Cairo: “Ljajic ceduto a malincuore. Questo è il Toro di Mazzarri”

Cairo: “Ljajic ceduto a malincuore. Questo è il Toro di Mazzarri”

Il Presidente parla a Radio Deejay, facendo il punto su mercato e campionato

di Redazione Toro News

Urbano Cairo è intervenuto ai microfoni di Radio Deejay, commentando così il mercato granata e questo inizio campionato: Niang e Ljajic? Diciamo che il mister li avrebbe tenuti volentieri. C’erano molti attaccanti bravi e non era sicuro il posto per nessuno. Avendo Zaza, Belotti, Iago (e Soriano-Baselli trequartisti) diventava difficile per Ljajic poter avere il posto fisso: evidentemente ad un giocatore importante come lui non piace fare panchina e ha scelto diversamente, e avendo anche un’offerta importante dalla Turchia ha deciso di andarsene. Tra l’altro in Turchia hanno una legislazione molto favorevole dal punto di vista fiscale, pagano molto poco di tasse. E possono permettersi di fare questo tipo di operazioni”. Ancora il Presidente Cairo su Ljajic: “A me Ljajic piaceva molto, giocatore tecnico divertente, ma poi quello che conta è la squadra e che ci sia uno spogliatoio concorde. Vedere musi lunghi non è bello, e a malincuore questa operazione era giusto farla”

Mazzarri presenta Torino-Spal: “Ripartiamo da San Siro. Zaza può esordire” E su Ljajic…

Sulla SPAL e sui nuovi arrivati: SPAL Capolista? Rispetto molto la SPAL, sono bravi. Abbiamo anche buoni rapporti con loro per via del mercato, avendogli dato diversi giocatori. Si sono salvati e sono partiti alla grande. Grande rispetto per la SPAL. Meité? Lo seguivamo da tempo, è un buonissimo giocatore con fisicità e qualità. Sta lavorando con lui per portarlo al tiro più spesso e direi che ci sta riuscendo. Aina? Fisico incredibile, buona qualità tecnica. Aina lo volevamo già anni fa quando c’era Conte, quest’anno c’era la possibilità e lo abbiamo preso”.

Sul complesso della squadra: “Squadra a misura di Mazzarri? Mi sembra che abbiamo fatto molti innesti e cambiamenti, da Izzo a Bremer, poi Meité, Soriano, Aina, Djidji e Zaza. Li abbiamo scelti con lui, li ha voluti, certamente questa è la squadra di Mazzarri – che infatti è contento. Non vogliamo fare proclami, ma si parte con il piede giusto e il numero di giocatori giusti. Mazzarri voleva una rosa quasi contata, per poterli utilizzare tutti”.

Infine, una piccola parentesi sull’Alessandria, squadra nel cuore di Cairo per via delle sue origini: “Quando sono da quelle parti lì vado sempre a vederla, anche perché ci sono molto legato essendo di quelle parti e mio padre ci giocava. In bocca al lupo a loro”.

60 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Conta7 - 3 mesi fa

    Sempre più parac*** il nostro presidente.
    Ricordo le prime fasi di calciomercato, quando sembrava fatta per Bruno Peres e si parlava di gente come Juan Jesus e Pereyra: questi credo fossero i 3 obiettivi del Mister, giocatori di spessore per fare da subito il salto di qualità.
    Quindi è un po’ diverso dal dire “questa è la squadra di Mazzarri”…
    Poi chiaro che, una volta dichiarati irraggiungibili certi obiettivi, WM avrà accettato ‘giocoforza’ di investire su giovani da formare e di acquistare giocatori con determinate caratteristiche.
    Ma è altrettanto chiaro che così si debba accettare qualche rischio nell’essere competitivi da subito.
    Ad ogni modo, FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. tororussia - 3 mesi fa

    con cairo quasi stabilmente con fatica meta classifica serie A senza gloria oltre alla serie b
    EL mai conquistata sul campo !!
    Di positivo che tutti i giorni abbiamo uno spazio su la gazzetta dello sport di sua proprietà mentre prima un articolo in ventesima pagina qualche volta a firma di BRAMARDO amico di strippoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

    Mi dispiace ma io non credo in questo progetto targato WM.
    352 senza un solo giocatore di fantasia e senza palleggiatori, con due punte identiche nell’occupare gli spazi e una che è un attaccante esterno quando si gioca a 3 e poco adatto a giocare a 2.
    Il centrocampo sembra migliorato con la fisicità dei nuovi arrivi ma non riesco a capire chi dovrebbe avere le idee per innescare tutti questi muscoli sparsi per il campo…

    In sostanza: vendere Ljajic è stato oggettivamente un errore clamoroso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Junior - 3 mesi fa

    Il Presidente ha fatto una bella campagna acquisti ma si pentirà a stagione in corso di aver ceduto Ljajic, il giocatore più forte della rosa; è la colpa è tutta di un allenatore poco incline al dialogo con i calciatori;

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granatadellabassa - 3 mesi fa

    Cairo non avrebbe voluto cedere Ljajic. Del resto ci ha perso dei soldi. Ha seguito i dettami del mister come è giusto che sia; ma dopo l’acquisto di Zaza e la maglia titolare a Iago, si capiva che fosse proprio lui quello in esubero nelle gerarchie di Mazzarri. E il presidente lo sapeva bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 3 mesi fa

      Non ha perso soldi con Liajic essendo una PLUSVALENZA, inoltre ci guadagna non pagando piú il suo ingaggio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bergen - 3 mesi fa

        Ljajic acquistato a 8.5 milioni nel 2016. Per cui si tratta decisamente di minusvalenza dato che il riscatto a 8 verrà esercitato nel 2019. Che valgono meno di 7 se attualizzati.
        Se consideri gli ingaggi risparmiati devi considerare anxhe quelli già spesi nel biennio 2016- 2018. È un’operazione incomprensibile da punto di vista economico-finanziario. Specialmenre se si considerano le cifre che girano per centrocàmpisti/attaccanti. Che so i 27 milioni di un Politano. I 15 di un Pasalic

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Akatoro - 3 mesi fa

          Tecnicamente è una piccola plusvalenza perché ci sono 2 anni di ammortamento, quindi il valore a bilancio del cartellino era di 4/5 milioni. In pratica invece è stata una perdita perché pensava di venderlo a cifre più alte ( 8 milioni sono un po’ pochi per il valore del giocatore).

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. steacs - 3 mesi fa

          Bergen come giustamente ti hanno giá detto è plusvalenza perché devi considerare l’ammortamento, per poco che sia…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bilancio - 3 mesi fa

    In antri tempi avrei criticato. Onestamente oggi sono comunque contento del mercato.
    Peccato non aver trovato nel Toro una collocazione per Ljacic, l unico NON doppione di altri.
    Per lo meno non vedo in questo nuovo Toro, il risultato di speculazioni finanziarie pro plusvalenze, quanto invece le scelte di WM.
    Spero che abbia ragione, anche se per me, trequartista Adem, dietro a Zaza Belotti era tanta roba.
    Felice di essere smentito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14003131 - 3 mesi fa

    Non vedo perché prendersela con Cairo per questa cessione. In questo caso, a differenza di tutte le altre cessioni, non credo sia partito da lui l’input.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aletoro - 3 mesi fa

      Magari hai ragione. Peró io personalmente non sono nemmeno cosí convinto sia partito da Adem.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bucci-ole-ole - 3 mesi fa

        Magari è partito tutto dal procuratore, magari no, fatto sta che il doppio dell’ingaggio è un’attrattiva notevole, proviamo a rapportarlo ai nostri lavori. Vero è che io guadagno più o meno un millesimo di ljajic e farei il calciatore del toro anche gratis, ma non credo sia un metro di paragone sensato. Però ho un discreto sinistro, se serve ci sono 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 3 mesi fa

    Chi mi legge da un paio di anni forse tre su TN sa che sono stato negativo con Ventura, Miha, Cairo e Petrachi.
    Ho questo pallino per WM perché Torino mi sembra una piazza giusta per lui, allenatore sincero e preparato.
    Non mi aspettavo un calciomercato così buono dal toro, assolutamente no, per cui complimenti, Cairo ha spinto sull’acceleratore forse già con Miha ma i risultati non si videro perché l’allenatore era incapace.
    Ora WM.
    Vediamo, mi sbaglierò ma c’è aria di progetto serio e crescita e una squadra di professionisti e lavoratori.
    Soprattutto non abbiamo più rincalzi da serie B in panca.
    Bene così e non vedo l’ora di vederli giocare contro la Spal.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

    Una volta tanto sono d accordo col presidente. Questa squadra è frutto delle indicazioni di Mazzarri. Voleva kg e cm e li ha avuti. Voleva una rosa numericamente ridotta e l ha avuta. Voleva gente che non rompe le palle se sta in panchina e sono stati venduti i principali indiziati. Secondo me ha saputo imporre le proprie tesi molto più di Mihajlovic. Più che mettere le mani avanti mi sembra che il presidente stia facendo una constatazione oggettiva e ora Mazzarri dovrà tradurre in risultati la bontà delle sue indicazioni. Se dovesse andare male cairo avrà la colpa di aver scelto Mazzarri, da condividere col ds. A me la squadra sembra più equilibrata, soprattutto se meite e Aina si confermano. Mi resta il dubbio liaijc, genio e sregolatezza in grado di spaccare la partita. Ma chissà, forse soriano può sopperire. Vedremo. Intanto il calciomercato è finalmente finito per cui dobbiamo solo tifare ora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aletoro - 3 mesi fa

      Soriano vs Liajic….mi spiace secondo me é proprio un’altra roba. Liajic é su un altro pianeta rispetto a Soriano. E poi genio e sregolatezza…a me piaceva molto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

        Anche a me. Infatti non sono convinto che si sia fatto bene ma ormai è andata. Soriano non ha ovviamente ne tecnica ne fantasia paragonabili a liaijc però speriamo sia più continuo e dinamico. In ogni caso ormai è andato. Temo dovremo farcene una ragione

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. toroscatenato - 3 mesi fa

        D’accordo con te anche se stravedo X Soriano
        Il punto è che Soriano è fatto per il gioco di Mazzarri. Copre di più e si inserisce
        Nel calcio di oggi purtroppo c’è poco Spatz i 10 con Adem
        La cosa che più mi spiace è che X alzare il livello devi avere in squadra più opzioni e Adem era una variabile top
        Unica consolazione: Edera sale nelle gerarchie e avrà più spazi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alexku65 - 3 mesi fa

      Giusto quello che dici

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. steacs - 3 mesi fa

      Granatiere non mi pare che Cairo e Petrachi abbiano fatto mea culpa su Miha (e gli acquisti scelti da serbo) anzi…

      Per cui in caso di fallimento, non mi aspetto niente di diverso, è sempre colpa di altri qua.

      Peró in 13 anni gli unici che sono sempre gli stessi sono proprio Cairo e praticamente Petrachi (non 13 ma quasi).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pacman - 3 mesi fa

        L’hanno esonerato a gennaio… più mea culpa di così? Hanno rifatto la squadra secondo le indicazioni di Mazzarri e hanno venduto i due acquisti più importanti voluti da spacabotilia…. A volte collegare il cervello non farebbe male

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13974210 - 3 mesi fa

    Ma si….va tutto bene…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13974210 - 3 mesi fa

    Ma si….va tutto bene…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Maroso - 3 mesi fa

    Visto che qualcuno in qualche modo mi sollecita una critica, come sostenitore del Torino ritengo di essere interessato ad ogni attività che produca entrate alla società, così da poter arrivare a giocatori migliori a incominciare dal prossimo calciomercato.
    In questa sede, anche se non del tutto propria, vorrei dire: non si vedono grossi risultati in materia di
    Stadio Grande Torino
    Stadio Filadelfia e Museo Torino
    acquisizione di terreni comunali,
    Robaldo,
    politica di marrketing (vendita di oggetti o indumenti marchiati Toro).
    Delledue l’una: o sono io ad essere poco informato, o le notizie sono scarse.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 3 mesi fa

      Credo che la base di partenza per investimenti che devono avere necessariamente un ritorno, converrai con me, è una squadra che sta stabilmente in Europa. Se poi si vuole raggiungere l’autofinanziamento, beh, credo i tempi si allunghino. Aggiungiamo che l’amministrazione è particolarmente attenta quando ha a che fare col Toro e molto lassiva quando arrivano gli altri che, forse, è meglio riflettere bene prima di buttarsi in salti nel buio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. marione2 - 3 mesi fa

        Autofinanziamento con Cairo presidente? Preferiscoi dare i soldi a quelli delle 3 carte

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Maroso - 3 mesi fa

        Certo, concordo. Però bisognerebbe pur incominciare da qualche parte. perchè non fare una rubrica come “Toro che cresce” in cui dare semplici informazioni su cosa bolle in pentola? Cairo è un manager della comunicazione, credo che se sta operando bene, come penso, abbia tutto l’interesse a divulgare i progressi del Torino, o no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Maroso - 3 mesi fa

          Ovviamente rispondevo a Granata. A Marione dico che forse c’è un equivoco sull’ autofinanziamento. Verrebbe realizzato con l’esecuzione delle opere che ho citato e altro, non certo con i soldi dei tifosi.
          Saluti.
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Granata - 3 mesi fa

        @marosi, so per certo che qualche anno fa ci fu un analisi ad ampio spettro per quantificare costi ricavi di stadio ed aree commerciali eventualmente disponibili. Il risultato fu che già in partenza c’erano ostacoli non indifferenti, tipo costo stadio, ipoteche, aree commerciali assenti, no parcheggi e tanti altri no. Risultato ? Per il momento nulla, e ci mancherebbe. L’Atalanta, per fare un esempio che piace a molti tifosi del Toro, ha pagato lo stadio 8mln€ !!! Chiavi in mano ristrutturato gli costerà circa 20 !!!Il costo di un buon attaccante. Il Grande Torino partirebbe da 35mln€ !!! Col vincolo belle arti per cui non si puo demolire e rifare. Per autofinanziamento mi tiferivo alla squadra. Attualmente c’è equilibrio ma non è stabile. Bisogna fare molta attenzione. Se saltano diritti tv crolla tutto ed è così per quasi tutti. Il classico cane che si morde la coda

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 3 mesi fa

          999999

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Maroso - 3 mesi fa

            OK, conosco queste difficoltà, però, ad esempio, cosa mi dici:
            – dello sviluppo del mktg
            – della ristrutturazione del Robaldo.
            – del Filadelfia (definica come “Casa del popolo granata”) praticamente chiusa al pubblico, con ampi terreni incolti? Perchè non aiutare la società che gestisce il Museo ad edificarlo creando nel contempo un’area dove possano trovarsi i tifosi come ai vecchi tempi, preservando la riservatezza della prima squadra?
            Cosa bolle in pentola al Filadelfia?
            – Cosa ci fanno i terreni es Merati Generali adiacenti al Filadelfia, vuoti e dismessi?
            FVCG

            Mi piace Non mi piace
      4. Granata - 3 mesi fa

        @marione dovresti toglierti il vestito di quello che è contro a priori ed a ogni costo ed elaborare pensieri articolati. Cairo ha tutti i difetti della terra, di sicuro , fra i presidenti del Toro, è quello che fa quadrare i conti meglio di tutti. Vuoi smentire ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 3 mesi fa

      @Maroso il Fila non essendo del Toro , ovviamente, non può essere ultimato direttamente con i soldi del Toro. Sarà ultimato con la garanzia dell’affitto del Toro alla Fondazione. È stato acceso un mutuo che sarà pagato cosi. I terreni che erano dei mg sono del demanio. Un casino comprarli e poi , anche li, chi per farne cosa con quale ritorno. La politica sarebbe favorevole ? Io dubito moltissimo. Il robaldo, per fortuna, ha dovuto subire importanti modifiche strutturali nelle aree prospicenti per poter essere sfruttato in pieno ( ampliamento area parcheggi e modificazione viabilità) a noi tempi biblici , agli altri tappeto steso. Ecco perché dico della politica. Il marketing vive sulle squadre vincenti. No ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Maroso - 3 mesi fa

        @Granata, ti ringrazio delle risposte. Immagino tu abbia contatti stretti con la società, o perlomeno tu sia abbastanza informato. Avrei da eccepire (soprattutto sul Filadelfia, la cui società che ne detiene la proprietà non disdegnerebbe certo donazioni o altro per costruire finalmente il Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, che potrebbe diventare anche uno spazio per i tifosi), ma credo sarei tedioso, quindi evito. Mi fa solo stupire la tua affermazione sul mktg: è come dire che il marchio del Torino non è considerato vincente, poichè la squadra non lo sarebbe (Ma allora ci crediamo o no nel Toro?! Siamo convinti o no che sia una grande squadra con tifosi in tutta Italia, 6° utenza assoluta – mi risulta – delle partite in TV?).Il mio intervento voleva essere costruttivo e suscitare un dibattito che praticamente non c’è stato con mio grande stupore.Spero in futuro si parli più spesso di questi temi e che le notizie siano migliori. A proposito, presto porterò senz’altro un mio contributo ben documentato.
        FVCG
        Sergio

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 3 mesi fa

        @maroso mi sono occupato personalmente di alcuni aspetti che ho citato, per cui ho date,contatti e cifre esatte. Detto questo ti domando, il mito del Grande Torino lo si è costruito sui risultati o cosa ? Buona giornata. Roberto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Maroso - 3 mesi fa

          Non scomodiamo il Grande Torino, per favore. La sua realtà è irripetibile, ed anche il contesto in cui visse e vinse, ben noto a tutti.
          Oggi, questa è la mia opinione, una grande squadra si basa oltre che sui classici introiti (abbonamenti, incassi e diritti TV) su una società solida (ed il Toro lo è da quando c’è il Presidente Cairo) e dagli introiti che derivano da attività immobiliari e di mktg collaterali. Credo che gli esempi non manchino. Sono convinto che tu abbia informazioni di prima mano, quello che però evinco dalle tue risposte è un “non si può fare” praticamente su tutto, ciò significherebbe un immobilismo totale. Francamente non credo che un imprenditore fantasioso, concreto e capace come Cairo si limiti a questo. Ci dev’essere altro, e ancora ribadisco come ci sia scarsità di informazione. Grazie comunque del dialogo molto proficuo. Ci risentiremo.
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata - 3 mesi fa

            Se hai inteso il non si puo fare, sappi, non è così. Mi sarò espresso male. Sto dicendo che lo si vuole fare attraverso e dopo che la squadra si è consolidata in posizione più consona al blasone. Vedrai, poco per volta, ce la faremo. Grazie a te per aver dialogato

            Mi piace Non mi piace
  13. tororussia - 3 mesi fa

    cairo pinocchio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Krhon1494 - 3 mesi fa

    Ormai qui basta dire una parola contro cairo e ti ritrovi con 70 non mi piace. W la libertà di parola proprio, fatevi un esame di coscienza va.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SSFT - 3 mesi fa

      Io non metto né mi piace né non mi piace, ma le critiche si fanno se hanno senso. Cosa ha detto di strano in questa intervista Cairo? È mettere le mani avanti dire che la squadra é stata fatta su indicazione di Mazzarri? Perché, non é così?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 3 mesi fa

      Io ho criticato Cairo, senza insultarlo e non mi sono trovato 70 segni meno. Personalmente trovo i più ed i meno un controsenso qui dove si dovrebbe argomentare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alexku65 - 3 mesi fa

        Se come dici trovi i “voti” non sensati ignorali…o il problema è che sono stati negativi ….?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 3 mesi fa

          Io li ignoro. Li dovrebbero togliere. Bisogna argomentare non nascondersi dietro un pc.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Maroso - 3 mesi fa

    Ormai dire o ribadire se si fosse tenuto Liajic o no, non serve più. Se n’è andato, auguri e tanti saluti. Sono ottimista: penso che il calciomercato sia stato condotto bene da Petrachi su mandato di Cairo e con gli opportuni pareri di Mazzarri. Adesso sono altri i fattori che devono concorrere ad organizzare una squadra competitiva, e sono tutti in mano a Mazzarri: l’amalgama, il gioco, gli schemi, la preparazione atletica anche degli ultimi arrivi, la gestione del gruppo, e tanto altro ancora. Dal campo avremo la controprova della bontà del Calciomercato e del Lavoro di Mazzarri. Diamo tempo al tempo, la squadra è nuova e giocherà diversamente dalle precedenti. Penso che occorra avere pazienza e spendere a favore della Squadra tutto il sostegno che ci è possibile. Ho l’impressione che qualche nuovo germoglio stia nascendo…. lasciamolo crescere e poi vedremo.
    Un saluto a tutti e sempre FORZA TORO.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. silviot64 - 3 mesi fa

    Cairo ha uno strano concetto di azienda. O almeno finge di averlo altrimenti non sarebbe probabilmente arrivato dov’è. La responsabilità oggettiva e in parte soggettiva è comunque sua. Onori e oneri. Qui invece la sostanza è : se va bene è merito mio perché ho fatto un gran calciomercato, se va male la colpa è di Mazzarri perché … ho fatto un gran calciomercato. Non funziona così, altrimenti sarebbe molto semplice fare l’AD. Nel caso specifico, traducendo: chi ha scelto Mazzarri ? Credo Cairo. O si è scelto da solo? Quindi, per favore, non cominci a mettere le mani avanti. Se le cose andranno male la motivazione andrà cercata. Che poi sia colpa di una squadra non bene allestita, dell’alenatore o dei calciatori, la responsabilità oggettiva di un non auspicabile flop è sempre di chi comanda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vittoriogoli_73 - 3 mesi fa

      Teso corretta.
      Incredibile Cairo le mani non le mette avanti ma già nel torneo 2019.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 3 mesi fa

      Quindi, domando, vista la tua tesi, se ho capito bene, per ipotesi visto che la responsabilità è in capo a chi comanda, in questo caso Cairo, Mazzarri può fare il c☆☆☆o che vuole ? È ovvio che se si suddividono i compiti, come deve essere, si devono suddividere le responsabilità. Cairo ha le sue e Mazzarri anche. O no ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. silviot64 - 3 mesi fa

        Mazzarri no può fare quello che vuole perché risponde a Cairo . Scusa ma tu lavori dove? Come funziona da te ? Se l’azienda non raggiunge i risultati chi ne risponde ? Tu? O ti rispondi al tuo capo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 3 mesi fa

          Io dove lavoro non importa. Da me è in vigore la regola dei compiti certi,responsabilità certe. Va bene ? Probabilmente non hai capito il mio post. Probabilmente…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Luke90 - 3 mesi fa

        Beh.. Andrea sarà più sereno se sbaglia un rigore…. la colpa è di Cairo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. silviot64 - 3 mesi fa

      Amici spollicioni, dove lavorate? Da voi come funziona ? Se l’azinda Non raggiunge gli obiettivi chi ne risponde? Avete le idee un po’ confuse mi sa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 3 mesi fa

        Mazzarri risponde e paga se sbaglia a Cairo. Cairo paga di tasca sua e risponde moralmente ai tifosi. Se Mazzarri sbaglia , PAGA. PUNTO

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Luke90 - 3 mesi fa

        Ahimè nella mia azienda … chi ti paga lo stipendio ha sempre ragione…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-14014554 - 3 mesi fa

    Bhe Cairo lo ha accontentato in tutto, ora sta a mazzarri che sono certo ci porterà in Europa.
    in caso contrario la colpa è solo sua

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-14014554 - 3 mesi fa

    Bhe Cairo lo ha accontentato in tutto, ora sta a mazzarri che sono certo ci porterà in Europa.
    in caso contrario la colpa è solo sua.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-14014554 - 3 mesi fa

    Bhe se non andiamo in Europa la colpa è solo del mister, Cairo lo ha accontentato in tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Turin2.0 - 3 mesi fa

    Sta già scaricando le colpe qualora la stagione si rivelasse fallimentare su Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SSFT - 3 mesi fa

      Già, di solito i presidenti dicono che la squadra é stata fatta senza consultare l’allenatore e che i giocatori che hanno preso al mister non piacciono, come si permette Cairo di dire che la squadra è stata fatta anche in base alle richieste di Mazzarri?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. AppianoGranata - 3 mesi fa

    Caro Cairo fai un ulteriore sforzo e porta in società Zac e Pupi. Trova loro un ruolo utile e congeniale. È vedrai che il cerchio si chiuderà magicamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Ottimo calciomercato. Tutto quello che si poteva è stato fatto.
    Ora testa bassa e pedalare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy