Juventus e caso biglietti: oggi il processo sportivo ad Andrea Agnelli

Juventus e caso biglietti: oggi il processo sportivo ad Andrea Agnelli

Il punto / Alle 14 davanti al Tribunale Federale FIGC. Il procuratore federale Pecoraro potrebbe chiedere un anno e mezzo di inibizione

4 commenti

Prenderà il via alle 14, davanti al Tribunale Federale Nazionale della FIGC, il processo sportivo al presidente della Juventus, Andrea Agnelli, nell’ambito del famigerato caso-biglietti che coinvolge il club bianconero. Il numero uno di corso Galileo Ferraris è stato deferito lo scorso marzo insieme al capo della biglietteria Stefano Merulla, al security manager Alessandro D’Angelo e all’ex responsabile del marketing Francesco Calvo, oggi al Barcellona.

Il processo sportivo, scaturito dall’inchiesta penale “Alto Piemonte” della Procura di Torino relativa all’insediamento e alle attività della ‘ndrangheta in Piemonte, si occupa della cessione di un consistente numero di biglietti da parte della Juventus a un gruppo di ultras, ben oltre il limite dei quattro a testa, sapendo che erano destinati per attività di bagarinaggio, i cui proventi sarebbero finiti nelle casse delle cosche mafiose calabresi.

Nel processo penale, già terminato in primo grado con pesanti condanne per alcuni imputati, la Juventus non è mai stata coinvolta, ma dal punto di vista sportivo il procuratore FIGC Pecoraro contesta la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi) del Codice di Giustizia Sportiva FIGC. In particolare, l’art. 12 al primo comma enuncia che “Alle società è fatto divieto di contribuire, con interventi finanziari o con altre utilità, alla costituzione e al mantenimento di gruppi, organizzati e non, di propri sostenitori, salvo quanto previsto dalla legislazione statale vigente”.

Cosa rischia, in concreto, Andrea Agnelli? Secondo la Gazzetta dello Sport, il dott. Pecoraro chiederà un anno e mezzo di inibizione, mentre la Juventus conta di cavarsela con una semplice multa. Se inibito, il numero uno bianconero non potrebbe esercitare la carica in quel periodo di tempo. Se al termine del procedimento Agnelli venisse inibito per più di anno, non potrebbe tornare a ricoprire le cariche federali per i prossimi dieci. A meno di non chiedere e ottenere la riabilitazione alla FIGC. Non può invece decadere da presidente della Juventus, nemmeno in caso di condanna in terzo grado a più di un anno di squalifica.

Il presidente bianconero, appena eletto presidente dell’ECA (L’associazione che rappresenta le società di calcio a livello europeo), non rischia nulla per quanto riguarda questa carica, nè (al momento) per il suo posto all’interno dell’Esecutivo UEFA. Questo verrà intaccato solo dopo il terzo grado di giudizio e nel caso in cui la FIGC decidesse di trasmettere l’eventuale condanna definitiva in Europa.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Spygor - 1 settimana fa

    Un anno e mezzo rischia?Io gli darei dieci anni!!Dovrebbero vergognarsi sti personaggi,ma ci rendiamo conto di che gente stiamo parlando?Un tempo sarebbero state le stesse persone della famiglia a tirargli un calcio nel culo…Sono anni che vediamo solo presunzione e arroganza da parte di queste”persone”che pensano che con il potere si può comprare tutto!In parte nel nostro paese è così,quantipersonaggi ai vertici di società hanno fatto e fanno ricorso a comportamenti illegali per arrivare dove con onestà non arriverebbero mai?La storia è sempre uguale,si ripete e ben vengano procuratori come Pecoraro che fanno il loro lavoro andando dritto al problena.Spero solo che l’opinone pubblica sappia anche queste cose,che la società Juventus,una delle società più invischiate a livello penale/sportivo d’Italia,continua ad avere gente che commette infrazioni più o meno gravi pensando di gestire a piacimento tutte le situazioni dove vengono accertate responsabilità e presunte illegalità.E non faccio esempi,basta anadre a vedere la storia,è tutto scritto ,non si inventa nulla.Cominciamo a far sapere alle persone che quando si parla di disonestà e illeciti,ci sono sempre di mezzo loro,la Juventus……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Akatoro - 1 settimana fa

      Concordo su tutto, tranne una cosa. La sua famiglia si è sempre comportata così, è lo stile agnelli, camicia bianca pulita, e mutande sporche (forse è così che hanno scelto i colori della squadra). questo stile è stato utilizzato sempre, a livello sportivo e a livello imprenditoriale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rock y Toro - 7 giorni fa

      Vorrei correggerti: pensano che con il potere si possa comprare tutto… sanno che con il potere si può comprare tutto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. faina76 - 7 giorni fa

      Guarda che l’opinione pubblica non è stupida e sa benissimo.Se in Premier League,partita Manchester U.Liverpool,dopo il terzo rigore assegnato al Liverpool i tifosi del Manchester gridavano ai tifosi rivali “Siete come la Juve “è perché tutto il mondo sa chi sono i signori di Venaria.Specialisti ad andare sotto processo e a prendere nasate nelle finali di Champions,ma loro vincono in Italia,qui c’è Tagliavento. Forza Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy