Torino: summit in vista, tra Sala e Zappacosta

Torino: summit in vista, tra Sala e Zappacosta

Calciomercato / Petrachi e Ventura in contatto: se parte Darmian, occorre trovare un altro laterale destro. L’atalantino e il veronese i primi indiziati

La trattativa per la cessione di Matteo Darmian non è ancora conclusa, ma certamente è ben avviata, visto e considerato che i Red Devils hanno, come vi abbiamo illustrato ieri, praticamente già in mano l’accordo col giocatore. Manca la stretta di mano col Torino, che deve essere soddisfatto economicamente. E poi i granata dovranno attivarsi, in maniera rapida ed efficace, per reperire sul mercato il sostituto del laterale destro più forte in Italia: forti anche del “gruzzolo” ricavato dalla sua cessione. In tal senso, sarà importante il colloquio che il DS Petrachi e il tecnico Ventura avranno a margine del raduno di stasera. Il nuovo arrivato dovrà essere in grado di ricoprire entrambe le fasi di gioco nel 3-5-2 venturiano.

I primi indiziati sono Davide Zappacosta dell’Atalanta e Jacopo Sala del Verona. Ieri il primo, vero contatto tra i granata e gli orobici per  l’esterno classe 1992, reduce dagli Europei Under 21. Certo, l’Atalanta non è dal canto suo su morbide posizioni, valutando il suo terzino intorno agli otto milioni di euro. E sul ragazzo c’è anche il Napoli: ma il profilo è davvero interessante e i granata potrebbero prendere in considerazione un investimento importante.

Alternativa altrettanto importante è quel Jacopo Sala autore di una bellissima stagione col Verona. Anche qui la strada non sarebbe in discesa: il classe 1991 è reduce da una stagione importante, in cui ha dimostrato di essere giocatore polivalente e di grande prospettiva. Da poco il Verona lo ha blindato con un rinnovo del contratto. Il neo DS scaligero, Riccardo Bigon, chiederebbe anch’egli una contropartita economica importante, intorno ai 6 milioni di Euro.

Caccia al sostituto di Darmian, quindi, col Torino che, una volta conclusa la cessione del suo pezzo pregiato (e lo ripetiamo, c’è ancora da lavorare) andrà sul mercato forte di risorse finanziare fresche. In rosa c’è ancora Bruno Peres, vero, ma il Torino non vuole farsi trovare impreparato e cercherà di portare in dote a Ventura un sostituto degno di chi saluterà il Torino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy