Berretti, Torino-Piacenza 0-0: pareggio per smaltire le scorie, rigore salvato al 95′

Berretti, Torino-Piacenza 0-0: pareggio per smaltire le scorie, rigore salvato al 95′

Giovanili / Buona prima frazione dei granata, che calano nella ripresa. A mancare è solo il gol

di Nikhil Jha, @nikhiljha13

Continua il momento non fortunato della Berretti di Roberto Fogli, che contro il Piacenza dà segnali di risveglio. Serviva una vittoria per sperare di superare il Sassuolo (forte di un vantaggio di 5 punti e due giornate dal termine) nella corsa tra squadre di Serie A e B. I granata chiudono invece al secondo posto in questa sotto-classifica, e pescheranno la prima classificata del girone B (sempre considerando solo le squadre delle prime due categorie) nelle semifinali scudetto – presumibilmente, l’Inter.

Visti i risultati degli ultimi mesi, i granata non giocano certo sulle ali dell’entusiasmo, ma comunque si dimostrano una squadra consapevole dei propri mezzi e delle proprie potenzialità, prendendo in mano la partita da subito – compresi i 5′ di sosta forzata per recuperare le bandierine del calcio d’angolo incredibilmente assenti per i primi 10′. Il dominio territoriale (interrotto da sporadiche sortite offensive piacentine) non permette però di trovare il vantaggio ai granata, che costruiscono la miglior occasione del primo tempo al 21′, con la conclusione dopo un bello stop a seguire di Ollio su cui Verderio è decisivo. Per il resto, soltanto due tiri alti di Chalakov (per i meno attenti, acquisto di gennaio in età da Primavera) e una conclusione di Ambrogio da calcio d’angolo spaventano i biancorossi, che però reggono.

WhatsApp Image 2018-03-24 at 16.18.45

La ripresa comincia sullo stesso canovaccio, ma il Torino non riesce ad approfittare neanche della palla messa ad un metro dalla porta da Ambrogio, sulla quale non arriva la deviazione di uno tra Ollio, Sargiotto e Peyronel. Le energie fisiche e mentali, con il passare dei minuti, cominciano a venir meno: Chalakov si spegne progressivamente, le punte si muovono con meno intensità, e il Piacenza in contropiede e sulle palle ferme inizia a fare paura, senza mai però riuscire a trovare la zampata-beffa – neanche con il rigore assegnato all’ultimo minuto per un fallo di Circio, che lo stesso portiere però neutralizza sul brutto tiro di Quaggio. Finisce 0-0, il Sassuolo sfuma matematicamente e ora – Monza a parte – ci sarà da pensare ai playoff.

TORINO-PIACENZA 0-0

Torino (3-5-2): Circio; Serbouti (dal 30′ st Virardi), Potop, Ambrogio; Sargiotto (dal 45′ st Citterio), Munari (dal 17′ st Guerini), Chlakov (dal 45′ st Mecja), Matera (dal 17′ st Battistelli), Oyewale; Ollio, Peyronel. A disposizione: Bellardone, Casella, Rovelli, De Pierro, Chiappino. Allenatore: Fogli.

Piacenza (5-3-2): Verderio; Hazah, Hannioui, Zubani, Siviero, Chirilenco; Grecchi (dal 37′ st Moscea), Sozzi, Bottazzi (dal 30′ st Carrese); Vernaci (dal 30′ st Quaggio), Lamesta (dal 37′ Mandelli). A disposizione: Colonna, Gambazza, Grandi, Trincia, Lombardi. Allenatore: Livraghi.

Arbitro: Mbei di Cuneo. Assistenti: Moriena (Pinerolo) e Pavanati (Pinerolo).

Ammoniti: 19′ st Chalakov (T), 20′ st Vernace (P), 42′ st Ambrogio (T).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy