Il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi: “Motivo di orgoglio non far parte degli scandali”

Il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi: “Motivo di orgoglio non far parte degli scandali”

Serie A / Il numero uno dell’AIA in conferenza stampa sugli scandali e sulle violenze nei confronti di arbitri. Tutte le dichiarazioni e l’elenco dei promossi e dei dismessi del prossimo corpo arbitrale di Serie A

 

Si è svolta qualche ora fa la conferenza stampa del Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi. L’AIA si è riunita per diramare ai giornalisti il nuovo organico dei direttori di gara per la prossima stagione. Tre i nomi nuovi per quanto riguarda la Serie A: nel 2015/2016 entreranno a far parte del Can dell massima serie italiana i direttori Fabbri, Mariani e Gavillucci. Dismessi, invece, Tommasi e Petruzzo, per – si legge nel comunicato – “motivate valutazioni tecniche”.

Il presidente dell’AIA ha poi speso parole importanti per quanto riguarda gli scandali che stanno imperversando sul nostro calcio, dichiarando: «Posso dire con assoluta certezza che dietro all’errore di un arbitro c’è solo, appunto, un errore, nulla di più. Deve essere motivo di orgoglio per tutti gli sportivi italiani il fatto che l’AIA sia fuori da ogni schifezza e nefandezza che sta vivendo il nostro calcio. I direttori di gare sono coloro che uniscono, e non dividono, il sistema e aiuteranno la federazione ad uscire da questa situazione. Si sono accavallati scandali su scandali e ancora una volta gli arbitri non centrano nulla: non è una casualità, ma è il frutto di quanto abbiamo fatto». 

Il numero uno dell’associazione arbitri ha poi continuato parlando della violenza sui direttori di gara, un fenomeno che non accenna a placarsi: «E’ una cosa drammatica: ci sono stati più di 600 casi di aggressione e molti tesserati federali sono trai i responsabili. Non possiamo e non vogliamo iniziare la nuova stagione calcistica con il rischio che i nostri arbitri siano oggetto di violenza: chiederemo con forza l’applicazione del comunicato 104 del 2014 dove sono riportate le one pecuniarie per coloro i quali si renderanno colpevoli di fatti di questo tipo.»

Ecco l’elenco completo dei promossi e dei dismessi tra arbitri, assistenti e osservatori per quanto riguarda il CAN di Serie A del prossimo anno:

ARBITRI PROMOSSI DALLA C.A.N. B ALLA C.A.N. A

FABBRI Michael Ravenna
GAVILLUCCI Claudio Latina
MARIANI Maurizio Aprilia

ARBITRI DISMESSI DALLA C.A.N. A

DISMESSI PER MOTIVATE VALUTAZIONI TECNICHE:

PERUZZO Sebastiano Schio
TOMMASI Dino Bassano del Grappa

ASSISTENTI ARBITRALI PROMOSSI DALLA C.A.N. B ALLA C.A.N. A

ALASSIO Stefano Imperia
CARBONE Ciro Napoli
DI VUOLO Rodolfo Castellammare di Stabia
LO CICERO Alessandro Brescia
PERETTI Giorgio Verona
VALERIANI Filippo Ravenna  

ASSISTENTI ARBITRALI CONFERMATI IN DEROGA

DE LUCA Francesco Pescara
PADOVAN Andrea Conegliano  

ASSISTENTI ARBITRALI DISMESSI DALLA C.A.N. A

DISMESSI PER LIMITI DI ETA’:

BIANCHI Riccardo Lucca
FAVERANI Renato Lodi
STEFANI Andrea Edoardo Milano 

DISMESSI PER LIMITE DI PERMANENZA NEL RUOLO:

NICOLETTI Nicola Andrea Macerata
PETRELLA Alessandro Termoli  

DISMESSI A DOMANDA:

GHIANDAI Simone Arezzo 

OSSERVATORI ARBITRALI PROMOSSI DALLA C.A.N. B ALLA C.A.N. A

CARDELLA Antonio Torre del Greco
CICOGNA Sergio San Donà di Piave
DANELUZZI Mauro Latisana 

OSSERVATORI ARBITRALI DISMESSI DALLA C.A.N. A

DISMESSI PER MOTIVATE VALUTAZIONI TECNICHE:

CAMPANER Danilo San Donà di Piave

DISMESSI PER LIMITE DI PERMANENZA NEL RUOLO:

BOLOGNINO Cosimo Milano 
FELICIANI Pietro Teramo 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy