Doppi ex di Chievo-Torino: attaccanti col dente avvelenato

Doppi ex di Chievo-Torino: attaccanti col dente avvelenato

A volte ritornano / Pochi affari tra le due società, ma molti giocatori hanno visitato sia la Mole sia l’Arena

4 commenti

Nonostante Chievo e Torino raramente abbiano intavolato trattative per il trasferimento diretto di giocatori, sono tuttavia molti coloro che hanno trascorso almeno qualche mese a Torino e a Verona, e numerosi saranno anche gli ex che stasera potrebbero prendere parte all’incontro.

QUI TORO – Tra gli elementi in forza a Giampiero Ventura che hanno un trascorso in maglia gialloblù si annoverano Maxi Lopez, al Chievo nella prima parte della stagione scorsa e approdato in granata nella sessione invernale, e Amauri, autore di 22 reti dal 2003 al 2006 per i clivensi tra campionato e coppe.

AC Chievo Verona v Torino FC - Serie A
Maxi Lopez con la maglia del Chievo

 

QUI CHIEVO – I gialloblù con un passato sulle sponde del Po sono invece Birsa, protagonista della prima stagione in A del Toro di Ventura (2012/2013); Pellissier, capitano clivense, ma cresciuto nel vivaio granata e con due presenze all’attivo in prima squadra; Meggiorini, che conta ben 85 presenze con 7 reti sotto la Mole tra il 2011 e il 2014, e soprattutto una grinta e una determinazione che i tifosi granata non hanno mai dimenticato, e grazie alla quale gli hanno perdonato anche un po’ di imprecisione e sfortuna sottoporta.

TORINO FC stagione calcistica Serie A 2012/2013  nella foto Meggiorini Riccardo
Meggiorini ai tempi del Toro

 

IL PASSATO – Nel lunghissimo elenco di giocatori che hanno vestito entrambe le maglie spiccano poi due portieri come Sorrentino e Marchegiani (5 stagioni al Toro per entrambi). A loro si aggiungono alcuni tecnici delle giovanili granata, quali Longo e Mezzano, e altri ex più recenti, come Brighi e Bellomo. L’elenco, poi, si allunga con Salvatore Lanna, che conta 10 anni in gialloblù – di cui ora è viceallenatore – e una stagione in granata, Eugenio Corini, prima giocatore e poi allenatore a Verona e protagonista nel Toro dal 2007 fino al ritiro, nel 2009, Santana, argentino che si trovò in granata nello stesso anno di Birsa, Semioli, prodotto del vivaio, e una sequela di altri giocatori più o meno incisivi al Toro come Barone, Lazarevic e Tiribocchi e Cofie.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Comunque dalla foto sopra di Maxi si nota che anche lì sembra sovrappeso, penso che attualmente più
    che avere qualche chilo in più è proprio un fatto di costituzione fisica(a parte la foto di quest’estate)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luca - 2 anni fa

      Si è un Maxi-panzone,ah,ah,ah.A parte gli scherzi secondo me, quando è tirato a lucido, è della forza di Casagrande,è per questo che mi aspetto tanto da lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. luca - 2 anni fa

        del povero Casagrande!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. luca - 2 anni fa

    Off topic-Certo che se mister Ventura stesse dietro a tutte le nostre elucubrazioni,per altro legittime, visto che tifiamo Toro,al momento di stilare la formazione andrebbe in paranoia e confusione mentale perenne .La sua forza è che non ascolta nessuno se non la propria esperienza, infatti è riuscito a sbattere fuori dalla compagine iniziale Cerci e Immobile nel loro anno magico e irripetibile.Credo di poter dire,vai Giampiero sei tutti noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy