Calciomercato / Anche l’ag. italiano di Glik a Torino: futuro tutto da discutere

Calciomercato / Anche l’ag. italiano di Glik a Torino: futuro tutto da discutere

La permanenza del capitano / Sergio Berti a colloquio con Petrachi per fare il punto della situazione riguardo i suoi assistiti: di mezzo anche il leader difensivo

Sergio Berti è arrivato a Torino è in questi giorni si è intrattenuto più volte a colloquio con il direttore sportivo Gianluca Petrachi, per fare il punto della situazione riguardo i suoi assistiti e non solo. Perché il noto agente ha per le mani diversi giocatori, anche all’estero, pronti a cambiare casacca durante l’estate.

In generale però, Berti è arrivato sotto la mole per parlare di due giocatori in particolare: Maksimovic e soprattutto Kamil Glik. Le sirene della premier sono ormai cosa nota per entrambi: Arsenal, Tottenham, anche il Chelsea che non ha mai smesso di seguire il giovane serbo, fin da quando il Toro lo soffiò alla concorrenza. 

Al di là di Maksimovic, di cui il Torino al momento si priverebbe esclusivamente per una cifra non inferiore ai 13 milioni, si è parlato e a lungo della possibile permanenza di Kamil Glik, il capitano, il giocatore più amato dalla piazza. E così, mentre il suo agente polacco Jaroslaw Kolakowski (leggi qui) è in Inghilterra, ecco che nel capoluogo si presenta colui che ha il mandato per trattare con le squadre italiane, Sergio Berti, appunto. 

Una lunga chiacchierata con il direttore sportivo Petrachi volta a capire quali possano essere i margini per prolungare il contratto con il capitano, ma soprattutto quale progetto sarebbe disposto a proporgli il club granata. Dopo che il primo incontro con l’altro agente era stato positivo, ma soltanto a metà (qui tutti i dettagli), ecco che l’ultimo colloquio è stato decisamente più sereno e le parti possono dirsi entrambe soddisfatte. Ma l’accordo, la firma sul rinnovo ancora non c’è. 

Le offerte estere, invece, ci sono eccome: ArsenalTottenham e negli ultimi giorni anche il Manchester City e il Liverpool. Senza mai dimenticare il noto trio tedesco Bayern-Dortmund-Wolfsburg. Ma per tutti gli altri interessati, il prezzo del cartellino del capitano granata non cambia: base d’asta 20 milioni, diversamente Petrachi e Cairo non si siederanno neppure a parlare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy