Calciomercato Torino, retroscena Jansson: il diritto di riscatto può diventare obbligo

Calciomercato Torino, retroscena Jansson: il diritto di riscatto può diventare obbligo

In uscita / Il riscatto è fissato a quattro milioni di euro, e scatterà automaticamente al raggiungimento delle venti presenze in Championship

34 commenti
Il Leeds United ha ufficializzato l’arrivo di Pontus Jansson in prestito dal Torino per una stagione, con relativo diritto di riscatto.
Il difensore svedese, dopo l’annuncio ufficiale di ieri mattina, si allena già coi nuovi compagni di squadra e ha dichiarato di essere pronto a dare più del 100% per il suo nuovo club per contribuire a riportarlo in Premier League. La sua partenza da Torino è stata però inaspettata quanto amara, come si nota anche dal suo saluto su Twitter. C’è inoltre da considerare un retroscena sul suo trasferimento che aggiunge dubbi sul suo possibile ritorno in granata a giugno 2017.
Nell’accordo tra Leeds e Torino, come confermato da fonti svedesi, è prevista una clausola che obbliga la società inglese a riscattare il cartellino del giocatore per 4 milioni di euro una volta raggiunte le 20 presenze. Nel caso questa condizione non venisse raggiunta gli inglesi potranno scegliere se riscattare o no lo il difensore svedese, con l’obbligo di riscatto che resterebbe comunque una semplice opzione. E alla delusione di molti tifosi granata che vedevano in Pontus il nuovo Kamil Glik, fa da contraltare l’entusiasmo dei tifosi inglesi che già pregustano le prestazioni del nazionale svedese, che sicuramente può essere un valore aggiunto nella seconda lega inglese.
Le certezze, a questo punto, sono due: la scelta del Torino è meramente tecnica, con Mihajlovic che non ha mai veramente ritenuto idoneo il giocatore per la sua difesa a quattro; inoltre, se è vero che il Torino ha accettato il rischio di perdere definitivamente il cartellino del giocatore, questo potrà succedere solo a fronte di una discreta plusvalenza, per un giocatore arrivato a parametro zero nel 2014 dal Malmoe.
Fabio Fulco
34 commenti

34 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 anno fa

    Se sarà un errore lo dirà il tempo. Mi auguro che nel 2017 ci sia ancora Mihajlovic, non tanto per lui, quanto per il bene del Toro. Altrimenti… meglio non pensarci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pazko - 1 anno fa

    Boh ! Tutti cambiati, squadra di ventura cancellata , acquisti all’ultimo minuto e non di prima fascia. Partenze di prima fascia e non (quasi tutti). Spero che sappiano quello che fanno. La squadra ipotizzata da Tuttosport per il Milan NON mi entusiasma. Vedremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SemperFidelis - 1 anno fa

    Prima di criticare Cairo e Petrachi provate a pensare con quale presidente fareste cambio.
    Milan Fiorentina e Lazio no decisamente peggio
    Sassuolo compra Matri per sostituire Sansone mah
    Napoli uguale a Cairo ma molto meno classe
    Inter e la Gobba una ha 400 milioni di debiti non si capisce come faccia ad essere ancora nel mondo del calcio l’altra tra stadio regalato parco arbitri ect mai poi mai
    Roma uguale al Toro vive di plusvalenze hanno il vantaggio di un portafoglio un po grande del nostro
    Il Toro anch’io pensavo vendesse meglio Peres ma Miha gli serve un difensore Maksimovic si è rilevato essere peggio di Cerci ed Immobile mai più con la maglia granata Glik è voluto andare via lui come da accordo dell’anno precedente ma il Glik dell’ultimo campionato vale molto meno dei 15 milioni.
    se la Società porta a casa un buon regista al posto di Obi (non si può più vedere) ed un portiere questo mercato gli do un 7

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Yuri - 1 anno fa

      Avrei potuto scrivelo io…però, per Glik sono 10 e non 15.
      Se prima non cresci come Società direi che è molto difficile crescere nei risultati sportivi.
      E anche quando sono piene di soldi (o meglio DEBITI, grazie al cazzo, così siam capaci tutti) non è detto che vincano…anzi, c’è un elenco infinito di squadre coi soldi che non hanno vinto un cazzo di niente ancora, o molto meno di noi…vedi la Roma, o il Lazio, il Napoli…tutte e tre insieme non hanno gli scudetti della Pro Vercelli!!!!.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Lentini - 1 anno fa

    Ma la smettiamo di dire minchiate, jansson in tutti questi anni ha fatto solo panchina e poi non dimentichiamoci che la acquistato una squadra che gioca in SERIE B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tenente Sheridan - 1 anno fa

    Inserisco un mio pensiero a livello imprenditoriale, lasciando da parte cuore e tifo:

    1) Il giocatore non interessa all’allenatore, dunqie non serve.

    2) Ovviamente o lo cedo a chi fosse interessato all’acquisto, cercando di realizzare una buona plusvalenza da inserire a bilancio, oppure, sempre se qualcuno me lo richiede, adotto l’opzione del prestito, sapendo che in quest’ultimo caso si presuppone che il giocatore venga utilizzato e dunque, valorizzato.

    3) A questo punto potrei stipulare un contratto che preveda sì le condizioni e il pagamento di una cifra predeterminata per il diritto di riscatto esercitato da parte della società che lo ha in prestito, purtuttavia tutelandomi stabilendo (vedi caso Barreca) un eventuale prezzo di controriscatto (dunque pagando eventualmente la differenza tra il prezzo di riscatto esercitato dalla società che lo ha avuto in prestito e il prezzo di controriscatto a suo tempo da me fissato nel contratto: per esempio, prezzo di riscatto stabilito 4 milioni, mio prezzo di controriscatto stabilito 4,5 milioni, dunque versamento di 500.000 euro nelle casse della società a cui ho prestato il giocatore) se il giocatore, al termine della stagione, ha effettivamente avuto una valorizzazione tale da giustificarne il rientro per poi essere rivenduto (sempre che continui a non interessare all’allenatore) ad un prezzo di molto superiore a quello pagato da me per controriscattarlo.

    Male che vada, se non esercito il diritto di controriscatto, incasso il prezzo del riscatto dalla sociaetà a cui l’ho prestato.

    Spero di essere stato abbastanza chiaro e ripeto:questo è un normale ragionamento imprenditoriale che non tiene in nessun conto cuore, tifo, dispiacere o altre sesazioni emotive.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 1 anno fa

      Ragionamento corretto, a meno che l’allenatore non ti dica che il giocatore non diventerà mai buono, nel qual caso la cessione ci potrebbe stare. Se ti fidi dell’allenatore, ovvio. È una possibilità, e lo dico pensando in modo diverso, perché a me Jansson è sempre piaciuto. Per essere un difensore centrale, ha piedi buoni, sicuramente più di Glik, magari è lento e sicuramente non ha la tempra e voglia di lottare di Glik. Fatto sta che sicuramente a Mihailovic non piace.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Yuri - 1 anno fa

        Mi sembra tutto logico. Sul fatto che fosse meglio di Glik lo sostengo da quando arrivò, ma non mi elevo a Mister e lascio fare a chi ne sà di più.
        Cosa passa nella testa di Miha lo sà lui e pochi altri, mi pare evidente.
        Vedremo…io intanto continuo a tifare, questo significa anche le sue scelte, le critiche (quando dovute, è bene siano comunque giuste e costruttive, non fini a se stesse) me le tengo per gennaio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. davide.ratti1973@gmail.com - 1 anno fa

    Mah….a me come giocatore non dispiaceva però se fosse stato così forte forse non gli avrebbero preferito Bovolone sia Ventura che Miha… ci sono cose forse che non capiamo, forse perché non vediamo tutti i giorni gli allenamenti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 1 anno fa

      Non credo abbiamo preferito Bovo, ma la grana Maksi era inaspettata e mal gestita.
      Jansson era sul mercato come Bovo che era in partenza per la Dea o Genoa, ma è stato congelato, mentre Janssonn probabilmente già promesso è stato mandato con un eventuale riscatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pimpa - 1 anno fa

    Che tristezza,amici.
    Tutti i pollici verso che ricevo spesso,sono la più amara conferma della verità delle cose che vado scrivendo da mesi.
    La nostra società è gretta e destinata a immiserirsi sempre di più.
    Il fatto che aumentino ogni giorno le persone arrabbiate che la pensano come me non è una consolazione,credetemi.
    Pessima gestione delle vendite,pessimo prezzo di vendita,neanche da paragonare i nuovi acquisti con i vecchi giocatori.
    Una società seria non arriva a una settimana dall’inizio del campionato per smontare la squadra,facendo una pessima figura.
    La nostra società,come sostengo,e’ e sarà sempre alla pari dell’Atalanta del Genoa dell’Udinese,niente di più. L’Europa league e’ stato un incidente di percorso,un evento perturbativo della stagnazione mediocre,che non si ripeterà certo a breve.
    Mi si dice che sono troppo pessimista e bastian contrario,disfattista e sempre pronto alla critico:sarà,ma essere pessimisti con questa squadra società e allenatore e’ troppo facile.
    Io registro semplicemente quello che avviene e il fatto che riesca a prevedere quello che succederà non è un mio talento,e’ il corso naturale delle cose.
    Detto questo,forza (povero) Toro sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gooolster - 1 anno fa

      Quello che dici è un dato di fatto, a parte “l’incidente di percorso” che hai ricordato il nostro destino è questo e rimarrà questo, non c’è nessuna volontà di andare oltre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. osvaldo - 1 anno fa

    Assolutamnete incomprensibile questo trasferimento.
    Un nazionale svedese in cambio di chi?
    Ragazzo serio e forte tecnicamente, scaricato SOLO per fare PLUSVALENZA.
    Mi chiedo come può essere possibile un processo di crescita se negli ultimi 3-4 anni la società pensa solo ad incassare soldi,con plusvalenze realizate per oltre 120mln, reinvestendone meno della meta?
    Invito la società e, quelli che che scriveranno “NON MI PIACE”, a dare uno sguardo in casa Sassuolo,in modo che possano comprendere cos’è realmente progetto di crescita.
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 1 anno fa

      Osvaldo, rispondo a te, ma è come se lo facessi a tutti. Innanzitutto, il fatto di fare delle plusvalenze, non è per nulla negativo, anzi, è esattamente l’opposto. Se fai plusvalenze significa che hai acquistato bene, valorizzato e poi venduto,e ci hai guadagnato. Ed una società che non ha un magnate che mette soldi a fondo perduto, vedi i classici sceicchi, o petrolieri russi, ha come unica strada per crescere, le plusvalenze appunto. E lo stesso Sassuolo, che tu citi come esempio, vive di plusvalenze, quasi tutte fatte con i gobbi. Inoltre, lo stesso Sassuolo è una succursale dei gobbi, il solo Vrsaljko è stato ceduto ad una squadra diversa dai gobbi, e anche in questo caso hanno fatto una plusvalenza. Alcuni di noi in questi giorni si sono lamentati dei troppi affari fatti con la Roma, e del fatto che stiamo diventando una loro succursale, mentre come dimostrano questi prestiti o altri acquisti, risulta evidente che facciamo affari con tutti. Tranne con il napoli spero. E infine su Jansson, dispiace molto anche a me, io non lo avrei ceduto con questa formula, però… se prendi un allenatore, devi credere in lui ed assecondarlo, ti devi fidare, e se lui boccia un giocatore, non glielo puoi imporre, quindi che possiamo fare? Contestare Mihailovic? Direi proprio di no, è come ho detto altre volte, noi ragioniamo con il cuore, lui con la testa.. E tra noi e lui, tendo a credere che abbia ragione lui. Riguardo i conti, entrate e uscite, io ci capisco poco e non mi esprimo, ma c’è un sito che si occupa in maniera professionale dei conti di tutte le squadre di serie A, basta andare a vedere lì, c’è tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FLAGHI - 1 anno fa

        Si vero le plusvalenze ci servono, pero’perche’ Peres e’stato svenduto alla Roma ed i soldi li vedremo se andra’bene il prossimo anno? Perche’non abbiamo fissato almeno un dritto di riscatto nell’operazione Castan?
        Perche’maksimovic non parte subito visto che ci serve liquidita’ per completare la rosa ed il tempo stringe??
        Sembra che la priorita’ sia incassare ed investire il meno possibile…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Lentini - 1 anno fa

          Perché la samp l’ha preso in prestito secco e ha sua volta lo può cedere solo in prestito

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Yuri - 1 anno fa

        Ti riferisci a questo, Athteltic?

        www(punto)tifosobilanciato(punto)it/2016/07/02/fc-torino-bilancio-201415-terzo-utile-consecutivo/

        Ovvio che i conti sono fermi al 31-12-2015.
        Fatevi una cazzo di cultura…diversamente astenetevi da fare commenti da economisti o imprenditori “ad mentula canis” e limitatevi alle vostre impressioni (PERCHE’ QUESTO SONO E BASTA) sul calcio giocato ed i loro protagonisti, direi sarebbe più pertinente a mio modesto parere.
        Gente che scrive in itaGliano si mette a fare i conti…ossignur, aiuto.
        Oltre alla vacuità delle diatribe in merito, quest’ultime risultano stucchevoli, ripetitive…sfracelleno gli occhi, oltre la minchia!.
        PER NON PARLARE DEI GIUDIZI ASSOLUTI, su tutto e tutti, insulti compresi. Tutti “sputasentenze” ancor prima di iniziare.
        Darci un taglio netto con ‘ste puttanate?.
        Ciao.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. WGranata76 - 1 anno fa

          Sono fermi al 2015 perchè i bilanci si fanno a fine anno e gli estratti corretti e revisionati sono pronti non prima di Marzo dell’anno successivo… prima di scrivere così veemente contro altri che hanno parere diverso informati.
          Poi che si pensi molto alle plusvalenze e si tenda a scommettere è un’evidenza, che poi paghi o no lo vedremo e neanche la critico, ma è più che legittimo pensare e dire che non abbiamo preso sostituti all’altezza per certe operazioni.

          Glik – Maksi – Peres
          Ajeti – Rossettini – De Silvestri

          Ajeti non è minimamente paragonabile a Glik per presenza in serie A, presenze internazionali, media gol, media voto e esperienza nella massima serie di campionati di valore.

          Rossettini ha tante presenze in serie A, molte più di Maksi, ma è molto più vecchio e di tecnica e prestazioni medie decisamente inferiori, ma dalla sua l’integrità fisica, dato che Maksi si è (per ora) mostrato fragilino.

          De Silvestri è quello che ha uno scarto minore con il partente,sicuramente superiore sulla fase difensiva, ma molto meno in quella offensiva, può fare il centrale, ma Bruno poteva fare l’ala e la punta esterna. L’età è dalla parte di Bruno e la tecnica individuale immensamente a favore del giallo-oro, ma qui sono soddisfatto dell’acquisto in fin dei conti.

          Anche Zappa, se soffre la competizione, nonostante il potenziale molto elevato non ha mostrato ancora molto e quindi Tomovic diventa una alternativa valida, con meno tecnica, ma grande esperienza nella massima serie e in squadre di livello.

          Il resto sono scommesse, lo stesso Ljacic che è ottimo per ora,ma fino a quando? e poi davvero noi prendiamo per 2 milioni Rossettini e vendiamo per 700 un Gazzi che è equivalente se non meglio come caratteristiche al di là del ruolo.

          Siamo per ora senza portiere, perchè Gomis soffre di emotività a vederlo, anche negli allenamenti sembra spesso insicuro. Padelli lasciamo perdere.

          Tacsidis mi piace, ma è lento e cmq serve un altro regista come riserva a meno di puntare tutto su Lukic come seconda scelta.
          Gustafson sempre una scommessa di cui sopra.

          Castan? Ottimo due anni fa, adesso è ancora un giocatore che cerca di riprendersi dopo aver dovuto imparare di nuovo a coordinare i piedi per camminare…una bella scommessa (che spero si vinca,perchè mi piace il giocatore), ma giustamente un riscatto perchè no?

          Peres si vende a 15mln frazionati + una eventuale % sulla prossima vendita se vendono a 30 mln sono 6-7 mln perciò bene, ma occhio che la Roma potrebbe tenerlo a lungo specie con Spalletti, quindi da valutare poi in seguito.

          Avelar?Boh… Molinaro grande lavoratore, ma sempre più vicino alla pensione.

          Janssonn plusvalenza che fin troppo facilmente può far scattare l’obbligo in un paese dove si fanno 20 partite in più all’anno delle nostre.

          Io direi che è più che lecito che ci siano critiche a 11 giorni dalla chiusura del mercato, viste tante scommesse ed incertezze.
          Se vendiamo Maksi a 25+ Valdifiori alla fine risolviamo un problema in regia con una discreta riserva/titolare e se queste plusvalenze portassero un buon portiere come Sirigu allora si che non si potrebbe più lamentare, anche perchè li si spenderebbe parecchio dando un titolare davvero forte tra i pali.

          Aspetto il 31 per tirare le somme del mercato e FVCG!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Yuri - 1 anno fa

            “Sono fermi al 2015 perchè i bilanci si fanno a fine anno e gli estratti corretti e revisionati sono pronti non prima di Marzo dell’anno successivo”.

            Ho pensato/sperato bastasse aggiungere questo in apertura:

            “Ovvio che i conti sono fermi al 31-12-2015.”

            Invece no, hai proseguito così:

            “prima di scrivere così veemente contro altri che hanno parere diverso informati.”

            Il sito in questione l’ho postato a ripetizione da giorno, tu almeno l’hai letto?.
            Non dico compreso…letto, almeno quello.

            Per il resto è tutto molto interesante, ma opinabile.
            Le somme, PARZIALI, di tutto il lavoro in essere le tiro a gennaio, anche perchè ero entusiasta del mercato dello scorso anno, sulla carta…poi…
            “giudizi” che lasciano il tempo che trovano.
            Ciao.

            Mi piace Non mi piace
        2. Athletic - 1 anno fa

          Yuri, esatto il sito cui mi riferivo è proprio quello. Flaghi, la cessione di Maksimovic sembra sia in dirittura di arrivo, la cessione di Peres credo abbia sempre fatto parte degli acquisti Ljajic e Falque, in effetti se guardiamo la cosa da ambo le parti è ugualmente inspiegabile. Alla fine, loro hanno comprato bene Peres, noi abbiamo comprato bene gli altri due. E per Castan, non è stato stabilito un riscatto perché è un’incognita, non puoi fissare un prezzo, con quello che ha avuto. Se si riprende in pieno, è un giocatore da trenta milioni, se non si riprende non vale nulla. Nel mezzo ci sono tutte le sfumature. Magari si poteva inserire un riscatto e contro riscatto, ma era una cosa puramente economica, non avremmo avuto garanzie comunque.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. osvaldo - 1 anno fa

        Ciao Athtetic,mi piace la tua disamina ma hai scordato la cosa più importante,il concetto di CRESCITA! La società ci ha martellato la testa in questi ultimi 10 anni con la storia della crescita e,noi naturalmente, dobbiamo partire da questo concetto per fare le disamine poichè esso è il cardine di tutto il ragionamento e la madre dello scontento dei tifosi come me!
        Ora chiariamo alcune cose per evitare di non essere compresi e/o per non essere presi per i fondelli:
        Se l’accesso,fortuito,dopo 10 anni di presidenza a EL è stato il massimo della crescita a cui aspirava la societaà per poi regredire fino al 13° posto dello scorso campionato e, mantenere tale posizione a…vita,OK! è GIUSTO preoccuparsi delle plusvalenze e fare del Toro una specie di porto di mare per calciatori: giovani; mezza età(calcistica); vecchi;infortunati perenni;ex infortunati da recuperare,malati di… testa; giovani del vivaio in giro per lo stivale,etc.
        Se invece la parola crescita ha un valore,esso significa migliorare le posizioni un poco alla volta fino a raggiungere un tetto,(EL?),da mantenere negli anni.
        Per fare questo,non avendo un magnate alla presidenza, nè uno che vuole spendere di suo (ricordo che ha preso il Toro a ZERO EURO!), ben vengano le plusvalenze ma, questi soldi che entrano in società,devono servire sì all’autonomia economica della società ma bisogna renvestire il giusto per crescere! Da qui amico mio non si esce!
        Se fai un analisi delle plusvalenze di questi ultimi anni,ad occhio e croce, abbiamo cifre che si aggirano intorno ai 130mln di Euro, Euro non noccioline! Divertiti a fare una disamina di chi abbiamo venduto ed acquistato e quanto incassato e speso (45- 50%?). Mi chiedo e,se ti fermi un attimo,ti chiederai anche tu,QUESTI SOLDI DOVE SONO?
        Questa è un po la storia della società che viviamo da 10 anni,sono fatti e non invenzioni di un vecchio deluso tifoso che prima di morire vorrebbe che vi fosse in società qualcuno che dicesse veramente come stanno le cose, disilludendoci e NON PIU’ ILLUDENDOCI!
        Ultima nota e poi mi taccio.Io sono stato e, sono ancora, un sostenitore di Sinisa. Qualche giorno fa ho scritto che gradirei qualche sua dichiarazione in merito a questo fritto misto che si sta cuocendo nel formare il gruppo, a soli 4-5 giorni dall’inizio del campionato!, per sapere se è tutto opera sua, oppure sta subendo una situazione inaspettata. Se è opera sua è decisamente un uomo coraggioso perchè si sta assumendo una grande responsabilità di cui dovrà rispondere,in negativo e/o positivo (mi auguro di vivo cuore in positivo!),mentre se lo sta subendo vedo veramente un futuro prossimo,molto complicato!.
        Questo futuro prossimo mi preoccupa molto perchè il Toro non merita un futuro complicato perchè esso appartine a noi tifosi e alla STORIA DEL CALCIO ITALIANO e nessuno ci potrà togliere il sentimento di fede e d’amore verso questi colori che a me sono stati tramandati da mio nonno,bquindi da mio padre e che io stesso ho trasmesso ai miei figli e sto passando ai miei nipoti!.
        P.S. Il Sassuolo non c’entra assolutamente nulla,la mia era solo una riflessione sul concetto di crescita! 5-6 anni fa militava nei dilettanti,oggi naviga,meritatamente, in EL.
        Osvaldo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Yuri - 1 anno fa

          Non è l’analisi di plusvalenza dei giocatori che devi considerare.
          Leggi BENE il paragrafo sull’indebitamento finanziario, vedrai che alla voce “saldo calciomercato” il risultato, tra crediti e debiti relativi al calciomercato risulta negativo per € 7,25 milioni. l
          L’ultima volta che è stato in attivo è il 2011 con 1.061.000 €.

          In soldoni, per quanto riguarda esclusivamente la voce “calciomercato” il Toro era sotto di 7.25 mln al 31-12-2015.
          Spero sia chiaro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. tyzianos72 - 1 anno fa

    Jansson non mi sembra sia un fenomeno del quale ci ricorderemo in futuro. Castan, se in forma, è il più forte che abbiamo. E se il mister utilizzare Moretti da terzino sinistro?
    Ajeti non mi sembra tanto peggio di Glik dei primi tempi.
    Adesso abbiamo bisogno di un centrocampista centrale tipo VALDIFIORI e di uno laterale con forza fisica (purtroppo Baselli e Benassi sono un po’ fragili).
    La lacuna più grande sta in porta, in tre non ne fanno uno buono!
    Comunque sta uscendo una bella squadra, e finalmente faremo il pressing come tutte le altre squadre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MPJoy - 1 anno fa

      Va bene l’ottimismo ma Pontus è un nazionale svedese che ha sempre fatto bene quando impegnato, Castan, che era un forte cebtrale, dopo l’incidebte nessuno gli ha piu dato la maglia da titolare. Parafonare Ajeti con Glim che è stato uno dei.miglioru difensori dell’ultimo europeo è eccessivo, cosi come è improponobile spostare Morettisulla fascia all’età di quasi 35 anni! La nuova difesa titolare è piu vecchia e mebo tecnica. Piuttosto mi chiedo perché smantellare la fascia dx dove avevamo la.coppia piu forte del campionato e nn fare nulla sulla sx dove nn abbiamo un esterno forte a parte il maturo Molinaro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Yuri - 1 anno fa

        Tyzianos72: “Ajeti non mi sembra tanto peggio di Glik dei primi tempi.”

        MPJoy: “Parafonare Ajeti con Glim che è stato uno dei.miglioru difensori dell’ultimo europeo è eccessivo”.

        Infatti l’ha paragonato al primo Glik, che era decisamente scarso.
        Sicuri che vi leggete prima di rispondervi?.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. tyzianos72 - 1 anno fa

    A

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. snowman7 - 1 anno fa

    Ormai il Torino FC non è piu una squadra di calcio, ma una fabbrica delle plusvalenze! Che schifo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Tenente Sheridan - 1 anno fa

    Non ho parole…!!!!

    Posso capire che il Ragazzo debba giocare con continuità per dimostrare di aver ben smaltito i vari infortuni e per maturare ulteriormente, ma una cessione a queste condizioni è veramente ridicola e indica ancora una volta una pessima gestione, nuovamente votata a realizzare l’ennesima plusvalenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Lapalisse - 1 anno fa

    Almeno l’abbiamo venduto bene. Peccato a me sembrava uno buono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. marco1967 - 1 anno fa

    come mai la clausola dell’obbligo di riscatto è uscita solo ora? forse le dichiarazioni di delusione di jansson sommate allo stupore dei tifosi hanno indotto la societa’ a dire il reale motivo della sua cessione 4 ML DI PLUSVALENZA… CHE MORTI DI FAME!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. LoviR - 1 anno fa

    Mi spiace veramente molto x questo centrale che andava molto meglio di altri che sono in squadra. Comportamento davvero inspiegabile della Società su un giovane di prospettiva. Solo pluvalenze senza ritegno……VERGOGNA!
    Anche considerando che Gaston Silva, che abbiamo visto tutti di che forza è, ha ricevuto un trattamento migliore (prestito secco)…Silva spero non torni…abbiamo il ns. Barreca a sx e ormai Moretti e Castan centrali di sx.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    Ditemi voi se Ajeti è meglio di Jansson.
    Operazione che mi lascia perplesso.
    Dopo i baresi di Ventura dobbiamo sorbirci gli slavi di Sinisa. Speriamo di essere smentito dai fatti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gooolster - 1 anno fa

      Ho visto che gli slavi hanno molto rispetto di lui…in particolare uno con cui aveva parlato a 4 occhi, da serbo a serbo come ha sostenuto lo stesso e per il quale ha garantito in prima persona…, con il “vecio” Ventura non sarebbe successo, cosi come la partenza di Pontus, Gaston e Bruno….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

        Bruno forse sarebbe partito lo stesso ma dm bisogna dare atto a Ventura che sapeva gestire bene lo spolgliatoio. D’altra parte Sinisa metterà quella grinta ai ragazzi per cui difficilmente vedremo il Toro non giocare un derby di coppa come l’anno scorso. Tireremo le somme alla fine per quanto riguarda l’allenatore, mentre è la squadra in difesa e a centrocampo che mi preoccupa al momento .

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy