Torino-Ekdal: non è finita, ma quasi…

Torino-Ekdal: non è finita, ma quasi…

Calciomercato / Granata pronti a virare su uno tra Vecino, Kurtic e Acquah

Sono giorni intensi tra collqui e trattative per il Torino e il suo direttore sportivo Gianluca Petrachi. Nonostante la piccola pausa per assistere alla finale tra Torino e Lazio, con lo scudetto di categoria tornato a colorarsi di granata, l’uomo mercato di via Arcivescovado non ha mai smesso di portare avanti i rapporti con gli altri operatori del settore. L’obiettivo, ovviamente, quello di imbastire velocemente i binari sui quali potranno e dovranno scorrere con scioltezza i prossimi affari. 

Archiviato il discorso legato ad Avelar, Petrachi si sta concentrando sui profili utili in mediana, con Ekdal sempre in cima alla lista dei desideri, parimenti sempre più lontano dall’approdo in granata. Il giocatore ha spesso tentennato, rimandando a più riprese il possibile accordo con il Torino. Dall’estero invece sono spesso arrivate delle proposte considerate più che buone dal centrocampista rossoblù che ora sembra pronto a lasciare l’Italia per trasferirsi altrove. Magari in Turchia, dove il Trabzonspor è uscito allo scoperto, presentando al giocatore un contratto quadriennale con uno stipendio al di sopra del milione di euro. 

Con il Toro non è ancora finita, ma poco ci manca. Per questo Petrachi ha iniziato ad accelerare per accorciare le distanze che separano il club piemontese dalle possibili alternative al giocatore. Queste già note da tempo: Vecino, Kurtic e anche Acquah, profilo trattato a gennaio assieme alla Sampdoria. I blucerchiati hanno in mano un’opzione per il riscatto del giocatore a circa 3 milioni di euro, va da sé che se il club di Ferrero dovesse esercitarla, tutto si spegnerebbe sul nascere.

Per Kurtic e Vecino, invece, molto dipenderà dalla Fiorentina: il club viola è pronto a riaccogliere la mezzala uruguagia dopo il prestito secco ad Empoli, quindi valuterà cosa farne in ottica della prossima stagione. Discorso simile per lo sloveno che potrebbe a questo punto non essere riscattato dai Della Valle e quindi tornare a Sassuolo per poi cambiare maglia ancora una volta. Per entrambi, il Torino si sta già muovendo impostando il discorso sulla base di un prestito con opzione di riscatto in vista della prossima stagione. In modo tale da rimandare l’eventuale esborso di un anno, concentrando gli sforzi economici in altri settori. 

Come il riscatto di Omar El Kaddouri, la comproprietà di Benassi e soprattutto sul reparto offensivo: dove Ventura e i tifosi attendono il miglior rinforzo possibile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy