Primavera / Parma-Torino 2-5, Longo: ”Una grande vittoria su un campo difficile”

Primavera / Parma-Torino 2-5, Longo: ”Una grande vittoria su un campo difficile”

Post-partita / Il tecnico granata: ”Credo in Rosso da almeno 4 anni, per questo non sono sorpreso. Prima squadra? Dobbiamo credere tutti in questa rincorsa europea”

Dopo la grande vittoria in trasferta, con qualche leggero brivido nel finale, il Torino riparte con una vittoria dopo il pari della scorsa settimana contro lo Spezia. Il tecnico granata Moreno Longo appare soddisfatto, ma come sempre cauto nei suoi giudizi: ”Abbiamo vinto meritatamente, in un campo difficile. La situazione societaria del Parma non deve tradire quella che è invece la realtà, ossia quella di una squadra in piena corsa per i play-off. Se ci aggiungiamo che in campo c’erano ragazzi che hanno già esordito in Serie A e che in difesa c’era un certo Lucarelli che in carriera può dire di essere una giocatore fatto e completo, si capisce quanto valga per noi questa piccola impresa”. 

Ripartire dopo la debacle vista contro lo Spezia, altro non contava: ”Non potevamo sbagliare. Anche perché se vuoi giocare per stare nei piani alti della classifica, nei momenti giusti non puoi commettere errori, anzi. Devi tirare fuori prestazioni importanti, proprio come abbiamo fatto oggi. Per carità, nel finale abbiamo preso un gol su calcio d’angolo e un altro sugli sviluppi di una rimessa laterale che con più attenzione si sarebbe potuta evitare. Ma ciò non toglie che questa squadra ha dominato e fatto propria la partita, questa, mai davvero in bilico”

Quindi si passa all’analisi del periodo fin qui vissuto da Danza, arrivato nel mercato di gennaio: ”Sono contento per quello che sta facendo. Semplicemente perché ha capito che se continua cosi, con intensità, con caparbietà, credo proprio che il Torino abbia trovato un giocatore di indubbio talento, sul quale si potrà puntare anche in futuro”. 

Altra esclusione, invece, per Graziano. Ma attorno a lui non c’è alcun caso: ”Il giocatore sa quale sia la reale situazione, sa che ha la mia stima e quella della società. Ha un contratto e questo significa che il Toro punta su di lui. In questo momento avevamo bisogno di qualità in mediana e per questo a gennaio abbiamo inserito Danza. Graziano è una mezzala e in più la regola sui fuoriquota parla chiaro. Deve restare sereno tranquillo, è solo un momento particolare per lui che ripeto sa di avere la nostra fiducia. Il prossimo anno vedrete che saprà farsi le ossa nel mondo del professionismo”.

Rosso, con questa tripletta, arriva a quota nove reti in campionato. Ma Longo non è affatto sorpreso: ”Non voglio prendermi particolari meriti, ma sono circa quattro anni che dico a tutti che Rosso è semplicemente un giocatore da aspettare. É nato a dicembre e quindi fisicamente si è costruito in lieve ritardo rispetto ai ragazzi della sua annata. L’ho sempre ritenuto un giocatore dal valido potenziale e le prestazioni che sta mettendo in campo quest’anno ne sono la semplice dimostrazione”.

La Juve invece è tornata lì dove forse nessuno si aspettava, ma anche in questo caso il tecnico granata aveva previsto tutto: ”La cosa non mi sorprende, anzi. Mesi fa fui il primo a dirlo. Conosco bene la qualità dei singoli, la loro Primavera costa quanto una squadra di Serie B quindi non mi stupisce che siano tornati lì. Per la vittoria nelle Finale Eight, però, vedo sempre favorite l’Inter e la Roma. Sono di un altro pianeta, noi però dobbiamo fare il nostro al meglio e continuare a giocarci le nostre carte sino in fondo”.

Quindi un pensiero alla rincorsa verso un posto in Europa League della Prima squadra: ”Io ci credo. E dobbiamo crederci tutti. Quest’anno tutta la società sta facendo ottime cose. Dal presidente che ci permette di lavorare con serenità, a Ventura che è un grande allenatore. Ma anche Bava e Petrachi i cui frutti del lavoro svolto sinora sotto sono gli occhi di tutti. Vincere con la Roma domani potrebbe risultare fondamentale in ottica sesto posto, perché un risultato pieno ti darebbe quell’entusiasmo capace di portare una squadra ancor più oltre i propri limiti”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy