Esterni ko? Si candida Miello

Esterni ko? Si candida Miello

di Ivana Crocifisso

Tre Primavera convocati in Prima squadra, un vero e proprio record quest’anno. Torna Lerda sulla panchina e come in occasione dell’ultima apparizione del tecnico fossanese si torna a respirare aria di ‘primavera’. A Vicenza fu Fabio Panepinto, che riuscì ad andare in panchina a causa della defezione dell’ultimo minuto di Pratali. A meno di problemi dell’ultimo minuto, almeno uno tra Pippo Scaglia,…

di Ivana Crocifisso

Tre Primavera convocati in Prima squadra, un vero e proprio record quest’anno. Torna Lerda sulla panchina e come in occasione dell’ultima apparizione del tecnico fossanese si torna a respirare aria di ‘primavera’. A Vicenza fu Fabio Panepinto, che riuscì ad andare in panchina a causa della defezione dell’ultimo minuto di Pratali. A meno di problemi dell’ultimo minuto, almeno uno tra Pippo Scaglia, Umberto Miello e Gianmario Comi si accomoderà quantomeno in panchina (venti i convocati, due saranno i giocatori spediti in tribuna). Il maggior indiziato sembra essere il secondo. Miello è infatti quell’esterno di cui Franco Lerda potrebbe avere bisogno viste le defezioni che hanno colpito in particolare i giocatori solitamente impiegati in quella posizione. Senza Sgrigna, la cui ultima gara coincide con l’ultima del ‘primo’ Lerda, senza Pagano (out per una tonsillite), senza Lazarevic squalificato, le porte si aprirebbero per il giovane centrocampista classe ’92. Mancino spesso utilizzato a destra (cosa che Lerda predilige), Miello dovrebbe però battere la concorrenza di D’Ambrosio, se davvero il napoletano verrà avanzato in mezzo al campo, o di Gabionetta, giocatore su cui Lerda non ha mai nascosto di voler puntare.

In attacco non mancherà nessuno degli effettivi. Ci sono Bianchi, Pellicori e Antenucci, ma stavolta Lerda ha voluto portare con sé anche il giovane Comi (a differenza di Toro-Modena di qualche mese fa, che vide il giocatore spettatore nonostante le assenze di Bianchi e ePellicori). Che il tecnico abbia in serbo qualche novità che possa far rientrare nei giochi il giovane Primavera non è da escludere. L’attaccante non ha praticamente bisogno di presentazioni. Fisico possente, molto bravo di testa, ma soprattutto in grado di vedere la porta come pochi altri. E, caratteristica non da sottovalutare specie in questo momento, non è da meno il fatto che l’attaccante abbia sempre dimostrato attaccamento alla maglia granata.

E dopo qualche mese di assenza fa di nuovo la sua comparsa tra i convocati anche Pippo Scaglia, anch’egli un ’92. Vale quanto detto per Comi, e cioè che il reparto a cui il difensore si andrà ad aggiungere non è in grave emergenza, come capitato talvolta senza che però venisse presa in considerazione l’idea di chiamare il giovane centrale. A palcoscenici importanti Scaglia è abituato, non è quel tipo di giocatore che soffre la pressione, cosa che l’esordio in un momento così difficile potrebbe comportare. Ma sarà Lerda, come è ovvio che sia, a decidere chi portare in panchina.

Occorre leggere queste tre convocazione non in chiave disfattista: non sono tre giocatori ‘strappati’ via alla Primavera, ma tre ragazzi che potranno giocarsi le loro chances e a cui il contatto con la Prima squadra e con un ambiente più competitivo non potrà far male.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy