visto sempre trattare con gli arbitri difendendo la squadra, ma senza eccedere, mantenendo sempre saldamente il controllo dei nervi e della situazione.
    Non l’ho mai visto fare falli cattivi o di reazione, anche se ne ha subiti e ne subisce sempre moltissimi.
    E non ho mai sentito qualcuno parlare male di lui!
    Insomma: non l’ho mai visto perdere le staffe, anche nelle situazioni più difficili!
    È ancor giovane oggi, ma quando ha avuto la fascia era praticamente un ragazzino, e se l’è subito cavata bene!
    Ora: al Belotti-giocatore tutti facciamo sempre mille complimenti; credo che gli stessi debbano essere fatti anche al Belotti-Capitano, ruolo ben più difficile da ricoprire degnamente.
    Si può essere un grande calciatore, ma pochi sanno contemporaneamente essere anche un grande leader!
    Speriamo ci siano le condizioni perché Belotti possa rimanere a lungo, molto a lungo il nostro Capitano e possa un giorno annoverarsi tra i nomi “sacri” di taluni Capitani del passato che, a noi granata, fanno sempre “tremare le gambe”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 3 mesi fa

      ottimo commento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cerutti_Gino - 3 mesi fa

      Ha assolutamente ragione, Belotti rgazzo d’oro e grande capitano, ottimo rapporto con i compagni (Zaza lo adora nonostante lo releghi in panca ogni domenica), stimato da tutti gli addetti ai lavori e i giocatori avversari (nonostante i difensori lo menino ad ogni partita). Però talvolta mi piacerebbe vederlo più “cattivo”, che si facesse rispettare di più nei dialoghi con i direttori di gara. Ho l’impressione che ai difensori quando affrontano Belotti (dato il suo strapotere fisico) venga concesso un po’ troppo (spinte, mani addosso, trattenute). Non è possibile che un difensore prima di prendere un giallo contro il gallo possa fargli 5-6 falli.
      Ad ogni modo con l’esperienza saprà migliorare anche in questo, sempre mantenendo stile, rispetto e dignità. A noi del Toro non piacciono i piagnistei tipici di alcuni “divi” del pallone. W TORO

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 3 mesi fa

        Concordo con lei, ma temo che, se Belotti cercasse di “farsi rispettare di più” dagli arbitri, finirebbe per raccogliere solo cartellini, gialli e pure rossi!
        Le espulsioni per proteste, che non gli sono mai comminate, pioverebbero come “goccioloni temporaleschi” e risolverebbero tanti problemi agli arbitri, quando devono cercare di “frenare” e contenere entro certi limiti la nostra squadra, che deve far bene, sì, ma non troppo..
        Il Torino non ha lo stesso trattamento di altre compagini, anzi, in virtù della “vicinanza”, spesso è il più bistrattato!
        È la legge del compenso:
        se una squadra della città è agevolata, favorita e rispettata, bisogna tartassare/ penalizzare l’altra, per raggiungere una “misura” che stia nel mezzo!
        Io considero Belotti un ragazzo intelligente: penso che, nelle proteste, si spinga sempre e solo fin dove può, perché oltre sarebbe controproducente!
        Non per altro, spesso, si limita ad un sorriso amaro, scuote la testa per dimostrare il suo dissenso, e poi riparte a prendere altre botte…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. tafazzi - 3 mesi fa

      “al Belotti-giocatore tutti facciamo sempre mille complimenti”. Adesso sicuramente, ma ti assicuro che fino a sei mesi fa le critiche al giocatore erano costanti e non solo dai soliti noti e la cosa poteva anche starci visto che quando non è in forma diventa un giocatore “normale”; ma quello che faceva riflettere è che le critiche riguardavano anche la persona e per i motivi che hai elencato sopra, faceva capire come molti tifosi del Torino sono più vicini ai valori dei pigiamini che a quelli del Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FORZA TORO - 3 mesi fa

        vero ricordo insulti pesantissimi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Ardi - 3 mesi fa

      Belotti Capitano vero

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy