B-nocolo: tutto un altro inizio

B-nocolo: tutto un altro inizio

di Davide Agazzi – La Serie B riparte da dove aveva cominciato. Prima giornata di campionato cadetto, niente scioperi e tanto divertimento. Le premesse, che emergono dopo la prima giornata, non potevano essere migliori. Trentadue gol, di cui alcuni veramente pregevoli, sono il giusto preludio ad un campionato spumeggiante. Facendo un passo indietro, la memoria torna alla prima di campionato della scorsa stagione.

Ventitre…

di Davide Agazzi – La Serie B riparte da dove aveva cominciato. Prima giornata di campionato cadetto, niente scioperi e tanto divertimento. Le premesse, che emergono dopo la prima giornata, non potevano essere migliori. Trentadue gol, di cui alcuni veramente pregevoli, sono il giusto preludio ad un campionato spumeggiante. Facendo un passo indietro, la memoria torna alla prima di campionato della scorsa stagione.

Ventitre reti, due pareggi a reti bianche e tre vittorie esterne, ad opera di Sassuolo, Empoli e, purtroppo, Varese. Anche quest’anno, sono state tre le squadre a vincere in trasferta e a rovinare la festa in casa d’altri. Livorno, a mantenere sempre alta la matrice toscana in cadetteria, il Pescara di Zeman e, finalmente, il Toro. Rispetto all’anno scorso, quando solo l’Atalanta onorò il battesimo stagionale, oggi , tutte le “grandi” del campionato non hanno steccato l’esordio, tranne Bari e Samp, che comunque affrontavano squadre di buon livello.

Quest’anno, bisogna registrare un’altra buona partenza del Sassuolo, oggi in mano a Pea, che ha sconfitto senza patemi una Nocerina apparsa ancora di categoria inferiore. Bisognerà vedere se i neroverdi non faranno lo stesso errore dell’anno scorso, che dopo un’illusoria partenza sprint, finirono ai limiti della zona retrocessione. Diverso il discorso anche per le neopromosse. L’anno scorso, Novara, Varese, Portogruaro e Pescara iniziarono il campionato soprendendo tutti. Il pareggio dei piemontesi contro il Padova era solo l’anticipo del finale di campionato, la vittoria del Varese sul Toro era solo l’inizio di un copione già scritto, l’1-1 del Pescara sul Siena annunciva gli abruzzesi come una delle migliori sorprese e la vittoria del Portogruaro sul Cittadella si rivelò essere solo una triste illusione. Così, in attesa dell’imminente seconda giornata di campionato e senza le pretese snob della Serie A, ci godiamo il campionato cadetto, i suoi gol e le sue emozioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy