Avelar, Carlao, Iturbe e… Torino, coloro che son sospesi

Avelar, Carlao, Iturbe e… Torino, coloro che son sospesi

Calciomercato / Buona parte dei giocatori della rosa granata sono ancora sub-judice, con Mihajlovic e la società che devono ancora decidere se rientrano nei piani futuri

Diceva bene Iago Falque venerdì scorso, nella conferenza di presentazione di Torino-Sampdoria: “Il futuro non si conosce, nè quello di Belotti nè quello di molti di noi”. Perchè una bella fetta dell’attuale rosa del Torino è composta da giocatori che, a quattro giornate dalla fine del campionato, sono tra color che son sospesi (volendo scomodare Dante) e non hanno certezze sul futuro. Un po’ perchè si sa, nel calciomercato le cose possono cambiare dal giorno alla notte; e un po’ perchè, per svariate ragioni, Mihajlovic e la società devono ancora chiarirsi le idee su alcuni giocatori, per capire se possono rientrare nei piani futuri oppure no, e se sì in che modo.

TURIN, ITALY - APRIL 29: FC Torino head coach Sinisa Mihajlovic reacts during the Serie A match between FC Torino and UC Sampdoria at Stadio Olimpico di Torino on April 29, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – APRIL 29: FC Torino head coach Sinisa Mihajlovic reacts during the Serie A match between FC Torino and UC Sampdoria at Stadio Olimpico di Torino on April 29, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Se per alcuni giocatori del Torino si può avere la ragionevole convinzione che vestiranno il granata anche la prossima stagione (da Ljajic a Iago Falque, passando per i vari Zappacosta, Rossettini, Moretti, Benassi e Barreca) e se per altri, all’opposto, le possibilità di rivederli sotto la Mole nella prossima stagione sono poche o nulle (i portieri Hart e Padelli, il difensore Ajeti, il centrocampista Gustafson), ci sono alcuni calciatori che devono ancora convincere il Torino di meritare una conferma. Lo ha ammesso anche Mihajlovic, in tempi recenti: “Alcuni giocatori mi hanno confermato che posso puntare su di loro, altri che non posso, su altri ancora aspetto conferme”.

Padelli Sisport

Se Belotti merita un capitolo a parte (il suo futuro è il nodo più grosso da sciogliere, ma non perchè il Torino abbia dubbi sulla sua conferma), sono altri i giocatori che devono sfruttare le ultime quattro partite per dare dei segnali importanti. Partendo dalla difesa, Carlao va rivisto ancora: con la Sampdoria buone giocate, ma anche qualche sbavatura, e Miha ha fatto capire di avere ancora bisogno di elementi per prendere una decisione. Castan è completamente sparito nel girone di ritorno: nessuna presenza dal 6 gennaio ad oggi, e sembra ben difficile che il Torino possa investire su di lui, per un motivo di garanzie dal punto di vista fisico. Stesso discorso si può fare per Obi, un altro che in due anni al Torino ha saltato più di 30 partite per problemi muscolari: a differenza di Castan, però, è un giocatore di proprietà. In difesa, anche Avelar deve dimostrare di essersi messo definitivamente alle spalle il calvario dei problemi al ginocchio. Si tratta di giocatori che dal punto di vista tecnico sono graditi, ma devono convivere o hanno convissuto con problematiche di tipo sanitario.

FC Crotone v FC Torino - Serie A

La conferma non è scontata per Daniele Baselli: il centrocampista, che ha vissuto una stagione di crescita e completamento, ha il contratto in scadenza nel 2019. Attualmente non ci sono novità nel senso del rinnovo e sono già alla finestra diversi club di Serie A. Capitolo attaccanti: Maxi Lopez vede il suo contratto scadere nel 2018 e la sua permanenza in granata è tutto fuorchè scontata, mentre per Iturbe bisognerà valutare se credere in un suo totale rilancio e, nel caso, sondare il gradimento della Roma sulla soluzione del rinnovo del prestito (appare difficile, infatti, che il Toro possa riscattare il giocatore, investendo circa 13 milioni per il cartellino).  Tanti punti interrogativi da risolvere, dunque, in vista della prossima stagione: a stretto giro di posta, anche sulla base di quello che dirà il finale di stagione, si prenderanno delle decisioni.

22 commenti

22 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 5 mesi fa

    L’elenco degli auspicabili partenti, sia per motivi strettamente tecnici che per affidabilità fisica, sarebbe lunghissimo, coinvolgendo quasi tutta la rosa, salvo le poche eccezioni che tutti conosciamo bene. Il problema sta tutto nelle vere intenzioni di Cairo che nell’intervista al corriere ha praticamente enunciato le linee guida della società (cioè di lui medesimo): rispetto ferreo del bilancio con il fatturato come riferimento fondamentale. Le plusvalenze servono a cautelarsi per eventuali incidenti di percorso. Alla luce di tutto ciò, riponiamo tutte le velleità di grandezza: si andrà avanti così ancora per chissà quanti anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 5 mesi fa

      Tutte le società si devono attenere al bilancio… se cosi non fosse il Napoli vincerebbe il campionato al posto delle merde… e invece… anche loro ripongono le velleità di grandezza e vendono Higuain alla Ggiuve per perdere il campionato e non essere quello che i tifosi vorrebbero… per non parlare delle milanesi, vero scempio di questo campionato più brutto del mondo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 5 mesi fa

        Assolutamente ragionevole. Solo che a volte Cairo appare molto più parsimonioso del necessario. Forse osando di più si potrebbe allestire una squadra più competitiva in grado di salire in classifica e quindi di ottenere più introiti, senza troppe pretese, ma un po’ più degna di rappresentare la storia gloriosa del nostro Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 5 mesi fa

          Hai ragione pure tu…. e che dobbiamo farci? per tornare a grandi livelli occorre far crescere tutto l’organico, vedi la Lazio, che è mediamente forte in tutti i reparti e quando fà i cambi l’allenatore nemmeno se ne accorge. Inzaghi è un buon allenatore, ma ha anche un organico in generale di qualità più elevata. Non si può pensare di fare 58 punti per andare in Europa… devi avere una squadra di almeno 15 elementi di buon livello, per permettersi di fare delle stagioni da 70 punti ed essere competitivi nelle coppe. Ma di giocatori ne servirebbero…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 5 mesi fa

    Sinisa sarà il tecnico del toro il prox anno di sicuro, poi si vedrà. .. Zappa Benassi Baselli e Barreca sono i giovani sui quali ha puntato la società, giustamente a mio avviso, e non saranno messi in discussione. Sui talenti Iago e Ljaic non si discute. Vedremo chi finirà in porta ma quello non sarà un problema. La questione gira tutta intorno a Belotti si/no: se rimane si prende un difensore e un centrocampista da alternare ad Acquah… Se va via arrivano soldi e Darmian a fare il terzino sinistro. Bisogna però vedere chi sarà il centravanti…. Mica roba da poco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torogranata - 5 mesi fa

      Secondo te Darmian torna al Toro riducendosi l’ingaggio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 5 mesi fa

        Mah…è da vedere… Magari spalmato su un contratto di 5 anni… Tutto da vedere cmq

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 5 mesi fa

      Darmian a sx ci si adatta ma non è la sua posizione naturale.
      Non penso proprio torni x giocare fuori ruolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 5 mesi fa

        Mah…dove sei stato negli ultimi anni? Darmian nel Toro di Ventura ha sempre giocato a sinistra, perlomeno con l’arrivo di Peres e in quel ruolo è andato in nazionale a giocare anche a sinistra. Darmian è buono sempre, perchè ha i piedi e la testa, oltre all’esperienza, la corsa e… tutto quello che serve! probabilmente se lo metti in porta è capace di fare pure quello! e a mio avviso è anche un giocatore che potrebbe fare all’occorrenza quello che fà Moretti (un ex terzino sinistro riadattato), ovvero il secondo centrale. Ad avercene di Darmian…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Torogranata - 5 mesi fa

    Io vedo solo una grande confusione,e non parlo solo in campo ma nella società che continua in primis a parlare del futuro di Belotti che rimane un’incognita e non si riuscirà a fare un mercato organizzato di conseguenza.
    Spero solo che appena finisce il campionato la società dica che intenzioni ha in merito, ma credo che come successo sempre nelle altre stagioni perderemo i migliori (Belotti sicuro Baselli probabile) per ricominciare tutto daccapo.
    Se cosi fosse spero almeno con un altro allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 5 mesi fa

      È ovvio che si parli solo di Belotti.. È il capocannoniere della serie a e il centravanti della nazionale, ci sono tantissimi soldi in ballo e i giornali cavalcano l’onda. Io spero che resti un altro anno, ma il mercato lo fai in anticipo… Cairo ha gia detto che l’offertona deve arrivare entro giugno, non certo a settembre! Dopodiché spero che si abbia in testa già i 2-3 acquisti fondamentali per rinforzare la squadra, a prescindere da Belotti, sul quale peserà solo la decisione del giocatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. policano1967 - 5 mesi fa

    il problema ragazzi e che si uole fari da grandi.per un campionato tranquillo la difesa va bene.parlo di campionato come questo ovvero da nono decimo posto quindi nn ce da spendere molto.poi se sento parlare di europa mi viene da ridere.se si vuole puntare davvero all europa(improbabile)questa difesa di oggi al max uno di loro puo fare la riserva.moretti e il piu affidabile ma ha i suoi limiti di eta ma grande professionista e atleta.carla nn e costato nulla ma ha enormi limiti.in primis molto lento e facilmente superabile,castan fisicamente nn da affidabilita cosi come avelar,rossettini e un giocatore da squadre di centroclassifica,ajeti da bassa classifica.barreca e ancora acerbo.ha grandi margini ma dietro nn da affidabilita dalla sua fascia nell arco del campionato son arrivati tanti problemi,ma e un ragazzo e ci sta.molinaro e un asino tecnicamente ma ha grande cuore e tanta esperienza e in fase di contenimento da piu affidabilita di barreca.in mezzo al campo terrei.zappacosta e un moto perpetuo.grande corsa,deve migliorare i cross ma e una lacuna che si porta da avellino.ma anche lui come barreca rappresentano il futuro a meno che don cairo nn vuole riempirsi il portafoglio e qua e un altro discorso.in difesa servono 3 elementi buoni per pensare in grande.in mezzo al campo terrei acqua baselli e valdifiori.il resto poco serve,2 buoni centrocampisti ci vorrebbero.in avanti nn siamo male ma se parte belotti nn puoi pensare di sostituirlo con boye quindi li ce una grande incognita.iturbe va rispedito al mittente.nn serve.max lo stesso.lialic e genio e sregoletezza.grande tecnica ma abulico in tante occasioni ma e da tenere.igo lo stesso.su boye discorso a parte.ha buona tecnica ma fine a se stessosi imbottiglia spessso cercando giocate da circo che nn portano quasi mai a niente fa tanti falli in attacco e in piu la porta nn la vede propio.ci andrei piano a farlo passare per un fenomeno.e giovane e ancora acerbo per la max serie.nn lo vedo titolare per almeno un paio di anni poi chissa.ultimo la panchina.qua ho tanti dubbi.tatticamente sinisa non e preparato.lascia a diserare la fase difensifa,e mettere 5 attaccanti in un colpo solo e puntualmente e segno che hai sbagliato tutto in principio.puo capitare che si debba vincere o recuperare un risultato e ci sta.ma se tt questo diventa fisso allora vuol dire che la base e sbagliata.cairo in tutto questo lo ha aiutato poco.nn so se restera sinisa o meno ma certo che le sue lacune tattiche nn le colmera in un anno se poi cairo nn lo aiuta con giocatori adatti rimpiangeremo questo campionato il prox anno.ventura nn era un mago ma mi sembrava un toro piu quadrato tatticamente aveva una sua impronta.sinisa mi da l idea di un gioco alla viva il parroco tutti in avanti e dietro sempre infilati in qualsiasi situazone.se rstera magari avra capito anche i suoi errori.ma testardo come e puo essere u gioco molto pericoloso per la nostra classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 5 mesi fa

      Il problema principale è comprendere ciò che ha scritto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. policano1967 - 5 mesi fa

        e solo la mia opinione nn mi illudo che sia capita o condivisa da tutti ci mancherebbe

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. forzatoro39 - 5 mesi fa

    Giocatori che per varie cause hanno giocato poco ! Bocciarli per quale motivo reso poco ? Quando hanno giocato si è visto che sono migliorabili ! Nessuno in nessuna squadra giocando poco è decisivo !Sono nel giro dei titolari conoscono l”ambiente e danno tutto per migliorare !Non capisco le critiche a Iturbe avete visto che è una nullità ? Cambiate televisore perche nella mia ho visto grande potenzialità !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano1967 - 5 mesi fa

      siceramente in iturbe nn vedo questa grande potenzialita.eccetto verona.roma,prestito in inghilterra,ancora roma.poi torino e la musica nn e cambiatamagari avra pescato squadre sbqgliate ma se in 4 anni nn hai piu dimostrato nulla vuol dire che verona e stata un eccezzione o sbaglio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. policano1967 - 5 mesi fa

    questa testata conferma benassi e scarica baselli.la mia domanda e semplice.chi scrive sa di calcio giocato?.baselli oltre ad avere una buona base ha anccora margini di miglioramenti.benassi in cosa piu migliorare che calcisticamente parlanndo e un asino?cosa puo dare uno come benassi alla causa granata?valdifiori lo terrei.sinisa tatticamente e na frana.nel suo gioco emergono solo i singoli e nn la la squadra.e un piccolo zeman con la differenza che con zeman ce tanta velocita con sinisa solo tanta confusione in campo.chi parla di basi in questa situazione di calcio ne sa poco quanto mai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torogranata - 5 mesi fa

      Ricordo a parecchi di voi che non tengono conto del fatto che Benassi ha solo 22 anni e più di 100 presenze in serie a (Valdifiori 31 e neanche 80presenze) e un pilastro della under 21 e già me lo date finito?
      Non è che magari il gioco di Miha non si addice a lui?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 5 mesi fa

        Se rimane miha benassi è inutile xke nel centrocampo a 2/3 fa fatica.
        Io non credo sia un fenomeno e di partite memorabili ne ricordo poche. Sicuramente è uno che si da da fare ma deve ancora crescere

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 5 mesi fa

          …e diamogli il tempo di crescere allora! sennò è inutile che stiamo a parlare dei giovani… a 22 anni è tutto ancora da fare, stiamo parlando di uno che ha ancora 10 anni di carriera davanti! Pirlo a quell’età a momenti manco giocava…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Vorarlberg - 5 mesi fa

    Ci aggiungerei Rossettini e Valdifiori. Mentre Baselli è fuori discussione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Simone - 5 mesi fa

    Fuori dalle balle Iturbe, Obi e Castan. Avelar, via anche lui se è in scadenza di contratto altrimenti lo si può tenere x valutare meglio il suo recupero. Carlao,x quello che l’abbiamo pagato, può esser giusto un cambio.

    Ma, soprattutto, via il genio che siede in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy