Juventus-Fiorentina, arrestati quattro ultras bianconeri

Juventus-Fiorentina, arrestati quattro ultras bianconeri

Serie A / Pietre contro il pullman dei tifosi viola e porto abusivo d’armi, uno di loro era già stato sottoposto al Daspo

1 Commento

Sono stati fermati ieri pomeriggio alle porte della tangenziale di Torino da una pattuglia della Polstrada e dagli agenti della Digos e successivamente arrestati: si tratta di quattro ultras bianconeri, tre uomini e una donna, che hanno male “accolto” i tifosi viola in trasferta, diretti allo Juventus Stadium dove ieri sera si è giocata Juve-Fiorentina. La banda è entrata in azione la prima volta attorno alle 18, quando ha preso di mira un gruppo di tifosi viola nell’area di servizio Turchino Est, lungo l’autostrada A26:  primi insulti e minacce da parte dei quattro supporter della Juventus, che hanno anche estratto dall’auto una mazza da baseball ma si sono fermati alle parole per timore del sopraggiungere della Polizia di Stato allertata dai tifosi della Fiorentina. Poco dopo, il pullman dei gigliati è stato bersaglio di un lancio di sassi, verosimilmente da parte degli stessi ultras bianconeri vogliosi di “vendetta”

Nel momento in cui sono stati fermati e perquisiti, la vettura che stavano utilizzando si è rivelata ben più pericolosa del previsto: gli ultras bianconeri erano infatti in possesso di due pistole calibro 7,65, una mazza da baseball, un passamontagna, due caschi ed un coltello da caccia. I quattro sono quindi stati arrestati per porto abusivo di armi in concorso. Tre su quattro risultano inoltre avere precedenti con la legge ed uno di essi in passato era anche già stato sottoposto a Daspo, emesso dalla questura di Bergamo per fatti relativi all’incontro Atalanta–Juventus del maggio 2013. Come si dice, il lupo perde il pelo ma non i vizio.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    La mamma dei cretini è sempre incinta, la mamma gobba ancor di più!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy