È già fuga?

È già fuga?

 

Si sono concluse le partite del sesto turno della Serie B. E’ stata una giornata in cui non si sono viste valanghe di gol, eccezion fatta per il Novara, che dopo lo stop esterno contro il Torino ha ricominciato la propria implacabile marcia.

Ieri il Siena ha superato il Piacenza grazie alla rete di Sestu a metà della ripresa. I bianconeri si sono portati così in testa alla classifica con…

Commenta per primo!

 

Si sono concluse le partite del sesto turno della Serie B. E’ stata una giornata in cui non si sono viste valanghe di gol, eccezion fatta per il Novara, che dopo lo stop esterno contro il Torino ha ricominciato la propria implacabile marcia.

Ieri il Siena ha superato il Piacenza grazie alla rete di Sestu a metà della ripresa. I bianconeri si sono portati così in testa alla classifica con 14 punti su 18 disponibili. In scia dei toscani rimangono gli uomini di Tesser. Il Novara non accusa il colpo e dopo la sconfitta di sabato scorso all’Olimpico di Torino, reagisce e travolge nettamente il malcapitato Livorno. E pensare che gli amaranto erano anche passati in vantaggio sul finire del primo tempo, ma nella ripresa Bertani e compagni trovano quattro volte la via della rete e il match si conclude sul 4-1. Le due capolista sono già in fuga, perché dietro di loro ci sono ben 3 punti prima di trovare Vicenza, Empoli, Crotone e Portogruaro.

I biancorossi si confermano in un buon momento e vincono di misura sul Cittadella grazie al solito Abbruscato. L’ex attaccante granata sembra essersi rigenerato in Veneto e ora è a quota 3 gol. Anche l’Empoli continua la propria marcia. Agli azzurri basta un gol sul finire del primo tempo di Stovini e nella ripresa si amministra per conquistare tre punti. Il Crotone, invece, si affida a Napoli per la vittoria: l’ex centravanti della primavera dell’Inter segna una doppietta di pregevole fattura e i calabresi stoppano la rincorsa di un Sassuolo troppo altalenante in questo avvio di campionato. Corini si starà invece chiedendo se ha fatto bene a dimettersi dalla guida del Portogruardo. Le terribili matricole continuano a stupire e battono in casa anche l’Ascoli (2-1).

Atalanta e Reggina si spartiscono la posta. La squadra di Colantuono passa in vantaggio con Ruopolo, ma viene raggiunta poco dopo da Bonazzoli. L’avvio degli amaranto è decisamente migliore rispetto a quello della passata stagione. Il Padova liquida l’Albinoleffe nel giro di mezzora grazie alle reti di Succi e Di Gennario e trascorre il resto del match ad amministrare il vantaggio. Il Frosinone stoppa la corsa di un frizzante Varese. Ci vuole un gol di Lodi ad inizio ripresa per ottenere il successo. Il Toro, come abbiamo già detto, viene fermato dal Pescara che per la prima volta in stagione segna due gol nella stessa partita e permette agli abruzzesi di arrivare a quota 6 in classifica. Nel posticipo toccherà ancora a Modena e Triestina.

 

 

(Foto: CM.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy