Falque entra, segna e aumenta i rimpianti del Toro: la sua annata storta ha inciso

Focus on / Il talento dello spagnolo è mancato nei momenti cruciali a causa degli infortuni

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani
Empoli v Torino FC - Serie A

Svanito l’obiettivo Europeo è tempo di riflessioni, bilanci, valutazioni e – perché no – anche di rimpianti. C’è davvero poco da rimproverare ai granata dopo il campionato che hanno disputato, ma vedere Iago Falque in campo ieri ha certamente fatto riflettere: sarebbe stato un altro Toro con lui dal primo minuto? come sarebbe andato il campionato senza gli infortuni dello spagnolo? 

ANNATA STORTA – Iago Falque, a livello personale, ha vissuto sicuramente la peggiore annata da quando veste la maglia del Toro. Lo dicono i numeri: 1548 minuti disputati, 5 goal e 6 assist contro i 2840 minuti, 12 goal e 8 assist dello scorso campionato. Praticamente un abisso: a causa degli infortuni, Iago, ha disputato la metà dei minuti e meno della metà dei goal dello scorso anno. L’exploit di Berenguer ha coperto a tratti la sua assenza. A conti fatti, però, la mancanza si è sentita eccome e la partita di ieri ne è la prova.

RIMPIANTI – Falque è entrato e ha cambiato il Toro, segnando il goal del pareggio e sfiorando il goal del raddoppio che, probabilmente, avrebbe indirizzato la partita nel verso opposto rispetto a quanto accaduto. Rimpianti che aumentano ulteriormente pensando alla prima mezz’ora della partita di ieri, in cui le giocate e la fantasia di Falque, di fronte ad un Empoli aggressivo e compatto, sarebbero state preziose. Mazzarri gli ha preferito Berenguer e Baselli sia per una questione fisica (lo spagnolo non aveva i 90′ nelle gambe) che per una questione tecnico-tattica (l’equilibrio trovato con il doppio trequartista): la scelta evidentemente non ha ripagato e la prestazione di Falque ha evidenziato ulteriormente l’importanza di un giocatore così nello scacchiere granata.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giaguaro 66 - 2 anni fa

    sarebbe proprio ora che Mazzarri si assumesse qualche responsabilità, non per gli infortuni di Jago, ci mancherebbe, ma per averlo snaturato facendolo giocare in un ruolo non suo. Abbiamo visto tutti che lo spagnolo il meglio lo dava giocando da mezz’ala dietro le 2 punte, non c’era nulla di difficile, ma con un allenatore così tutto è più difficile. Il primo artefice dell’ennesimo speriamo nel prossimo anno è proprio il caro signor Walter Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. suoladicane - 2 anni fa

    solo i campioni dove li metti giocano…
    lo dico da inizio anno, i bravi giocatori quando sono fuori ruolo diventano giocatori normali, ma con quelli non vai oltre l’8^ o 7^ posto; aggiungi i ricambi non altezza (a partire da Zaza) e le altre mancanze della rosa (un trequartista vero ed un esterno dx) ed il gioco è fatto. Ah dimenticavo, aggiungi un tecnico che vede un solo schema…….
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Simone - 2 anni fa

    Che spettacolo adesso la colpa è di Iago.
    Allora xké nn può essere dovuta al fatto che abbiamo dato via (come dei coglioni aggiungo io) Ljajic?
    Non critichiamo il condottiero, non sia mai!!
    Se non ci fosse il sig. Luciani bisognerebbe inventarlo, è impagabile!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SSFT - 2 anni fa

      L’articolo non dà nessuna colpa a iago falque. E anzi nel finale sottolinea che alla squadra un giocatore di fantasia come lui (o come ljajic) sarebbe servito.
      Semplicemente solleva un interrogativo legittimo: se falque non avesse avuto, per la prima volta da quando gioca con noi, una stagione anomala per colpa degli infortuni, sarebbe andata in modo diverso?
      Poi ognuno può trarre le sue conclusioni, io per esempio trovo come te che oltre a iago servisse un altro giocatore di qualità (che sarebbe dovuto essere soriano, ma che non è stato). C’è da dire che con una rosa simile all’anno scorso, quest’anno abbiamo giocato con meno fantasia e con più solidità e i risultati sono stati migliori. Non abbastanza, ma sicuramente migliori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 anni fa

        Chi ha voluto questa rosa?
        Chi siede in panchina è arrivato a gennaio dell’anno scorso ed ha avuto 6 (!!!) mesi per giudicare la rosa e decidere chi tenere e chi no.
        Chi ha deciso di mettere in disparte Ljajic?
        A gennaio, dopo il palese fallimento di Soriano, chi ha deciso di rimanere con la rosa corta e non provvedere ad un suo sostituto?
        Iago tutte le volte che è stato utilizzato come trequartista ha sempre fallito arrivando spesso ad una sua sostituzione.
        Dopo un po’ di anni che gioca con noi possiamo dire che il suo meglio l’ha dato come esterno di dx o dico una cazzata?
        Invece di cercare le colpe in chi ha fatto quelle scelte si cerca il capro espiatorio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. SSFT - 2 anni fa

          Solo tu vedi la ricerca del capo espiatorio, la realtà è che giocando molti meno minuti ha comunque fatto 5 gol e 6 assist, il che fa pensare che con un rendimento normale avremmo potuto fare meglio, anche solo un paio di punti avrebbero cambiato tutto. Io non ho la certezza che con iago “normale” avremmo raggiunto gli obiettivi, tu sembri averla del contrario. In 3 anni il papu non ha avuto un singolo infortunio grave, chissà cosa sarebbe successo altrimenti…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 2 anni fa

            E dove avrei detto che con Iago a pieno regime non avremmo raggiunto gli obiettivi?
            Proprio non mi interessa analizzare il rendimento del singolo giocatore xké, a mio avviso, trovo la cosa totalmente priva di senso.
            Ore se Iago, prima se il Gallo avesse segnato di più ad inizio stagione… qualcuno bisogna trovare a cui imputare la colpa.
            Peccato che con i se e con i ma nn si va da nessuna parte.
            C’è un solo responsabile del fallimento x i motivi di cui sopra.

            Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 2 anni fa

    Ieri l’ha lasciato libero di giocare nel suo ruolo e che differenza, come seconda punta non ce la fara’ mai ma nel 4-2-4 di Mihana memoria puo’ fare malissimo agli avversari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TOROHM - 2 anni fa

    Meite se è quello di ieri via subito.Likud molto più affidabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 anni fa

      È tutta la.stagione che attendiamo il rugbista.
      Via subito senza rimpianti e secondo me ci facciamo anche una bella sommetta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bischero - 2 anni fa

    Iago deve assolutamente far parte del progetto. Ha fatto una stagione leggermente inferiore ai suoi standard solo a causa degli infortuni e del leggero cambio di posizione. Leggermente più accentrato e più con il pallone fra i piedi. Se il toro vuole crescere nella fase offensiva ha bisogno della sua qualità e non della sua partenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy