Torino, i volti nuovi della Primavera: Evans Osei

Torino, i volti nuovi della Primavera: Evans Osei

Calciomercato Primavera / Il mediano classe 1997 ha destato buone impressioni nell’amichevole di ieri: mezzala moderna, con fisico, corsa e tecnica

Uno degli innesti che più incuriosiscono tra quelli apportati da Massimo Bava alla Primavera di Moreno Longo è Evans Osei, il mediano arrivato la settimana scorso in prestito con diritto di riscatto dalla Juve Stabia e subito messo alla prova come titolare da Moreno Longo, al fianco di Stefano Tindo, nell’amichevole giocata ieri a Cantalupa.

OBIETTIVO DIPLOMA – Ghanese di Kumasi, nato il  25 febbraio 1997, è arrivato in Italia per studiare, approfittando dell’ospitalità di alcuni amici di Castellammare. Oltre alla voglia di istruirsi, c’è però la grande passione per il calcio. Viene tesserato dai dilettanti del Ristor Lettere, squadra di Prima Categoria salernitana.  Ci mette poco a far capire che è un giocatore di un altro livello. E così Evans attira l’attenzione di Antonio Amodio, figlio dell’ex direttore sportivo della Juve Stabia. Nelle “Vespe” arriva lo scorso anno e viene aggregato subito alla Prima Squadra, esordendo in Lega Pro a soli 17 anni. L’allenatore è tra l’altro una vecchia conoscenza granata, Giuseppe Pancaro: vede nel ragazzo qualcosa di speciale e non esita a mandarlo in campo anche nelle partite più delicate, come il derby contro la Paganese, in cui segna anche il primo gol da professionista.

CORVINO E BAVA – Nel mese di gennaio 2015 il presidente Improta afferma: “Osei è un talento dalle grandi prospettivi. Diversi top club italiani lo vogliono per inserirlo nella propria Primavera, dal Napoli al Milan al Genoa”. Proprio i rossoneri vanno vicinissimi a chiudere l’acquisto. Alla fine però la spunta Pantaleo Corvino, che lo prende al Bologna  in prestito per metterlo a disposizione della Primavera di Leonardo Colucci.  Tra i rossoblù Evans fa contare 8 presenze tra Campionato e Torneo di Viareggio. Poi il ritorno alla Juve Stabia e l’approdo a Torino, con Massimo Bava che si accorda col presidente Improta e arriva per primo sul giocatore, che ha quindi potuto recarsi a Cantalupa per mettersi agli ordini di Moreno Longo.

MEZZALA MODERNA – Il quale Longo ha subito compreso di avere a disposizione un giocatore che può diventare una colonna della nuova Primavera. Impiegato in coppia con Tindo, nell’esordio in granata Evans ha mostrato doti da mezzala moderna: dinamismo, gamba, energia fisica ma anche piedi educati quando si tratta di servire i giocatori del reparto offensivo e capacità di inserirsi in area al momento giusto. Dalla sua parte anche l’esperienza già maturata in Lega Pro e nel Campionato Primavera.

La Primavera ha quindi a disposizione un giocatore potenzialmente idoneo ad alzare la qualità del centrocampo, che tornerà sicuramente utilissimo nelle rotazioni di un Moreno Longo che quest’anno dovrà gestire cinque competizioni ufficiali. Le premesse perché Osei possa rivelarsi un valore aggiunto ci sono tutte.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy