Torino, proposto Faraoni. Ma i granata per ora si coccolano Bruno Peres

Torino, proposto Faraoni. Ma i granata per ora si coccolano Bruno Peres

Approfondimento / La Roma bussa alla porta di Cairo. Il brasiliano è un elemento importante per la squadra e come per Maksimovic, l’eventuale cessione avverrà solo se lo richiederà il giocatore

Commenta per primo!

La preparazione del Torino in quel di Bormio è entrata nel vivo ormai. Nel frattempo il calciomercato prosegue e la società si sta muovendo su più fronti per regalare a Ventura un attaccante. 

PREZZO STABILITO – I nomi caldi per il reparto avanzato son sempre gli stessi: da Belotti a Defrel passando per Abel Hernandez. Tutte trattative non semplici che, inutile negarlo, potrebbero essere sbloccate da un’ulteriore cessione in casa granata. Negli ultimi giorni si è parlato del possibile addio di Maksimovic (richiesto dal Napoli e dal neo tecnico del Milan Mihajlovic), ma il serbo è e resta al centro del progetto granata: se vorrà partire, dovrà farsi avanti chiedendo la cessione al club. Nel mentre non si placa l’interessamento della Roma per Bruno Peres. Proprio l’ex Santos, è reduce da una buonissima stagione costellata da prestazioni degne del suo grande potenziale. La società granata non ha chiuso le porte al club giallorosso, ma ha fissato la base d’asta per il cartellino del brasiliano al di sopra di 15 milioni.
 
POSSIBILE “SACRIFICIO” PER ARRIVARE ALL’ATTACCANTE – Un’eventuale partenza dell’esterno carioca, chiaramente, aiuterebbe il club di via Arcivescovado ad avvicinarsi ai propri obiettivi di mercato per l’attacco. A tal proposito, la priorità è una: il rosanero Belotti, che Zamparini ha più volte ribadito di non essere intenzionato a cedere. Al di là di là delle possibili suggestioni di mercato, sarebbe parimenti opportuno domandarsi se, per sbloccare le suddette trattative, sia realmente conveniente privarsi delle prestazioni di un giocatore come Bruno Peres.
 
PROPOSTO FARAONI – Proviamo a fare chiarezza. Quello del venticinquenne è un caso particolarmente strano: l’approdo al Toro di Zappacosta crea inevitabilmente i presupposti di un dualismo che potrebbe alzare il livello tecnico, ma allo stesso tempo non lasciare del tutto scoperta la corsia di destra in caso di partenza del brasiliano. E nell’ottica di un’eventuale cessione, ecco negli scorsi giorni il nuovo entourage di Faraoni ha provato a proporre il suo assistito ai granata. La pista, per ora, resta fredda. Perché il Torino sa di avere in casa due pezzo da 90 e per il momento non ha alcuna intenzione di operare su quella corsia.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy