Calciomercato Torino, il tabellone: Boyé saluta, si cerca un altro difensore

Calciomercato Torino, il tabellone: Boyé saluta, si cerca un altro difensore

Calciomercato / Boyé vola in prestito all’Aek Atene, rinforzi in attacco per la Primavera

di Redazione Toro News

DIFESA

Mazzarri chiama e Bremer risponde: contro il Renate 90′ di personalità

Dopo Armando Izzo e Gleison Bremer, il Torino è alla ricerca di un terzo difensore da regalare a Walter Mazzarri. Il ritiro di Bormio ha messo in evidenza alcune problematiche: la sport ernia di Bonifazi (operato una settimana, 30-40 giorni di stop per lui) e l’assenza di Lyanco protrattasi forse oltre le aspettative hanno messo in allarme la dirigenza granata. Nei prossimi giorni il dottor Rodolfo Tavana volerà in Brasile per testare in prima persona come procede il programma di recupero dell’ex San Paolo e valutare nello specifico quando tornerà a disposizione. Il progetto del Torino è chiaro: fare di Lyanco il titolare della prossima stagione, ma solo quando sarà pronto fisicamente. Una pista percorribile potrebbe essere quella di Juan Jesus della Roma.

Intanto si lavora anche in uscita. Ajeti sembra destinato a ritornare a Crotone. Mentre, dopo la cessione di Barreca al Monaco, per stessa ammissione di Urbano Cairo, i granata prenderanno almeno una pedina in quel ruolo.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christhrash 68 - 5 mesi fa

    Già la campagna acquisti del Toro è penosa , ci mancherebbe anche Juan Jesus che ne ha combinate di tutti i colori…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. saettadallimite - 5 mesi fa

    Gli acquisti di giocatori chiave come i centrocampisti, soprattutto se costruttori di gioco non si possono fare ad agosto “in caso di cessione di uno dei due elementi” (citando l’articolo), perchè i due elementi per motivi diversi non sono assolutamente affidabili e continua a mancarci un regista e inserire elementi cardine ad agosto è tardi. Fino ad adesso è un mercato di buon livello ma sono molto preoccupato per il pressapochismo riguardo alla zona nevralgica del campo, cioè il centrocampo. Lo scorso campionato si è vista sempre la mancanza di un cervello pensante e siamo stati quasi sempre messi sotto a centrocampo, anche per gli evidentissimi limiti di Rincon. Spero che Mazzarri ne sia consapevole (ne dubito purtroppo) e che Cairo e Petrachi si stiano già muovendo da tempo sottotraccia. Speriamo in bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy