Torino: Acquah e Gonzalez, tutto rimandato a domani. Anche se…

Torino: Acquah e Gonzalez, tutto rimandato a domani. Anche se…

Calciomercato / Colloqui incessanti: Petrachi non molla la presa, i blucerchiati di sentono forti, non si escludono sorprese nella notte. L’accordo con il biancoceleste appare ad un passo. E per Sanchez Mino non si muove una foglia…

Le parole contano fino ad un certo punto e spesso lasciano il tempo che trovano. E così, con l’agente di Acquah che tiene la porta aperta (meglio dire il piede in due scarpe?) al Torino e alla Sampdoria, il calciomercato granata continua senza sosta. Per il direttore sportivo Petrachi sarà una lunga notte, fatta di colloqui – quindi trattative – incessanti. Ore caldissime per Afriyie Acquah, dicevamo, il centrocampista ghanese di proprietà dell’Hoffenheim è stato l’oggetto di discussione principale della giornata. E lo sarà anche per le prossime ore, fino a quando il mediano non prenderà una decisione definitiva: verso le montagne, oppure lungo la via del mare. Perché se le parole le porta via il vento, le firme invece restano ben impresse. E nel calciomercato (assieme ai soldi) sono l’unica cosa conta davvero

Certamente sarà addio Parma, difficilmente sarà arriveranno altre proposte concrete dall’estero. Il giocatore vuole restare in Italia e sceglierà se vestire la maglia granata, o quella blucerchiata. Molto, se non tutto, dipenderà da chi gli farà recuperare gli stipendi perduti (a dire il vero mai visti) in terra crociata. Sarà una lunga notte di contatti sottotraccia, sebbene le due società hanno detto che ”tutto è rimandato a domani”.

Non solo Acquah, ma anche e soprattutto Alvaro Gonzalez. Il Torino è a caccia di un centrocampista – fatto ormai noto e arcinoto -. E il mediano della Lazio è e resta la prima alternativa nel caso in cui saltasse l’affare-Acquah. Un innesto per dare forza alla linea centrale del campo, un colpo per completare (o quasi) il mercato. Perché negli ultimi giorni le sorprese sono dietro l’angolo e, con Ilicic e Kurtic sempre sullo sfondo (qui i dettagli), nulla può essere escluso a priori. Per il biancoceleste il problema principale è quello legato all’ingaggio percepito, anche se l’accordo con il giocatore appare vicino: 400imla euro da qui a fine stagione. Contratto da ridiscutere, in caso di meritata conferma. Perché il laziale arriverebbe con la formula del prestito con opzione di riscatto. E in tal senso c’è ancora da trattare con Lotito: il presidente della Lazio valuta il giocatore 3.5 milioni di euro, mentre Cairo non vorrebbe spingersi oltre i due.

Ultimo ed eventuale colpo in uscita, quello di Sanchez Mino. Il Torino lo vuole cedere soltanto in prestito secco, ma ancora non è stata trovata una società disposta a prendere il giocatore con questa formula. Per ora non si registrano novità, con i granata consapevoli di poter tranquillamente reintegrare in rosa l’italo-argentino. 

Petrachi e Osti si contendono Acquah, i granata nel mentre portano avanti i contatti con Gonzalez. ”Tutto rimandato a domani” – dicono. Ma la verità, è che nel calciomercato non si dorme mai…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy