Cairo sta facendo sul serio

Cairo sta facendo sul serio

Mi fa piacere fare i miei ringraziamenti al presidente Cairo per le prime mosse di mercato che sono state perfette nel riscattare i vari giocatori in prestito e in comproprietà che ci hanno portato in serie A come Lazetic, Abbruscato, Rosina, Stellone sperando che guarisca del tutto dalla pubalgia. In attesa di Cioffi e Franceschini applaudiamo l’arrivo di Pancaro, che era stato con noi nelle giovanili. Il suo contributo…

di Redazione Toro News

Mi fa piacere fare i miei ringraziamenti al presidente Cairo per le prime mosse di mercato che sono state perfette nel riscattare i vari giocatori in prestito e in comproprietà che ci hanno portato in serie A come Lazetic, Abbruscato, Rosina, Stellone sperando che guarisca del tutto dalla pubalgia. In attesa di Cioffi e Franceschini applaudiamo l’arrivo di Pancaro, che era stato con noi nelle giovanili. Il suo contributo d’esperienza potrà tornarci molto utile, così come nello spogliatoio può essere molto importante per far capire lo spirito di uno che ha calcato il prato del Filadelfia.

Vorrei fare una panoramica sui possibili arrivi e di chi mi piacerebbe vedere in granata. Sui portieri Coppola andrebbe benissimo perché è giovane e ha ancora tanto da migliorare e non mi sembra costi moltissimo, considerando che si può prendere in prestito dal Milan per valutare il suo rendimento e decidere se riscattarlo o meno. Il mio sogno però è per Abbiati un portiere che mi è sempre piaciuto e se impiegato con continuità è capace di portarti tanti punti importanti in più in classifica. Nel girone d’andata di quest’anno si è visto tutto il suo valore quando ha sostituito Buffon nella Juventus, un errore imperdonabile del Milan che gli è costato lo scudetto perché quest’anno, con Dida non molto sicuro, gli poteva tornare utile. Me lo ricordo a Perugia, l’anno in cui il Milan ha vinto lo scudetto, autore di una parata eccezionale: con una mano sola è volato all’incrocio dei pali e ha tolto la palla dal sette, fantastico. Spero che le sue pretese economiche possano fare sì che il suo trasferimento si possa concretizzare, anche perché l’anno scorso si stava accasando al Genoa poi travolto dall’inchiesta e dalla retrocessione in C1. Taibi se vuole potrebbe rimanere in panchina ancora un anno e giocare la Coppa Italia, ma se arriva Abbiati le porte per lui si chiuderebbero definitivamente e difficilmente resterebbe senza chance di poter giocare.

Per la difesa mi sta bene la conferma Di Brevi, uomo importante nello spogliatoio come capitano e, dopo un’annata eccezionale come questa, mi è piaciuto molto che Cairo l’abbia confermato. Forse avrei lasciato andare via oltre ad Ungari anche Orfei e Martinelli e avrei ripreso Nicola che è stato l’autore del goal decisivo contro il Mantova. Tra i nomi nuovi mi piacciono molto Di Loreto, Stovini e anche Simic. A centrocampo darei sempre fiducia ad terrei Ardito, Gallo, Longo, Lazetic, Rosina e perché no anche a Ferrarese, mentre sinceramente al posto di De Ascentis avrei preferito Morrone o Ambrosini, che in un ambiente come quello granata potrebbe trovare quegli stimoli che gli sono mancati nel Milan. In attacco, oltre ai tre ottimi centravanti che abbiamo, mi aspetto un colpo a sorpresa che potrebbe essere uno tra Kewell del Liverpool o Tristan del Deportivo la Coruna, il quale in Europa ha dato molti dispiaceri alla Juve e al Milan. Per quanto riguarda Recoba bisogna vedere le sue richieste non sono troppo esose e se ha la facoltà di inserirsi in questo ambiente che richiede giocatori che danno tutto per la maglia, oltre alla tecnica. Leggendo le interviste di Cairo sono d’accordo con lui quando dice che non si pone limiti, soprattutto in questo mercato dove se ne vedranno delle belle a causa di questo scandalo che rivolterà il calcio italiano. Speriamo solo che non si inventino nessuna amnistia in caso di vittoria azzurra ai mondiali!

Carlo Gribaudo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy