Con Ciampi mai una vittoria

Con Ciampi mai una vittoria

Pochi i precedenti del Torino con Maurizio Ciampi, l’arbitro di Benevento (anche se fa parte della sezione di Roma), che in passato fu anche coinvolto nello scandalo Calciopoli. Pochi i precedenti, anche se ancora i granata non hanno conosciuto la vittoria con questo direttore di gara, nelle tre partite del Torino nelle quali era stato designato.

La prima fu Torino-Ternana del 4 Marzo 2006: 1-1, quando i granata di De Biasi (quel…

Pochi i precedenti del Torino con Maurizio Ciampi, l’arbitro di Benevento (anche se fa parte della sezione di Roma), che in passato fu anche coinvolto nello scandalo Calciopoli. Pochi i precedenti, anche se ancora i granata non hanno conosciuto la vittoria con questo direttore di gara, nelle tre partite del Torino nelle quali era stato designato.

La prima fu Torino-Ternana del 4 Marzo 2006: 1-1, quando i granata di De Biasi (quel giorno contestato) faticavano in campionato e non andavano oltre al pari contro una squadra in zona retrocessione e con problemi societari, in grado di rispondere al goal di Rosina con Troise.

Analogo risultato fu contro il Catania al Massimino, con Ivan Franceschini che il 29 Ottobre 2006 riuscì a pareggiare in extremis (al 90’), dopo il goal su rigore di Mascara. Si giocò a porte chiuse, quella partita, e il Toro di Zaccheroni disputò una gara discreta.

Nonostante il rigore (a proposito, tra le mura amiche, con questo arbitro, vengono spesso fischiati penalty a favore), non incise particolarmente il direttore di gara, così come non lo fece lo scorso campionato, il 31 Ottobre a Trieste, quando il Toro capitombolò contro gli alabardati, perdendo 2-0. Topiche difensive di Sereni (una delle rare) e Ogbonna permisero a Testini di passare subito in vantaggio con un tiro da centrocampo, e a Godeas, nel secondo tempo, di chiudere la pratica. Sarebbero mancate poche gare prima di arrivare all’esonero di Colantuono.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy