Cinquina da Toro Scatenato, con l’attacco più prolifico della serie A

Cinquina da Toro Scatenato, con l’attacco più prolifico della serie A

L ‘editoriale di Gino Strippoli / Dominato il Cagliari in lungo e in largo sotto la regia di Valdifiori

Commenta per primo!

Ma che grande direttore d’orchestra si ritrova questo Toro Scatenato. Mirko Valdifiori si é messo in regia orchestrando i suoi compagni, regalando note su note che poi sono state concretizzate da acuti stupendi che han gonfiato la rete cagliaritana per ben cinque volte. Finalmente un vero regista, metronomo, capace di dettare i giri giusti della squadra granata. Erano anni che si aspettava un giocatore in mezzo al campo di tale qualità e quantità. Ma é giusto dire che tutti i giocatori di Mihajlovic hanno giocato bene e sono stati tutti bravissimi. Le fasce hanno avuto due pendolini trascendentali in Barreca e Zappacosta, capaci di dare alle due fasi, attacco e difesa, eguale qualità. L’ex atalantino, fresco di chiamata in Nazionale, sta sempre di più tenendo il campo con grande autorità mentre l’ex Primavera ogni partita che passa sta dimostrando di poter diventare un terzino dalle prospettive importanti e nella realtà attuale uno dei più forti terzini di questo campionato.

Una partita giocata da Toro come solo la mentalità tremendista, acquisita dai giocatori grazie a Sinisa Mihajlovic, può regalare. Il Toro diverte, gioca bene, con il piglio giusto: i ragazzi granata ci mettono gambe e cuore con la giusta grinta ed é questo il segreto di questo successo. La mediana granata sta assumendo sempre più una personalità battagliera ma anche prolificante di gol: detto di Vladifiori, sia Baselli che Benassi tengono sempre più la linea di centrocampo con ardore, e nella fase d’attacco sono capaci di inserirsi tra le linee andando in gol. Prove ne sono gli 8 gol in due, 4 a testa, in questo campionato; e per un centrocampista é davvero tanta ‘roba’. Inoltre la loro parte da incontristi la fanno molto bene. Scambi di prima in velocità, due, tre tocchi e poi al tiro. Questo hanno fatto ieri tutti i giocatori granata da Falque, che avrebbe meritato il gol per il rendimento espresso, a cannonier Belotti capace di esplodere una bella doppietta, a Ljajic al quinto gol. Tutti per uno e uno per tutti, questo é il Toro.

Ad oggi la squadra granata ha l’attacco che ha segnato più gol del campionato con 27 reti, questo é un bel segnale. É vero, la retroguardia ha subito l’ennesimo gol di testa, ma in una partita come questa un errore lo si può perdonare così come le indecisioni di Hart, forse meno concentrato del solito. Godiamoci questa vittoria, godiamo il rendimento dei granata capaci all’Olimpico Grande Torino di lasciare davvero poche briciole agli avversari, godiamo per l attacco più forte d’Italia, godiamo per un giocatore come Castan che a Torino e nel Torino ha ritrovato se stesso come giocatore di gran classe – lui é un Top Player, non dimentichiamolo – senza dimenticare Rossettini: encomiabile il suo impegno. Godiamoci questo allenatore, che sa di tremendismo, che sa essere tremendista, nell’allenare la squadra partendo dalla mentalità di scendere in campo e poi nel dare le giuste direttive in campo. Godiamoci questo Toro Scatenato, che é ancora al 50%: parola di Mihajlovic.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy