Toro, il borsino salvezza

Toro, il borsino salvezza

Dieci squadre raccolte in dieci punti. E’ il dato più significativo della 24esima giornata di Serie A. Il turno di ieri ha sorriso alla sola Sampdoria. Tutte le altre, Toro compreso, hanno di cui rammaricarsi.

 

Dieci squadre raccolte in dieci punti. E’ il dato più significativo della 24esima giornata di Serie A. Il turno di ieri ha sorriso alla sola Sampdoria. Tutte le altre, Toro compreso, hanno di cui rammaricarsi.

 

SORRIDE SOLO LA SAMP – Con la bella vittoria ai danni della Roma, la Sampdoria compie un significativo balzo in avanti e raggiunge Torino e Chievo a quota 28 punti. Pareggiano tutte le squadre in corsa e i blucerchiati non potevano sperare in una domenica migliore. La squadra di Delio Rossi, protagonista di un altro gesto da censurare, sale di ben quattro posizioni in un colpo solo e colleziona il settimo punto nelle ultime tre gare. I blucerchiati sono in forma e con la nuova giovanissima coppia di attaccanti (Icardi e Sansone) guarda avanti con molte più certezze. Il Napoli prossimo avversario dirà davvero quale sia la solidità acquisita dai doriani.

 

 

CAGLIARI, PESCARA e GENOA, OCCASIONE PERSA – Hanno quasi domato il Diavolo i ragazzi di Pulga, arrivati a un passo dall’impresa dominando per larghi tratti la squadra di Allegri. I rossoblu esprimono spesso un buon calcio ma raccolgono meno di quanto seminano, maledizione che si ripete da inizio stagione. Il pareggio raggiunto a otto minuti dal termine e con un rigore non proprio solare suona come una beffa per il Cagliari, ma la squadra è quanto mai viva.

Vicini all’impresa anche gli altri rossoblu, quelli di Ballardini. Ospiti di un Parma che non sa più vincere, il Genoa ha sfoderato una prestazione convincente e solo due legni gli hanno negato la gioia di tre punti fondamentali. Attenzione anche a loro, i grifoni sono in forma e lo dimostrano le zero sconfitte nelle ultime tre gare, due delle quali contro Juventus e Lazio.

Un punto solo anche per il Pescara che nella sfida salvezza contro il Palermo era riuscito a portarsi in vantaggio. Tre punti solo sfiorati però per gli abruzzesi che si sono fatti raggiungere a dieci minuti dalla fine dal neo arrivato Fabbrini. Un’altra sconfitta per i rosanero invece sarebbe suonata come condanna definitiva. Che il punticino raccolto in extremis sia di buon auspicio?

 

UN PUNTO A ME E UNO A TE – Vince la politica del ‘volemose bene’ anche nelle altre due sfide salvezza. Un punto a testa per Bologna, Siena, Atalanta e Catania. In palio c’era moltissimo e ha prevalso il timore di regalare due punti all’avversaria sulla voglia di farne tre. Fra tutte, stupisce l’involuzione della prossima avversaria del Torino. I ragazzi di Colantuono hanno raccimolato la miseria di cinque punti nelle ultime nove partite, azzerando di fatto il buon capitale accumulato nella prima metà del girone di andata.  

 

Lorenzo Bodrero
(foto Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy