Torino: Barbosa nel mirino del Barça

Torino: Barbosa nel mirino del Barça

La notizia era nell’aria: del resto, già nella gara di esordio del Torino in Viareggio Cup, lunedi 11 febbraio contro i norvegesi dell’Honefoss, come vi avevamo riferito già la scorsa settimana, avevamo incrociato un osservatore all’erta per tenere d’occhio il ragazzo. Quell’osservatore veniva direttamente dalla Catalunya,…

La notizia era nell’aria: del resto, già nella gara di esordio del Torino in Viareggio Cup, lunedi 11 febbraio contro i norvegesi dell’Honefoss, come vi avevamo riferito già la scorsa settimana, avevamo incrociato un osservatore all’erta per tenere d’occhio il ragazzo. Quell’osservatore veniva direttamente dalla Catalunya, era un emissario del Barcelona, ed ovviamente non si trovava lì per caso.

 

OSSERVATO SPECIALE – Il giovane esterno brasiliano classe ’94 è nel mirino dei catalani da tempo, ed è stato tenuto sotto stretta osservazione già nell’arco della scorsa regular season. Dopo l’ottimo ritiro precampionato disputato coi grandi, soprattutto in occasione della passerella avuta con la Lazio, l’osservazione è proseguita nell’arco di questa stagione, con emissari presenti in alcune gare di campionato (le nostre fonti assicurano che gli scout catalani fossero in tribuna a Parma, Genova e, in casa, contro la Pro Vercelli). Se, precedentemente, tuttavia, d’altro non si trattava se non della normale attività di scouting che i grandi club dedicano ai ragazzi più interessanti sparsi per i campionati giovanili europei, nelle ultime settimane i catalani paiono aver ingranato la marcia, uscendo anche allo scoperto con i primi contatti con i granata, considerate le relazioni positive portate a casa in occasione di questa Viareggio Cup.

 

TECNICAMENTE ALL’ALTEZZA – Del resto, non è un mistero, il ragazzo ha fatto un figurone nelle uscite che gli sono state concesse, dovendo cedere il passo soltanto nelle occasione nelle quali è stato richiamato Dolly Menga dalla prima squadra, relegandolo ad un avvio in panchina (fra l’altro, riproponendo quanto già avvenuto nella scorsa stagione con Simone Verdi…). Ecco, dunque, che in Catalunya si stanno limando gli ultimi dettagli per un’offerta concreta al Torino, che a breve verrà formalizzata.

 

TRE POSSIBILITA’ – I catalani hanno tre in serbo tre diverse possibilità per il ragazzo, da valutare, qualora l’offerta andasse in porto e il giocatore, effettivamente, si trasferisse in blaugrana, nell’arco del prossimo ritiro estivo: un inserimento nella formazione ‘cadete’, il Barça B, che milita nella segunda division spagnola, oppure il prestito ad una Società disposta a garantirne l’impiego da titolare, o quasi, quali il Levante o l’Osasuna.

 

A questo punto, sorge spontaneo interrogarsi su quale sarà la condotta tenuta dalla Società granata: in caso di riscatto di Dolly Menga, un ruolo da vice-Cerci pare assai difficile da ipotizzare per il brasiliano, come del resto è stato ben evidenziato a Viareggio. E’ innegabile che ciò possa causare qualche malumore ai tifosi, che in lui hanno intravisto colpi da campione, come già avevamo avuto modo di sottolineare, ma è altrettanto vero che, di fronte ad una buona offerta, il Toro potrebbe decidere di monetizzare, ed indirizzare il ragazzo verso altri lidi, magari dove poter esprimere pienamente il proprio valore. Sia chiaro che non si parla di ipotesi di prestito: il Barça ha denaro da investire, e lavora con giocatori del cui cartellino dispone interamente: se sarà Catalunya, insomma, sarà a titolo definitivo. E’ la partenza di una nuova mini-telenovela? Staremo a vedere.

 

Diego Fornero

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy