Contro il Carpi Obi può tornare a essere un’opzione, anche a gara in corso

Contro il Carpi Obi può tornare a essere un’opzione, anche a gara in corso

Verso domenica / Contro il Chievo il mediano nigeriano ha fatto il possibile dopo un lunghissimo stop, ma alla lunga ha patito. Con il Carpi, però, potrebbe andare diversamente

2 commenti
Joel Obi non ha convinto con la Primavera

È stata una delle grandi sorprese di Torino-Chievo vedere Obi nella lista degli undici titolari, a oltre 4 mesi e quasi un girone dall’ultima apparizione dal 1′ minuto, in quel Torino-Palermo che il mediano ex Parma concluse anzitempo a causa dell’intervento da censura sulle gambe di Franco Vazquez. La prestazione di Obi è stata quella che ci si poteva attendere da chi non vede il calcio dei grandi da tanto tempo: molto impegno, soprattutto nei primi minuti, ma poca lucidità con lo scorrere dei minuti, costringendo Ventura a sostituirlo prima dell’ora di gioco.

obi
Obi impegnato con la Primavera di Longo

Era certamente illogico immaginare 90′ di sangue e corsa da lui, che però, due settimane dopo, aspetta di ottenere una seconda chance e rientrare stabilmente nel giro dei titolari di questo Torino. Il Carpi, in quest’ottica, potrebbe essere l’opportunità giusta. Anche se non dovesse partire tra i magnifici undici, sicuramente potrebbe comunque dire la sua; i granata, visto il calendario più diradato e con la mediana sostanzialmente in salute, ad esclusione di Acquah, possono contare su una grande vastità di scelte, e tutto ciò che Obi può fare è cercare di farsi trovare pronto e ritagliarsi il proprio spazio nelle rotazioni, cercando quella continuità che possa alzare il livello della quantità e della qualità delle proprie prestazioni.

D’altronde il centrocampista, ad eccezione di un paio di comparsate con la Primavera, ha perso davvero il feeling con il campo, che due settimane aggiuntive di allenamenti costanti possono sicuramente avergli fatto ritrovare, anche se, per dimostrarlo e per affinare ulteriormente il proprio rapporto con il terreno di gioco, c’è e ci sarà bisogno solo di giocare. Che sia con il Carpi o più tardi, conta relativamente poco.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. dbGranata - 1 anno fa

    Io onestamente lo manderei a zappare in qualche campo. E’ scarso e sempre rotto. Scommessa comprensibile da parte della dirigenza ma chiaramente è stata una scommessa persa. Lo venderei a giugno sperando sia fisicamente integro. 2 mln non li recuperi, ma magari per 1.4 qualcuno se lo prende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AmmaMi71 - 1 anno fa

      Concordo sul fatto che sia sempre rotto e che probabilmente a giugno sarebbe da vendere, ma che sia scarso non condivido…Tanta corsa e gioco molto fisico ed il piede non sembra malaccio…certo che se è più fuori che dentro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy