Euro 2016, licenziato il telecronista dell’Islanda: pianse al gol qualificazione

Euro 2016, licenziato il telecronista dell’Islanda: pianse al gol qualificazione

Nazionali / Gudmundur Benediktsson era diventato idolo del web dopo quell’urlo strozzato alla rete di Traustason contro l’Austria

2 commenti

Minuto 84, Traustason infila il pallone in rete: l’Austria è sconfitta, l’Islanda vola agli ottavi di finale. In cabina c’è un telecronista che racconta a tutti i suoi connazionali la partita e in quel momento ha un sussulto tanto forte da fargli scendere le lacrime, tanta era la gioia.

Succede così che il video del commento diventa virale sul web, ma nessuna presa in giro, anzi. Tutti apprezzano e si divertono, anche e soprattutto i tifosi delle altre nazionali. Gudmundur Benediktsson diventa quindi un idolo del web per la sua esultanza fuori controllo al gol del 2-1 di Traustason contro l’Austria, ma quella di domani sera quella contro l’Inghilterra potrebbe essere la sua ultima telecronaca.

Già perché Gudmundur Benediktsson, ex attaccante del campionato islandese, arrivato anche in nazionale, oltre che come telecronista lavorava come assistant manager del KR Reykjavik. E il passato non è causale. Perché il collega è stato licenziato dal suo club e ora quando tornerà in patria non avrà più un lavoro.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 9 mesi fa

    L’articolo è incomprensibile.
    Da un lato si dichiara che il telecronista è stato licenziato per l’urlo e il pianto in diretta e che quella dell’ottavo di finale sarà la sua ultima telecronaca, dall’altro si legge che è stato licenziato dal Reykjavik di cui era assistant manager.
    In sostanza, è stato licenziato come cronista della tv di stato islandese o dal club calcistico della cui dirigenza fa/faceva parte?
    Redazione, poche idee e ben confuse?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 9 mesi fa

      Esatto non si capisce nulla da questo articolo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy