Torino, Fassino gongola: “Io sindaco ‘gobbo’ ho illuminato la Mole di granata. Non è poco”

Torino, Fassino gongola: “Io sindaco ‘gobbo’ ho illuminato la Mole di granata. Non è poco”

Il Primo cittadino uscente: “Ho anche rifatto il Filadelfia e fatto intitolare lo stadio al Grande Torino”

9 commenti
Fassino

Il Sindaco uscente della città di Torino, Piero Fassino, è stato ospite della redazione Sprint&Sport, e si è soffermato sulla sua fede calcistica e i suoi risultati anche per la squadra granata: “Un Sindaco “gobbo” che ricostruisce il Filadelfia, intitola lo Stadio al Grande Torino e illumina la Mole Antonelliana, simbolo della città, di granata non è da tutti. Quando ero giovane andavo sempre allo stadio con mio padre, e se la Juve giocava fuori casa andavo al Filadelfia a vedere il Torino. Sono ancora molto legato anche ai colori granata…

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 8 mesi fa

    Mi sono accorto ora che ci sono dei non mi piace anche su questi interventi, oramai è chiaro e lampante che ci sono dei gobbi infiltrati,
    lancio un idea per la redazione perchè non togliere questi mi piace e non mi piace anonimi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. aterreno - 8 mesi fa

      se wordpress, la piattaforma di toronews, lo supportasse non sarebbe male avere mi piace/non piace non anonimi

      e’ chiaro che ci sono degli asini raglianti a dare i non mi piace!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS- toromaremmano - 8 mesi fa

    Mi hanno fatto sempre schifo questi sindaci che sotto le elezioni ti rivoltano le città.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawda - 8 mesi fa

    Perche’ Fassino non spiega perche’ ha ceduto le aree della Continassa ad un prezzo risibile, perche’ non dice che ha accettato il raddoppio della superficie edificabile richiesta dai gobbi genuflettendosi e senza chiedere un solo euro di differenza, perche’ si dimentica che i costi della bonifica dell’area sono a carico della collettivita’ dopo che tutti i rilievi e le valutazioni sono state fatte invece dai gobbi, insomma i gobbi verificano, decidono cosa fare e come ed il Comune passa alla cassa a pagare. Tutto questo dopo che era stato ceduto uno stadio perfettamente agibile per un importo talmente basso che solo cedendo le aree a commerciale i gobbi erano rientrati dell’intero costo. Adesso viene a vantarsi di aver fatto il Filadelfia, cosa falsa perche’ la decisione di vincolare i proventi degli oneri di urbanizzazione non e’ sua, oppure di aver cambiato nome allo stadio con soli cinque anni di ritardo o di aver addirittura illuminato la mole una sera. Mi auguro che i torinesi si rendano perfettamente conto che sono unicamente spottoni elettorali, fatti solo per ricercare consenso e ancor di piu’ spero che i torinesi scelgano un sindaco per quello che ha fatto, nel caso del grissino praticamente nulla, o per i programmi, non certo per il nome di uno stadio o per aver colorato di rosso la mole una sera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cecio - 8 mesi fa

    Ma zitto no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. robertofo - 8 mesi fa

    Sei proprio un gobbo, non ci fossero le lezioni col c… che avresti fatto tutto questo. Ti dedico due diti medi alzati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. robertofo - 8 mesi fa

      Scusate, dita

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. trenotoro - 8 mesi fa

    Caro Fassino gobbo di merda il dito medio usalo in modo a te proficuo invece di sventolarlo a noi tifosi. Ti fai bello solo in tempi di amministrative….schiavo degli ovini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. biziog - 8 mesi fa

    il signor Fassino Piero, può cercare in ogni modo di rimediare (guarda caso tutte azioni in prossimità di elezioni…) ma noi non si dimentica il dito medio, un gesto vergognoso, giacché i tifosi possono anche eccedere in espressionistici gesti o con parole accese, ma il primo cittadino dovrebbe dare esempio di civiltà… il signor Piero è quello del dito medio, Piero, quello vero…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy