Torino Primavera, il punto sul calciomercato: possibili diverse novità negli ultimi giorni

Torino Primavera, il punto sul calciomercato: possibili diverse novità negli ultimi giorni

Calciomercato Primavera / Graziano, Trani e Monni non convocati per Bologna: possono partire tutti. Comentale, possibile la permanenza a Como

 

Saranno ultimi giorni di mercato di fuoco anche per la Primavera, come per la Prima Squadra. Il direttore del vivaio granata Massimo Bava, che, giusto sottolinearlo, non ha a disposizione un budget di dimensioni eccessive, deve fare i conti con una squadra che avrebbe bisogno di qualche rinforzo (l’idea iniziale era quello di regalare a Longo un colpo per reparto) e anche con le richieste di alcuni ragazzi.

FRONTE ENTRATE – Vi avevamo segnalato i due primi obiettivi del Torino, il centrocampista Pessina del Monza e l’attaccante Del Bar del Mantova. Entrambi però sono ormai definitivamente sfumati: il primo inizialmente aveva raggiunto un accordo di massima col Toro, ma nel frattempo gli è pervenuta una richiesta più importante da parte dell’Inter, e quindi l’affare sembra essere saltato del tutto; mentre il secondo, per motivi familiari, alla fine ha declinato la proposta del Torino per restare nella società virgiliana. Come vi abbiamo già raccontato, inoltre, è stata scartata l’ipotesi di un rientro di Alessandro Comentale, per il quale si è ritenuto che altri sei mesi da fuoriquota in Primavera non fossero la soluzione migliore: per il “regista tascabile” classe 1995 al momento l’ipotesi più probabile sembra quella della permanenza a Como. Al momento, eventuali entrate nella rosa di Longo sembrano dipendere dalle uscite che verranno concluse in questi ultimi giorni.

FRONTE USCITE – Vediamo allora chi può salutare la squadra di Moreno Longo. Dalla partita col Bologna di ieri, si ricava un indizio importante. Non sono stati convocati, infatti, il centrocampista Giovanni Graziano, che ha esordito con Ventura in Copenaghen – Torino, e gli attaccanti Simone Monni e Valerio Trani. Il biondo mediano classe 1995 può accasarsi, rigorosamente in prestito (ha un contratto da professionista col Torino fino al 2018) alla Pro Vercelli, dove graviterebbe tra Prima Squadra e Primavera. Il classe 1996 Monni, risentito per lo scarso impiego recente (nonostante 12 presenze e una rete), ha chiesto la cessione: su di lui ci sono diverse società, ma il Torino, che detiene il cartellino del giocatore, deve decidere se cederlo in prestito o a titolo definitivo. Per il 1997 Valerio Trani, invece, la situazione è particolare: il suo cartellino appartiene alla Roma, e il Torino, che lo ha prelevato dai giallorossi in prestito con diritto di riscatto in estate, può girarlo per la seconda metà della stagione a un’altra società, mantenendo comunque la possibilità di fare proprio il cartellino del giocatore in estate. Questo perché comunque si crede nelle potenzialità del giocatore, che ha messo a segno 3 reti in 10 presenze con la Primavera granata. Le tre situazioni sono in evoluzione: vedremo se ci saranno altri giocatori che si uniranno al portiere Lentini e all’esterno Tahiraj nel salutare il Torino.

Insomma, il mercato è in fermento anche per la Primavera, con Massimo Bava che insieme al suo staff sarà impegnatissimo, in questi ultimi giorni, nel cercare di unire le esigenze della squadra a quelle dei singoli. Novità importanti sono attese nei prossimi giorni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy