Pazzie da Toro

Pazzie da Toro

Parte il ritiro granata e con lui tanti tifosi e tifose pronte a farsi trasportare non solo verso l’incantevole luogo del ritiro ma anche alla scoperta dei volti nuovi, magari incontrati al termine di maratone al volante per i motivi più diversi. E’ l’occasione giusta per riflettere, scherzando, su cosa non si fa o non si è fatto per la squadra granata. Ecco allora nascere una nuova rubrica, per raccontare…

Parte il ritiro granata e con lui tanti tifosi e tifose pronte a farsi trasportare non solo verso l’incantevole luogo del ritiro ma anche alla scoperta dei volti nuovi, magari incontrati al termine di maratone al volante per i motivi più diversi. E’ l’occasione giusta per riflettere, scherzando, su cosa non si fa o non si è fatto per la squadra granata. Ecco allora nascere una nuova rubrica, per raccontare quali sono state le “pazzie” (le improvvisate più strane) che avete fatto o subito dai vostri compagni/e in nome del Toro. L’idea me l’ha data la fidanzata di un granata da legare, divenuta simpatizzante per disperazione dopo l’ennesima “sorpresa” del suo uomo che l’ha lasciata alla stazione di Peschiera, sola, alla vigilia di un week-end romantico dopo tanto tempo dedicato al lavoro per tornare a vedere Torino-Livorno. Eccola

Da Catia…

il 19 maggio due miei cari amici si sono sposati a verona. Ero reduce da un periodo di intensissimo lavoro che mi ha vista occupata per parecchie settimane (weekend compresi) e questa gita di due giorni mi è parsa un’ottima occasione per passare un po’ di tempo con il mio fidanzato. I miei genitori abitano in provincia di Belluno, quindi niente di meglio che potersi permettere una settimana di ferie e andarli a trovare già che ci trovavamo in regione. Già immaginavo che sarebbe stato bellissimo concederci una splendida gita sul lago di Garda complice anche una giornata da favola e poi proseguire il nostro viaggetto senza fretta…Nulla di tutto questo! Domenica 20 alle 10 del mattino sono stata "depositata" alla stazione di Peschiera del Garda con la mia valigia…"Amore, tu intanto vai dai tuoi, che io poi ti raggiungo…torno un attimo a Torino che non me la posso assolutamente perdere l’ultima di campionato in casa, ma poi ti raggiungo… non mi guardare così, al matrimonio ci sono pur venuto". Un bacino e via! “Ma come ? – Faccio io – E la nostra gita? E passare un po’ di tempo insieme? E la nostra settimana di vacanze? E le priorità della vita?” Ovviamente quelle le ha chiarissime in testa… prima il Toro! Poi il resto. Lo amo anche e nonostante questo. Al punto che ci sposiamo l’anno prossimo. A campionato finito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy