Andrea Silenzi, il granata dell’ultimo trofeo

Andrea Silenzi, il granata dell’ultimo trofeo

Soprannominato il Totem per via del suo fisico longilineo, e Becco per il suo naso enorme, Andrea Silenzi è stato una figura importante del Torino anni ’90. Cresciuto calcisticamente a Roma, sua città natale, passa prima all’Arezzo e poi alla Reggiana, con la quale ottiene una promozione in Serie B ed il titolo di capocannoniere della Serie…
Soprannominato il Totem per via del suo fisico longilineo, e Becco per il suo naso enorme, Andrea Silenzi è stato una figura importante del Torino anni ’90. Cresciuto calcisticamente a Roma, sua città natale, passa prima all’Arezzo e poi alla Reggiana, con la quale ottiene una promozione in Serie B ed il titolo di capocannoniere della Serie cadetta nella stagione 1989/1990. Il Napoli crede in lui ma avrà poca fortuna in Campania, conquistando comunque una Supercoppa italiana a scapito della Juventus, i rivali di sempre. Passa al Torino, e proprio sotto la Mole troverà la sua fortuna. Nel 1993 arriva la Coppa Italia: segna nella finale di ritorno i due gol che permetteranno al Torino di portare a casa il trofeo. L’anno successiva arriva la soddisfazione della convocazione in Nazionale: giocherà una sola partita, ma di prestigio, contro la Francia. Nel 1995, passa al Nottingham Forest, ed il primo giocatore italiano a sbarcare in Premier League. Ritorna in granata sul finire di secolo, nel 1999, ma troverà poco spazio. Chiude la carriera a Ravenna nel 2001.
 
Redazione TN
 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy