Cara Bormio, porta al Torino le certezze che gli servono

Cara Bormio, porta al Torino le certezze che gli servono

Editoriale / Tra il summit con Belotti e gli acquisti che mancano: il Toro che lascerà la Valtellina dovrà essere diverso da quello di oggi

E’ un Torino con tanti dubbi, quello che parte oggi per Bormio. Non si sa chi sarà il capitano, non si sa quale sarà il modulo tattico, non si sa se resterà Belotti e non si sa chi e quanti saranno gli acquisti che dovranno migliorare la rosa qualitativamente e quantitativamente. Il Torino si fermerà in Valtellina per il quinto anno consecutivo, dal 14 al 28 luglio, e dovrà uscirne per forza di cose con qualche certezza in più.

Il primo nodo da sciogliere è ovviamente quello riguardante Andrea Belotti. E’ impensabile che questa situazione di stallo si protragga ancora a lungo: ne va del bene del Torino, perché Mihajlovic e Petrachi devono sapere che squadra costruire per affrontare il campionato davanti a sè, un campionato che deve vedere il Torino lottare per ottenere qualcosa di meglio dell’aurea mediocrità (intesa come dimensione da metà classifica ma nulla più) degli ultimi tre anni. Se la clausola rescissoria ha avuto il positivo effetto di spaventare molti potenziali acquirenti, ha anche quello negativo di costringere il Toro a rimanere sospeso nel vuoto fino al 31 agosto, termine ultimo in cui è formalmente possibile esercitare il pagamento. Una dead-line anticipata? Magari, ma ci vuole il consenso del giocatore, per forza di cose. Il presidente Cairo ha fatto capire che a Bormio ci sarà un summit col giocatore: quel che conta è che la questione venga sistemata al più presto.

Allenamento, Filadelfia

Si passa poi al mercato in entrata: ci sono i soldi in tasca, ma non ancora gli investimenti che ci si può aspettare. I 35 milioni circa di saldo positivo delle entrate del 2017 (cessioni di Maksimovic, Peres, Jansson e Martinez) permetterebbero certamente al Torino di effettuare quei due innesti tra difesa e centrocampo che servono; due pedine titolari, in grado di dare solidità ed esperienza ad una squadra che ha concluso la stagione scorsa con 66 gol subiti sul groppone. Invece il Torino che parte per Bormio è lo stesso che ha finito la scorsa stagione, con Sirigu al posto di Hart e in difesa Lyanco e Bonifazi al posto di Carlao e Ajeti: due giovani importanti, ma che in due non hanno ancora giocato un minuto in Serie A. Difficilmente ci saremmo aspettati questa situazione, ma il mercato è ancora lungo. Rimaniamo fiduciosi nel fatto che il Torino saprà centrare quei colpi che servono a prescindere dalla permanenza di Belotti (e Duvan Zapata, attaccante che il Torino tratta col Napoli, non è per forza tra questi); e sarebbe cosa buona e giusta che questi innesti arrivassero entro il ritiro di Bormio, in modo da permettere a Mihajlovic di lavorare almeno per tutto agosto con la squadra quasi al completo.

Tanti nodi da sciogliere, dunque, per il Torino che parte per Bormio. Una cosa è certa: mantenere la squadra dell’anno scorso vorrebbe dire non smantellare la buona base che si è costruita, ma se si vuole lottare per l’Europa servono un paio di pedine titolari in grado di alzare il livello di una rosa che l’anno scorso non è mai riuscita a farlo.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. daunavitagranata51 - 1 mese fa

    IO VIVO IN OLANDA, QUANDO VIVEVO A TORINO [ TEMPI DI MONDONICO ] ERO ABBONATO, ADESSO COME ADESSO VIVESSI A TORINO RINNOVEREI L`ABBONAMENTO COMUNQUE MA AL ULTIMO GIORNO POSSIBILE, ALMENOCHÈ NON SIA FATTO UN MERCATO IMPORTANTE, BELOTTI O NON BELOTTI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ribaldo - 1 mese fa

    già fatto. L’abbonamento non può e non deve dipendere certo dalla campagna acquisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 1 mese fa

      Il primo abbonamento me lo ha fatto mio papà quando ancora c’erano Pulici e Graziani. Bei tempi. Poi è stato facile abbonarsi quando c’erano Mondonico e Lentini. Ma ho continuato, e sotto i Leones, e quella marmaglia di Aghemo, Cimminelli, Romero, ho visto giocatori così scarsi e squadre così basse che mai avrei detto di poter vedere a Torino. E adesso che abbiamo finalmente giovani forti dal vivaio, giocatori in tutte le nazionali italiane, adesso che se non altro, almeno proviamo ad entrsre in europa, dovrei non abbonarmi? Ma scherziamo? Non faccio Tafazzi di cognome. I nostri abbonamenti sono stati tutti rinnovati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. umbbobb - 1 mese fa

    rimango fiducioso e spero ancora in un mercato importante, magari ci saranno presto novita’ io comunque oggi rinnovo l’ abbonamento

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy