Torino: la top 6 degli acquisti di gennaio dell’era Cairo

Torino: la top 6 degli acquisti di gennaio dell’era Cairo

Calciomercato / Ecco i migliori colpi granata degli ultimi anni durante la sessione invernale di calciomercato

16 commenti
Cairo

La sessione invernale di calciomercato è iniziata da una settimana, il Toro ha spesso messo a segno colpi importanti e anche stavolta Petrachi dovrà assumersi l’impegno di regalare a Mazzarri giocatori che potranno portare alla sua squadra maggiore qualità. Negli anni lo storico DS è stato capace di portare a Torino, nella sessione di gennaio, giocatori come Immobile Maxi Lopez, ma non sono gli unici.

Vediamo allora la top 6 degli acquisti invernali granata.

6 – MEGGIORINI – Il 16 gennaio 2012, l’attaccante venne acquistato dal Torino in comproprietà con il Novara, lasciando la Serie A dopo 3 anni. A fine anno le sue presenze saranno 18, impreziosite da 4 gol e la promozione in Serie A. I granata riscatteranno la seconda parte del suo cartellino. Nei due anni successivi ben 77 presenze tra Serie A e Coppa Italia, ma con appena 3 gol di cui una doppietta a San Siro ancora oggi negli occhi di molti tifosi granata. Il giocatore verrà ceduto al Chievo nel luglio 2014, squadra nella quale milita tutt’ora.

5 – KURTIC –  Nell’anno in cui il Toro si qualificò in Europa League, prese lo sloveno in prestito dal Sassuolo a fine gennaio. Ottimo il suo rendimento a fine stagione raccoglie 16 presenze e 2 reti in campionato. Kurtic tornerà poi al Sassuolo, che all’epoca era comproprietaria del cartellino dello sloveno insieme all’Atalanta.

4 – ANTENUCCI – Il 23 gennaio 2011, l’attuale bomber della SPAL, passa dal Catania al Torino in comproprietà. Esordendo con la maglia granata nella partita a Crotone, formando con Bianchi una formidabile coppia d’attacco. A fine campionato il suo bottino sarà di 6 reti in 19 presenze, in un anno fallimentare in cui il Toro non riuscirà nemmeno ad approdare ai play-off di Serie B. Nella stagione successiva, dopo il rinnovo della comproprietà, Antenucci viene riconfermato dal nuovo tecnico: Gian Piero Ventura. Sigla 10 gol in campionato e uno in Coppa Italia, contribuendo al ritorno in Serie A della squadra. Il Torino perderà poi il giocatore alle buste con il Catania, ma l’attaccante non ha mai nascosto il suo feeling particolare con la maglia granata.

3 – D’AMBROSIO – Il 12 gennaio del 2010 i granata acquistano il terzino napoletano in comproprietà dalla Juve Stabia. Il giocatore rimarrà qui per 5 stagioni, dopo l’esordio in B in Torino-Grosseto del 16 gennaio dello stesso anno. A fine stagione il Toro lo strappa alla concorrenza di molti altri club di Serie A e acquista anche la seconda metà del suo cartellino. Poi tante stagioni da titolare passando da quella fallimentare con Franco Lerda, fino a quella trionfale culminata col ritorno in Serie A con Ventura. Lascerà poi la maglia granata a gennaio del 2014 per vestire la maglia dell’Inter, nell’affare che portò anche Benassi in maglia granata.

 

SS Lazio v Torino FC - Serie A

2 – MAXI LOPEZ – Il 13 gennaio 2015, l’attaccante argentino viene acquistato a titolo definitivo dal Chievo, firmando con il club granata firma un contratto di 6 mesi con opzione per un altro anno. Sarà un anno incredibile per Maxi Lopez che siglerà ben 11 gol in 23 partite, fra cui 3 gol decisivi contro l’Athletic Bilbao che consentirono al Toro di giocarsi gli ottavi di Europa League. Nelle stagioni successive le presenze totali saranno 47 tra campionato e coppa Italia e 9 i gol da lui segnati. L’esplosione di Belotti e una forma fisica non adeguata sono stati i problemi che lo hanno condizionato molto fino alla cessione definitiva nella scorsa sessione di mercato all’Udinese. L’avventura granata non è certo finita in gloria, ma a Torino Maxi Lopez ha comunque lasciato buoni ricordi.

ROME, ITALY - MARCH 13: Maxi Lopez with his teammates of FC Torino celebrates after scoring the team's first goal during the Serie A match between SS Lazio and FC Torino at Stadio Olimpico on March 13, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
ROME, ITALY – MARCH 13: Maxi Lopez with his teammates of FC Torino celebrates after scoring the team’s first goal during the Serie A match between SS Lazio and FC Torino at Stadio Olimpico on March 13, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

1 – IMMOBILE –  Il 16 gennaio 2016 torna al Torino in prestito dopo le esperienze fallimentari col Borussia Dortmund e il Siviglia, accolto da una folla di tifosi festanti a Caselle – una stagione prima aveva trascinato il Torino, diventando capocannoniere della Serie A, insieme al “gemello del gol” Alessio Cerci. Al suo secondo esordio in maglia granata segna subito contro il Frosinone. Terminerà la stagione segnando altre due doppiette e collezionando 14 presenze, rilanciandosi risultando tra i convocati della Nazionale di Conte all’Europeo. Il Torino, a fine stagione, non eserciterà il diritto di riscatto fissato a 11 milioni nei confronti del Siviglia. Il cartellino del bomber campano finirà poi alla Lazio. Attualmente, alla seconda stagione in biancoceleste, Ciro è il capocannoniere della Serie A

16 commenti

16 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13686151 - 2 settimane fa

    Ciro voleva rimanere ..ma poi Ventura decise di andare e con l’arrivo di Sinisa sapendo che lui gioca con una punta e due esterni,decise di andarsene.. visto che il gallo era il centravanti del toro.
    Anche per questo io nn volevo il serbo..ma la piazza no tutti contenti.
    Ho imparato nel tempo che i tifosi del toro guardano più all’apparenza che alla posizione in classifica!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata70 - 2 settimane fa

      Ciro non voleva rimanere. Non so solo se tutto era concordato con la società già all’arrivo. In quel momento faceva comodo ad entrambi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Junior - 2 settimane fa

      mah non so neanche se ciro voleva rimanere a torino. aveva certamente offerte piu’ allettanti e da squadre meglio organizzate rispetto a noi. difatti la lazio e’ stata una buona scelta ma c’ era anche il napoli che lo seguiva. quindi ha usato il toro per tornare in gioco e farsi vedere, se ci fossimo qualificati per L EL forse avrebbe cambiato idea. ma ormai e’ storia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dennislaw - 2 settimane fa

    la top 6 lascia un grande rimpianto : l’imcomprensibile vicenda Immobile. Il Torino lo lascia andare , avendo il dirtto di riscatto e la Lazio lo prende per 8 milioni: 8 milioni per il capocannoniere della serie A!! E non mi si dica che non si sapeva quanto era forte. Oppure che lui non voleva restare. O che il suo in ingaggio sarebbe stato troppo alto. Invece va bene quello di Niang,1,5 milioni. Ci avrebbe fatto risparmiare anche i soldi per acquisti come Iago o Liajc, con relativi ingaggi…che figuraccia la società! Un Torino con la coppia Belotti Immobile e se tenevamo Quagliarella con lui terza punta…da Champions.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

    Quello che continuo a non comprendere insieme a molti altri di voi è questo: perché ostinarsi con una pippa come Okaka quando in attacco in teoria con questo niang potremmo essere apposto. A sto punto riprendiamoci Arma, Oguro e Claudio De Sousa. A parte gli scherzi potremmo prendere uno come Destro, grande talento da rilanciare. Poi si dovrebbe fare un grosso sforzo a centrocampo, perché non riportare in Italia Soriano e Sansone che adesso sono al Villareal??? e non si venga a dire che i Cash per farlo non ci sono. Riprendere Verdi sarebbe il top, anche il Manchester ha tirato fuori parecchi soldi in più per riprendersi uno come pogba, che avevano già in casa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      su Okaka credo abbia già risposto la società… io credo che a gennaio nessuna società vada a comprare quello che gli servirà in futuro, tantomeno giocatori ingombranti che rischiano di fare solo casino. Al Toro servono un paio di giocatori “importanti”, che abbiano qualità e personalità e che vadano a completare l’ossatura della squadra, cosa che quest’anno la società ha iniziato a fare con giocatori come Sirigu, NKoulou e Rincon, oltre ad aver trattenuto Baselli e Belotti… siamo a metà dell’opera, ma credo che un ottimo centrocampista di qualità alzerebbe l’asticella ad un livello competitivo per l’EL… ma a Gennaio dubito che lo si possa trovare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 2 settimane fa

        …manca un Vincenzo Scifo da mettere al centro del centrocampo a 5 di Mazzarri, non si può pensare che Valdifiori un domani possa giocare un quarto di finale in Europa, per favore! se il Toro deve ambire a livelli europei… altrimenti quello che già abbiamo basta e avanza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

          Su Valdifiori hai ragione… lo farei volare già in questa finestra di mercato tanto non servono a nulla i suoi tocchettini di palla ed è più snervante del niang di Mihajlovic. Pure Sarri l’ha scaricato non gli piaceva neanche come riserva. Sul fare acquisti importanti a gennaio non sono d’accordo. Noi siamo in attivo e possiamo investire, le altre squadre devono aspettare gli introiti di fine stagione. Preferirei i due citati prima, che un Castro bollito e finito entro due anni al massimo. Poi non so come stanno rendendo in Spagna, in Italia giocavano bene, li il tasso tecnico è più alto e hanno giocato poco (wikipedia),forse anche perché infortunati. Si potrebbe provare anche col prestito con diritto di riscatto. Ci abbiamo provato con iturbe, e ho detto tutto. Su Destro se riuscissimo a farlo resuscitare come abbiamo fatto con altri sarebbe un colpo da”100 milioni”, e farebbe bene anche al gallo un pò di sana concorrenza.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabrizio - 2 settimane fa

      oguro!! lo avevo dimenticato. Come e’ stato possibile non lo so….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CresciutoaPaneeTORO - 2 settimane fa

        Te lo ricordi fabrizio? Correva correva e arrivava davanti alla porta sempre morto ahahaha

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. abatta68 - 2 settimane fa

    Di questi non se ne salva mezzo, visto che Immobile non è mai stato nostro e Maxi non è mai diventato il giocatore che poteva essere. L’unico vero buon giocatore che è poi esploso è stato D’Ambrosio, che ha garantito 5 anni a livelli sempre migliori, un giocatore che ancora oggi ci farebbe comodo e sarebbe il capitano di questa squadra… è andata diversamente, peccato.
    Dopodichè spero che il miglior acquisto di gennaio di sempre sia quello di Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GranataForce - 2 settimane fa

    Personalmente io Immobile non lo inserirei in questa classifica, anzi lo metterei nei peggiori affari fatti, ritornato a Torino non lo abbiamo riscattato, non abbiamo provato a trattenerlo, nemmeno nascondendogli le chiavi della macchina…
    Vi sembra un affare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Junior - 2 settimane fa

      io guardo il bicchiere mezzo pieno: alla fine da noi ha fatto benissimo e ha trascinato l’attacco in varie occasioni, nonostante il tiki taka di GPV…poi purtroppo e’ andata come e’ andata. col gallo facevano paura a tutte le difese.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fabrizio - 2 settimane fa

    proviamo anche a fare la classifica delle meteore acquistate nello stesso periodo. chissa’ se basta una scheda..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 settimane fa

      meggiorini con 77 presenze tra Serie A e Coppa Italia, ma con appena 3 gol non mi pare un grande acquisto….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 2 settimane fa

    Il top è Mazzarri, non sono manco così affannato a seguire il mercato pare che torni Lukic ma non so se basta, pare chiaro che è dura puntare su Obi in maniera continuata, per cui servirebbe un rinforzo al centrocampo… Poco altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy