Barreca sfrutta bene l’occasione. Alfred Gomis, miracoli in serie!

Barreca sfrutta bene l’occasione. Alfred Gomis, miracoli in serie!

Italia Granata / Il terzino entra al posto dell’infortunato Murru e colpisce in positivo. Sanchez Mino in gol in Argentina. Rosso, panchina prima dell’Under 20

Barreca, Nazionale, Diop

Torna Italia Granata, con la carrellata sul week-end dei calciatori del Torino in prestito; l’uomo-copertina è Antonio Barreca: lo incoraggiamo così, visto che ha giocato un ottimo spezzone di gara, con l’auspicio che sia la svolta buona della sua esperienza cagliaritana. Non si può non menzionare, poi, la gran prestazione di Alfred Gomis, che però non evita la sconfitta al Cesena. Panchina per Simone Rosso in attesa della prima esperienza azzurra, Parigini fuori per infortunio. In Lega Pro, sempre titolari Morra, Gyasi, Lescano, Parodi, torna dal primo minuto Suciu nel Lecce. E intanto Juan Sanchez Mino continua a far bene in Argentina, dove nell’Estudiantes ha ritrovato la sua dimensione: gol importante nella vittoria contro il Santa Fe.

Mancano all’appello Marco Chiosa, che giocherà stasera col suo Avellino nel posticipo del lunedì in casa del Crotone (ore 20.30) e Ousseynou Thiao, anch’egli impegnato stasera col suo Cuneo nel posticipo di Lega Pro in casa della Reggiana (ore 20);

SERIE A

LYS GOMIS (Frosinone) – Dopo un turno di riposo, Nicola Leali è tornato a difendere i pali del Frosinone. Lys Gomis torna in panchina dopo l’attacco febbrile della scorsa settimana.

SERIE B

BARRECA (Cagliari) – Finalmente buone notizie per il terzino sinistro classe 1995. In Cagliari-Modena (terminata 2-1) Barreca entra al 52’ della ripresa, a causa di un infortunio del titolare Murru, e sfrutta bene l’occasione. Corre moltissimo e sforna due-tre buoni cross che per poco non vengono tramutati in rete dagli attaccanti. La critica è uniforme nel giudicare positivamente lo spezzone di partita giocato, e anche il ragazzo appare sollevato. Che possa essere la svolta buona? (VOTO: 6.5)

Barreca, Facebook

 

PARIGINI (Perugia) – Il Perugia vince 2-0 in casa contro il Lanciano; Vittorio Parigini costretto a rimanere fuori dalla partita, così come dalla convocazione in Under 21, a causa del problema al costato riportato nell’ultima partita disputata.

ARAMU (Livorno) – Giornata-no per il Livorno, che cede 1-0 al “Piola” di Vercelli. Mattia Aramu parte come sempre titolare, come esterno destro del 4-2-3-1, ma è coinvolto pienamente nel pomeriggio negativo della sua squadra. Tocca pochi palloni e su quei pochi non è brillante. Un solo tiro in porta, un diagonale di sinistro parat, prima di uscire al 56’ per Fedato (VOTO: 5). Ora il talento di Ciriè raggiungerà la Nazionale Under 20.

ROSSO (Brescia) – In settimana, la grande notizia per Simone Rosso, con la prima convocazione di sempre in una selezione giovanile. Sabato, però, il Brescia è naufragato in casa del Novara, subendo un sonoro 4-0. L’ex Folletto della Primavera del Torino, però, non prende parte in prima persona alla disfatta, rimanendo in panchina per tutta la partita, per la prima volta dopo parecchio tempo.

Rosso
Il Brescia di Rosso è in punti

 

ALFRED GOMIS (Cesena) – Mario Somma ritrova una panchina dopo tre anni e col Latina è subito vittoria, a sorpresa, ai danni del Cesena. Un 1-0 che avrebbe potuto essere più largo se il portiere dei romagnoli, Alfred Gomis, non si fosse espresso a suon di miracoli. Il portiere compie almeno quattro parate decisive nel primo tempo. Sulla spaccata decisiva di Corvia forse non è esente da colpe ma resta comunque, di gran lunga, il miglior bianconero in campo. (VOTO: 7) Il portiere, poi, ieri si è recato col suo agente a vedere la partita del Torino, la società detentrice del suo cartellino e che resta sempre nella sua testa.

Alfred Gomis

 

 

LEGA PRO

GRAZIANO (Renate) – Il centrocampista classe 1995 entra solo al minuto 87 nella gara che il Renate pareggia 0-0, in casa contro il Pavia secondo in classifica. E’ comunque un’altra presenza per un ragazzo che si sta facendo notare, alla sua prima annata da professionista. (VOTO: NG)

PARODI (Ancona) – Sono tanti i ruoli ricoperti da Luca Parodi in una stagione e mezza all’Ancona, ma ancora non aveva fatto il marcatore di sinistra della difesa a tre. Nello sfortunato match contro il Santarcangelo (un Ancona stanco e poco ispirato ha perso 0-2) è stata colmata anche questa lacuna. Il classe 1995 arriva un po’ in ritardo sul raddoppio di Guidone, ma gioca comunque una discreta prestazione, concedendosi anche qualche sgroppata in avanti. (VOTO: 6)

PROIA (Pistoiese) – Il centrocampista classe 1996, Federico Proia, non compare nemmeno in panchina nella gara che la Pistoiese perde in casa contro la Maceratese (1-2). Il mediano, campione d’Italia con la Primavera del Torino, è ancora in attesa del suo esordio in maglia arancione.

GYASI (Carrarese) – La Carrarese di Remondina perde 1-0 in casa della Spal. Emmanuel Gyasi è sempre titolare, come centravanti della formazione di Carrara. A Ferrara gioca 75’ positivi, anche se non riesce a trovare la via della rete fa a sportellate con la difesa avversaria e dà profondità alla squadra (VOTO 6)

BONIFAZI (Benevento) – Il difensore classe 1996 resta in panchina per tutta la partita, al pari dell’ex compagno nel Torino, Michele Troiani, nella partita che il Benevento vince in casa, 1-0 contro la Paganese. Il marcatore di proprietà del Torino ha fin qui raccolto poco spazio con la maglia della “Strega”.

SUCIU, DIOP (Lecce) – Il Lecce perde 2-1 in casa del Catanzaro; è il primo KO del tecnico Braglia da quando è subentrato ad Antonino Asta. Sergiu Suciu torna titolare e gioca novanta minuti; la prestazione però non è eccezionale, non riesce a dare la qualità di cui è capace e la qualità di gioco del Lecce ne risente (VOTO: 5.5). Abou Diop, invece, resta in panchina per tutta la partita.

LESCANO (Melfi) – Il Melfi perde 2-0 in casa del Messina e non riesce a staccarsi dalle zone basse della classifica. Facundo Lescano è titolare e gioca novanta minuti. Va vicino al gol a pochi minuti dal termine, con un colpo di testa, ma la palla sfila alta e allora il primo goal della stagione deve ancora aspettare. (VOTO: 5.5)

MORRA, FISSORE (Fidelis Andria) – L’atteso derby pugliese tra Monopoli e Fidelis Andria termina 0-0. Claudio Morra è sempre titolare: prova un paio di volte la conclusione, ma senza precisione. L’appuntamento con il goal manca da qualche giornata, anche a causa di infortuni, ma la Fidelis Andria continua a ragione a puntare sull’attaccante classe 1995. (VOTO: 5.5). Matteo Fissore invece resta in panchina; il tecnico Luca D’Angelo sta concedendo un periodo di riposo al difensore classe 1996, dopo una prima parte di stagione da titolare fisso.

SERIE D

Nell’ultimo turno di Serie D, tra i giovani ancora vincolati col Torino hanno giocato titolari il portiere Edoardo Cizza (1997, Oltrepò Voghera: 0-1 all’Argentina), il portiere Paolo Bambino (1996, Chieri, 4-1 alla Pro Settimo), l’esterno Orazio Orofino (1997, Pro Settimo), il difensore Alessandro Dalmasso (1996, Pinerolo: perso 2-0 contro la Lavagnese), il difensore Cochis (1996, Monza: 1-3 all’Olginatese), il portiere Grillo (1997, Campobasso: 1-1 con la Vis Pesaro).

ESTERO

SANCHEZ MINO (Estudiantes) – Continua il momento positivo per l’Estudiantes e per Juan Sanchez Mino. Il giocatore argentino, che oggi compie 25 anni, si fa un bel regalo segnando la rete del 2-0 a favore del “Pincha” contro il Santa Fe. Novanta minuti di qualità nella posizione di esterno sinistro del 4-2-3-1 di Gabi Milito, suggellati da questa realizzazione ma anche dall’assist del primo goal. (VOTO: 7)

 

PRIMAVERA

D’ORAZIO (Carpi) – Il Carpi Primavera ottiene un buon pari (2-2) in casa della Pro Vercelli. Il centrocampista D’Orazio gioca altri novanta minuti di buona qualità, confermando ancora di valere il Campionato Primavera (VOTO: 6). Per la cronaca, le due reti sono state segnate da Sallustio, attaccante l’anno scorso nella Berretti del Torino, poi non riscattato dai granata.

 

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …a proposito di giovani…ieri in campo c erano Benassi 21 Baselli 23 e Silva 21…Benassi difeso da tutti e da tutto da Ventura…altrimenti se fosse per i genidelcalcio che vogliono i giovani e poi li smerdano al primo stop sbagliato adesso sarebbe già morto e sepolto…invece adesso GRAZIE a Ventura il TORO ha in mano il centrocampista capitano della nazionale Under21…e diventerà uno dei centrocampisti + forti d Italia…e anche ieri a 21anni ha già dimostrato di poter essere il migliore in campo…figuriamoci tra 2 o 3 anni cosa potrà diventare sto ragazzo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …quanti Torelli ci sono in giro per la b e c ? ….20-30 ? …quanti giocano titolari in B regolarmente ? …2 o 3 ? …bene su quei 2 o 3 si potrà fare dei ragionamenti a fine anno…ma dei ragionamenti…perchè tra la B e la A ci sono 2 anni luce…forse a qualcuno questa cosa sfugge…ma non è detto che se fai il fenomeno in B tu lo faccia in A…anzi…se poi nn riesci neanche a essere protagonista in B la A te la puoi anche scordare…altrimenti facciamo la fine come con Diop…entra 5 min e lascia il TORO in 10…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …Ventura è un maestro coi giovani…in Nazionale ci sono almeno 5 o 6 che devono tutto a Ventura…Ranocchia, Bonucci, Immobile, Cerci, Darmian…tutta gente scartata da altri allenatori…Ranocchia e Bonucci con Ventura giocavano titolari in serieA a 20-21anni…poi è chiaro che non si diventa un giocatore di calcio per raccomandazione…quindi i giovani del TORO devono prima dimostrare di poter diventare giocatori di calcio…in serieB…come hanno fatto tutti…Lentini, Ogbonna, Cerci, Immobile…altrimenti c’è il rischio di trovarsi davanti dei genidelcalcio che invece di sostenerti al primo stop sbagliato ti riempono di merda…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogerfederer - 2 anni fa

      questo ragionamento non farebbe una grinza se avessimo una panchina lunga e di qualità….e se fossimo quarti o quinti in classifica….
      mi pare che nessuna delle due ci sia in questo momento…basterebbe
      non essere dei TALEBANI del modulo ed avere un po’ di fantasia e coraggio che un allenatore può avere anche in età”matura”…Un MANTOVANI che si allena sempre con la prima squadra se non lo fai giocare ieri allora QUANDO?…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rogerfederer - 2 anni fa

    Grazie infinite ai ragazzi di TORONEWS che seguono e ci tengono informati su quello che fanno i GIOVANI del Toro in giro per l’Italia….
    C’è solo un piccolo problema , purtroppo,che vanifica questo Vs grande lavoro….e cioè che il nostro attuale MISTER LIBIDINE…non ne vuol sapere di farne esordire qualcuno….ne ieri ne oggi ne mai…
    Nel Milan, asfaltato dai nostri Prinavera lo scorso anno, giocano titolari Donnarumma e Calabria…e noi….
    Se non ha fatto giocare PRYMA o MANTOVANI ieri….quando mai?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pippo - 2 anni fa

      concordo questo punto se fossi nel presidente chiderei perchè non giocano in partite dove la possibilità di perdere è alta e forse con i giovani si può fare qualcosa di diverso. In particolare per attacco belotti deve rimanere in campo sempre in modo da acquisire fiducia (vedi il portiere del milan che dopo la papere delle prime uscite ha avuto lo stesso la fiducia del mister)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ObiWan - 2 anni fa

    …solo se il suo valore non genera una buona plusvalenza, altrimenti sarà il terzino di qualche squadra che non si accontenti di salvarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …questo sarà il terzino sx del TORO dei prossimi 10anni…Barreca ha una corsa pazzesca e anche un buon piede…peccata abbia davanti Murru che è di proprietà del cagliari e ha già 2 o 3 campionati di A sulle spalle…spero a Gennaio cambi aria…il Cagliari non è la squadra dove potrà dimostrare di essere un grande…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy