Rolando Bianchi spazza via Ventura: “Vale zero”. Poi cancella i tweet

Rolando Bianchi spazza via Ventura: “Vale zero”. Poi cancella i tweet

Social / L’ex capitano granata su Twitter: “Italia fuori, che Sventura”

19 commenti

L’Italia è fuori dal Mondiale. Incredibile ma vero: è il fallimento di tutti, a partire ovviamente dal Commissario Tecnico, Giampiero Ventura. Che viene duramente attacco da un suo ex giocatore: Rolando Bianchi. L’ex capitano granata, che agli ordini del tecnico genovese ha militato nel Torino delle stagioni 2011/2012 e 2012/2013, su Twitter è stato con lui particolarmente duro: “Che sVentura”, il commento a caldo dell’ex attaccante del Toro. Che, in risposta a un post sotto il suo tweet, ha rincarato la dose: “Non va nemmeno davanti ai microfoni… vale zero”, la frecciatona di Bianchi. Non è un mistero che tra Rolando e Ventura non corresse buon sangue: la goccia che ha fatto traboccare il vaso, relativamente al loro rapporto, è stata la decisione – presa insieme alla società – di non rinnovare il contratto del bomber bergamasco alla fine della sua ultima stagione.

AGGIORNAMENTO: Forse pentito per le sue parole, Bianchi dopo qualche minuto ha cancellato dal suo profilo Twitter i commenti con cui si era sfogato a caldo.

19 commenti

19 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. spelli_446 - 4 giorni fa

    OK Rolando poteva risparmiarselo. Detto questo vorrei ricordare che lui, scarso o bravo come vogliate considerarlo, ha sempre avuto e ha tutt’ora sangue granata nelle vene e lo dimostra il fatto di testimoniare spesso anche ad eventi dei nostri club il suo attaccamento ai nostri colori pur se lontano dal Toro da diversi anni. Carente tecnicamente e tatticamente ? Può darsi ma preferirei cento volte lui a certi Niang o Sadiq e soprattutto con la sua grinta in campo si vedrebbero meno spesso gambe molli dei nostri .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 4 giorni fa

      La carriera di Bianchi post TORINO : Bologna, ritorno a Bergamo, Maiorca, Perugia e Pro Vercelli. Ed era nel pieno della sua maturità calcistica (28/30 anni).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Filadelfia - 4 giorni fa

    Quelle di Bianchi sicuramente. Concordo con te. D’altra parte Bianchi si sfoga contro uno che, giustamente, l’ha accantonato per manifeste carenze tecniche e tattiche. Era scontato che + si alzava l’asticella (dalla B alla A all’epoca) e più si sapeva che Bianchi non sarebbe rientrato nei piani di Ventura e di qualunque altro allenatore al suo posto. Come è successo ovunque andato (Reggina esclusa). E’ stato fortunato ad aver strappato un ingaggio principesco in Inghilterra, ora non succederebbe più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TORO1960 - 4 giorni fa

    Cattiverie gratuite, caro Filadelfia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 4 giorni fa

      Ti ho risposto, per sbaglio, sopra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. TORO1960 - 4 giorni fa

    Sempre sanguigno Rolando, bisogna capirlo questa è stata la disfatta di chi lo ha cacciato dal TORO, squadra di cui è stato il CAPITANO e dove sarebbe rimasto fino al termine della sua carriera….se un signore non l’avesse scaricato…..!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 4 giorni fa

      Uno dei motivi per cui rimarremo sempre subalterni e provinciali è proprio questo. Da noi se viene uno che si batte il petto, spara qualche frase ad effetto, scrive qualcosa di “granata” su una fascia da capitano, può anche essere scarso ma deve rimanere fino alla pensione a gravare sul bilancio (vedi ingaggio proibitivo di Bianchi). Alla Lazio è rimasto 5 mesi e poi è tornato al City dove ovviamente non giocava. Saranno proprio tutti rincoglioniti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bull-74 - 4 giorni fa

        Fila hai ragione, ma se nella squadra di oggi avessero tutti la metà del temperamento, della voglia e dell’attaccamnto alla maglia che aveva Rolando… forse nelle scorse settimane sonsaremmo stati tutti qui a lamentarci della scarsa dedizione sella squadra e della svogliatezza di alcuni. Non era solo uno che si batteva il petto, ma uno che in campo dava tutto ed un Signor Capitano in quanto a personalità. Che poi non fosse un fenomeno siamo tutti d’accordo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Filadelfia - 4 giorni fa

          Per quel Toro che si apprestava a venire in Serie A andava bene. Per restarci e per rimanere ancorati alla parte sinistra della classifica di serie A servono giocatori di talento. Nel Toro di Mondonico c’erano i vari Lentini, Scifo, Martin Vasquez, Casagrande, Policano, Marchegiani che di talento ne avevano da vendere. Non c’era solo temperamento. Riguardo all’ultimo periodo rimango dell’idea che fosse soprattutto un problema di modulo e di equilibrio tattico. Passati al 4-3-3 guarda caso le cose sono migliorate. Onestamente devo anche dire che il 4-2-3-1 sia improponibile se Niang non fa il lavoro alla Eto’o o alla Mandzukic.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bull-74 - 4 giorni fa

    Di certo Rolando non ha mai brillato per tecnica e classe, anzi, ma è stato uno dei pochi negli ultimi anni ad averci messo il cuore ed ad aver davvero amato il Toro. Io non lo avrei scaricato così, penso sarebbe stato una buona riserva per la serie A (molto meglio dei vari Barreto ed altri paracarri presi da Petrachi) e di sicuro un ottimo esempio per certi smidollati che entrano in campo svogliati credendosi fuoriclasse.
    Che ce l’abbia un po’ con ventura ci sta.
    Grande Capitano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft+Bresciani - 4 giorni fa

      Condivido pienamente, si è detto spesso che noi tifosi del Toro amiamo i giocatori che in campo danno tutto ed escono con la maglia intrisa di sudore, anche se non fanno i fenomeni alla Ronaldo, io x esempio ricordo con molto affetto Bruno, Ardito,Vives e tanti altri che in campo hanno sputato sangue x i nostri colori.
      Ciao Capitano !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Filadelfia - 4 giorni fa

    Giocatore di una tecnica mediocre. Non sapeva fare movimento senza palla. Non sapeva aggredire gli spazi. Ovunque è andato (Reggina a parte) non ha MAI inciso. Discreto giocatore per una squadra della parte destra della classifica di serie B. Non è un caso se da diverse stagioni il Toro è dalla parte sinistra della classifica. E questo gli rode.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Zagor - 4 giorni fa

    Ho sempre considerato Ventura un perdente di….successo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13658046 - 5 giorni fa

    Qui pare che 5 anni di titic e ticoc in difesa non siano bastati. Ha solo replicato in Italia il gioco visto da noi con la differenza che in nazionale le partite bisogna vincerle mentre al Toro una manciata di vittorie e qualche pareggio potevano bastare. Non presentarsi all’intervista poi si commenta da solo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giansiro - 5 giorni fa

    Si vabbè, ha scritto una minchiata a caldo su twitter e ciò lo trasforma in Bielanoviciccino? Qualcuno ha apprezzato la mancanza di solerzia nel presentarsi ai microfoni del Vate, secondo me è stato Buffon che l’ha chiuso negli spogliatoi per prendersi la scena e farsi il suo pianto alla Antonio Cornacchione (povero Silvio) davanti alle telecamere. Ciò non toglie che doveva presentarsi subito con quello che lo paghiamo, prova tu a fare ritardo sul lavoro..
    Qualcuno sostiene che abbiamo giocato non dico bene ma degnamente?
    Poco elegante si ma non facciamoci prendere da isterismi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. maraton - 5 giorni fa

    certo che parlare dopo, a risultato acquisito non è mai elegante. magari rolly potevi sbilanciarti prima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 4 giorni fa

      La penso esattamente come te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Davide_Toro.nel.cuore - 5 giorni fa

    Sei pessimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Davide_Toro.nel.cuore - 5 giorni fa

    Sei un giocatore da serie B e ti lamenti che Ventura non ti vedeva? Potevi risparmiartela questa….sei pesimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy