Genoa-Torino, Juric e una carriera legata a doppio filo col Grifone

Genoa-Torino, Juric e una carriera legata a doppio filo col Grifone

Prima da giocatore, poi da allenatore: fu proprio Juric a firmare l’assist a Milito per il gol del 2-3 in quel famoso Torino-Genoa…

Si avvicina, giorno dopo giorno, il momento di Genoa-Torino, penultima sfida di campionato per i granata di Sinisa Mihajlovic: i rossoblù hanno l’obbligo di fare risultato per togliersi dal pantano della zona salvezza, mentre Belotti e compagni devono rialzarsi dopo la pesantissima sconfitta di domenica scorso contro il Napoli, per 0-5. Sulla panchina rossoblù, sederà Ivan Juric – che ha ripreso il suo posto sulla panchina rossoblù dal 10 aprile, dopo l’esonero del 19 febbraio.

Già bandiera genoana da giocatore, Ivan Juric ha una storia calcistica legata a doppio filo con la compagine ligure: i tifosi granata lo ricordano molto bene da avversario in quel famoso Torino-Genoa 2-3 del 2009, con Juric che propiziò il gol del vantaggio di Milito e poi subì il fallo da rosso di Abate nel finale. La sua carriera da allenatore inizia proprio nel vivaio del Genoa, per poi – una volta raggiunto il conseguimento del tesserino da tecnico – segue Gasperini all’Inter e al Palermo, nel ruolo di vice. Dopo un’epserienza nella Primavera del Genoa, il primo vero incarico da allenatore in una squadra professionistica è datato 2014, col Mantova in Lega Pro. L’anno successivo, Juric passa al Crotone, guidando i calabresi ad un’inaspettata quanto entusiasmante promozione in Serie A.

In estate, viene ufficializzato il suo approdo al Genoa, e adesso – dopo il breve esonero bimestrale tra febbraio e aprile – Juric vuole – proprio contro quel Torino condannato nel 2009 alla retrocessione – conquistare la salvezza al Ferraris. Sliding doors importanti, per Juric – 8 anni dopo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy