Panchine roventi in Serie A: salutano anche Miha e Novellino

Panchine roventi in Serie A: salutano anche Miha e Novellino

17 cambi / Le ultime giornate potrebbero ancora regalare qualche avvicendamento, nel frattempo a Palermo torna Ballardini e il Milan dà fiducia a Brocchi

1 Commento

In ultimo (?) fu Novellino. Anzi no, Mihajlovic. Il tecnico rossonero viene esonerato ed al suo posto viene promosso dalla Primavera il tecnico Brocchi. Ennesimo cambio in quel di Milanello, si è perso il conto di quelli avvenuti a Palermo. Anche l’ex tecnico granata, infatti, è caduto inesorabilmente nel trita-allenatori di Zamparini che si avvicina ad una doppia cifra di esoneri che avrebbe del clamoroso. Attualmente, il presidente rosanero sembra intenzionato a riportare sulla panchina Davide Ballardini, che dal capoluogo siculo se n’era andato pochi mesi fa senza lasciare un bel ricordo né nella piazza né nello spogliatoio rosanero, con capitan Sorrentino che aveva dichiarato: “Abbiamo giocato da soli”. Evidentemente, però, la pura della Serie B è abbastanza per convincere il patron a tornare, per l’ennesima volta, sui propri passi. Salvo ribaltoni, sia chiaro…

tabelone esoneri serie A 12 aprile

Nel frattempo, parlando di numeri, eccoci giunti al 17° cambio in corsa della stagione, dunque: si avvicina il record di 18 fissato nel 2011-2012. A dire il vero non ci siamo del tutto persi il conto dei cambi in panchina avvenuti a Palermo: sono ben 9, record assoluto nella massima serie negli ultimi 5 anni.

Ma se il burrascoso presente rosanero costituisce l’eccezione, ci sono tanti altri dubbi sul futuro delle panchine in Serie A. Le altre squadre in lotta per la salvezza sembrano ormai decise a puntare sugli attuali tecnici: Del Neri a Verona, Stellone a Frosinone e Castori a carpi cercheranno di compiere l’impresa, ciascuno a modo suo unica, di salvare la baracca. Salendo in classifica, gli unici che paiono sicuri della riconferma sono Allegri alla guida della Juventus, Sarri al Napoli, Spalletti alla Roma, Giampaolo all’Empoli, Reja all’Atalanta, Maran al Chievo e Donadoni al Bologna.In cima, rischiano Mancini all’Inter, nel caso non dovesse riuscire a raggiungere il terzo posto, e Sousa alla Fiorentina, con i viola in un momento complicato e il tecnico corteggiato dallo Zenit di San Pietroburgo. Diverso il discorso per Di Francesco, il quale certamente verrà confermato dal Sassuolo di Squainzi al netto di un’offerta da qualche grande in cerca di novità. Un nome a caso? Il Milan, a questo punto Brocchi permettendo…

Mihajlovic
Mihajlovic, allenatore del Milan

Difficile leggere il futuro anche di Gasperini al Genoa, dopo un’altra stagione di alti e bassi. Così Montella con la Sampdoria ha reso meno di quanto ci si aspettasse, ma le decisione dell’esuberante Ferrero sono impronosticabili. Per De Canio e Inzaghi, a Udine e Roma sponda Lazio, faranno fede i risultati ottenuti nelle ultime giornate. La riconferma passa di lì, soprattutto per l’esordiente ex attaccante, promosso dalla Primavera e vittorioso all’esordio. Tra tutte, anche il Torino aspetta di conoscere il suo futuro, con Ventura che pare confermato dalla società, con uno spiraglio aperto sul futuro. Ma per lui, come per tutti gli altri, la riconferma andrà confermata partita dopo partita, solamente sul campo.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. aterreno - 9 mesi fa

    Zamparini e’ veramente scandaloso, meta’ degli allenatori in serie A quest’anno son passati da Palermo.
    La gente si dovrebbe rifiutare di allenare su quella piazza.
    Cosa fa, contratti a termine? Due/Tre partite?
    Se lui vende i gioielli migliori poi cosa si aspetta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy