Giuseppe Culicchia: “Toro, al San Mames uno scenario importante, ma diventerà una piacevole abitudine, ne sono convinto”

Giuseppe Culicchia: “Toro, al San Mames uno scenario importante, ma diventerà una piacevole abitudine, ne sono convinto”

Lo scrittore a TN: “L’atteggiamento deve essere quello della Germania vista in Brasile: niente paura”

Commenta per primo!

La partita di stasera al San Mames tra Athletic Bilbao e Torino è senza dubbio un avvenimento seguito con grande trepidazione da tutto il mondo granata. Noi abbiamo contattato un tifoso doc, lo scrittore Giuseppe Culicchia, che spera in una grande prova da parte dei ragazzi di Ventura.

Allora Beppe, il risultato dell’andata parla chiaro, con questo 2-2 interno che è senza dubbio un fardello pesante per il Toro. Tuttavia per tutto il popolo granata, dopo tanti anni di stenti e delusioni, tornare a giocare in una cornice così è comunque motivo di grande soddisfazione, non credi?

Senza dubbio, per noi sarà una gara importantissima, come una finale: se vinciamo andiamo avanti e proseguiamo il nostro cammino, se perdiamo siamo fuori.

Una sfida che riporta all’inizio degli anni ’90 e a quella magica cavalcata in Coppa Uefa con Mondonico in panchina, un tempo in cui giocare in questi scenari per i granata era la prassi, giusto?

Giusto, ma ho la sensazione che non rimarrà qualcosa di passeggero, ma che giocare a questi livelli, nei prossimi anni, tornerà ad essere un’abitudine, una piacevole abitudine.

Se dovessi fare un nome per la partita di stasera quale faresti? Chi sarà decisivo?

Rispondo secco: Maxi, come all’andata, oppure, se giocherà, Farnerud, un elemento a mio avviso fondamentale per questa squadra.

Giocare nella bolgia del San Mames non sarà certo facile, ma i ragazzi di Ventura dovranno cercare di trasformare la paura in carica, in fondo a tanti di loro è capitato raramente di giocare partite così, ed è quindi un’occasione unica, sei d’accordo?

Assolutamente. Non bisogna farsi intimorire ma cercare di scendere in campo con l’atteggiamento giusto. Il modello deve essere la Germania che ha affrontato in trasferta il Brasile nella semifinale degli ultimi mondiali. Se poi il risultato sarà lo stesso ben venga (ride ndr).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy