Un obiettivo per il Toro di oggi

Un obiettivo per il Toro di oggi

Focus on / A un mese dal derby con la Juventus la squadra di Mazzarri deve trovare la sua identità

di Roberto Bianco

La brutta botta rimediata contro il Parma ha riportato a galla limiti non solo tecnici ma anche caratteriali, situazione fin troppo nota in casa granata negli ultimi anni. Se la roboante vittoria contro la Sampdoria sembrava indirizzare il Torino a un cambio di marcia, l’ultima sconfitta casalinga ha schiantato le speranze di un vero decollo verso risultati importanti. Eppure il sesto posto resta a due punti di distanza e l’ambiente ha già dimostrato di saper reagire dopo passaggi a vuoto, svarioni arbitrali e situazioni di svantaggio al limite del grottesco.

OGGI COME IERI – I punti in classifica sono gli stessi dello scorso anno, non le sensazioni che ne derivano. A partire dalla panchina, dove Mazzarri sembra avere certo più esperienza da mettere al servizio dei singoli giocatori e della squadra nei momenti di difficoltà rispetto al predecessore. In porta Sirigu è ormai una certezza certa ed è forse lui a dover essere preso d’esempio per un Toro che può uscire sconfitto dal campo ma senza deludere mai. Pure la difesa, in attesa del rientro di Lyanco – scommessa che solo la sfortuna di un infortunio difficile non ha ancora permesso ai granata di vincere -, offre migliori garanzie. A metà campo, con l’inserimento di Meitè, è cresciuto e migliorato il contributo di Rincon e Baselli. Sugli esterni, e non solo, Ansaldi, ormai prossimo al rientro sul terreno di gioco, rappresenterà la scelta fin qui negata al mister granata. In avanti continuano a mancare come il pane i colpi del Gallo Belotti. Lo scorso anno era la condizione fisica a frenarlo, quest’anno un assetto offensivo ancora tutto da verificare, dove solo Iago Falque fa il suo. Deludono Soriano e Zaza, un deficit pesante da assorbire ma che non deve diventare l’ingranaggio – vedi Niang l’anno passato – su cui si inceppa l’intera squadra.

Torino FC v Juventus - Serie A

IL DERBY – Un mese esatto dal derby della Mole. E’ questo l’obiettivo temporale a breve termine che i granata devono porsi. Squadra, allenatore e tifosi devono avere ben chiaro che quest’anno più che mai per confrontarsi con i bianconeri serve coltivare un’identità che non sia seconda a nessuno. Le prossime quattro partite – Cagliari, Genoa e Milan in campionato, Sudtirol in Coppa Italia – oltre a far classifica, dovranno mettere in evidenza la consapevolezza di squadra e quella dei singoli interpreti. A Mazzarri un compito in più: soppesare le motivazioni di ogni giocatore e riportarle a quelle comuni e collettive della squadra. Il tempo per fare il passo decisivo in casa granata c’è. Dice bene Parigini: il gol decisivo nel derby vale un anno di stipendio.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. byfolko - 4 mesi fa

    Dopo la sconfitta col Parma per quanto mi riguarda il campionato è già morto e sepolto. A questo punto mi interessano solo 2 cose:
    1) Non andare in B (17 punti in 12 giornate è un passo senz’altro lentissimo ma in proiezione dovrebbe bastare per salvarci).
    2) Evitare la solita figuraccia al derby.Ok perdere, ma non oltre i 2 gol di scarto. Faccio la firma per un 2-0 a favore delle merde. Merde che, siamo onesti, anche non fossero favoriti dall’arbitro vincerebbero comunque anche in 6 contro 11, essendo di 3 categorie sopra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robertozanabon_821 - 4 mesi fa

    Ai gobbi basterà far giocare la coppia di “Rotoloni Regina” Quadrado e Dybala. Sempre in terra e rigore garantito. Giocare bene o male per noi non farà nessuna differenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 4 mesi fa

    Stessi punti dell’anno scorso e tanta incertezza ma è vero che c’è più concretezza e possibilità di miglioramento.
    Con Miha eravamo alla fine del campionato già a questa giornata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Oni - 4 mesi fa

    Ma il derby la vedo dura dura speriamo do limitare i danni e soprattutto il pallottoliere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ciccio76 - 4 mesi fa

    L’unico obiettivo è trovare continuità di risultati e quella convinzione in se stessi che manca da troppo tempo, poi coi gobbi c’è la giochiamo , le partite non sono mai scontate, guardiamo al Leicester cosa ha fatto contro tutti e tutto. Noi non vinceremo lo scudetto ma toglierci qualche soddisfazione si può.FVCG. Ottimismo regazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. byfolko - 4 mesi fa

      Ah ah ”ce la giochiamo”? Ma hai visto i gobbi che squadra che hanno? Questi tengono in panchina gente come Dybala, Douglas Costa, Khedira, Bernardeschi, Barzagli, Matuidi…noi in panchina abbiamo Moretti, Lyanco , Edera , Berenguer e Parigini, che con tutto il rispetto non sono esattamente la stessa cosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fabio - 4 mesi fa

    speriamo solo che i giocatori non leggano toro news……. chiediamo di onorare la maglia a loro e poi siamo qui ad “adorare” le merde! fanculo, abbiamo giocato e vinto derby dove eravamo strasfavoriti. ma cosa vogliamo dai giocatori se siamo i primi a piangerci addosso! io ci credo che faremo un gran derby!ma siamo noi i primi a doverci credere.sono forti bene chi se ne frega!!!! devono entrare in campo e cagarsi addosso! dopo quello che avete visto su report vi serve altro per insultarli per 90′ minuti? abbiamo noi per primi paura delle merde? no io no! io sto aspettando questo derby per vomitare in faccia a qualsiasi gobbo mi si avvicini tutto lo schifo che provo per loro.
    questo e quello che io faro’ e non mi frega nulla chi indossa quelle maglie di merda. devono capire che nonostante tutto torino e’ stata e restera’ granata. proviamo noi a trascinare la squadra proviamo noi a far diventare lo stadio il loro inferno e vediamo se i ragazzi non ci seguiranno. ma non iniziamo da ora a piangerci addosso! orgoglioso di essere granata! ed ora mettete pure i pollici versi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13693832 - 4 mesi fa

    Cerchiamo di essere seri realisti abbiamo zero possibilità Nel derby Anzi nei derby tra le due squadre C’è una differenza che è abissale loro vinceranno il campionato tranquillamente noi Nella migliore delle ipotesi arriviamo tra le prime 10 è l’amara verità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13693832 - 4 mesi fa

    Secondo me L’unico obiettivo che possiamo porci per quest’anno e cercare di non prendere 1 0 gol Nel derby Tra andata e ritorno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Esempretoro - 4 mesi fa

      Se non li abbiamo presi con Miha abbiamo buone speranze… testa alta,noi siamo noi e loro si commentano nei comportamenti. Fanculo gli strisciati con la loro protervia di primi della classe. Devono sudarsela, solo questo chiedo. E pochi giochetti, se un gobbo fa la foca il sistema per fargli capire che non è il caso lo conoscono anche i sassi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy