Glik: quella spallata a Zaza l’unico attimo da derby vero…

Glik: quella spallata a Zaza l’unico attimo da derby vero…

Focus on / Il capitano parte bene e poi si spegne, ma non dimentica la Maratona. Rinnovo sempre più vicino

9 commenti
Glik, Derby, Juventus-Torino, Crisi

Il risultato del Derby della Mole non lascia spazio ad interpretazioni di sorta: al netto dei rischi presi da Simone Zaza che avrebbe potuto lasciare la Juventus in dieci uomini, il Torino non è sceso in campo. A tenere alto il vessillo granata fino all’ultimo, ed anche dopo il fischio finale, il solito Kamil Glik: il polacco si conferma ancora una volta il meritato possessore della fascia di capitano ed al termine dell’incontro si trattiene sotto la Maratona itinerante per ringraziare i tifosi del sostegno ricevuto nonostante la prestazione ed il risultato negativi. In campo tuttavia anche il carattere e la grinta del capitano sono andati via via scemando, pur essendo Glik uno degli ultimi ad aver gettato le armi.

Glik
Glik ringrazia la Maratona itinerante: il rinnovo è sempre più vicino per il capitano

Al di là della prestazione collettiva e individuale, Kamil Glik sembra essere uno degli unici granata ad aver davvero compreso fino in fondo l’importanza del derby ed il significato di questa partita per l’universo Toro: l’ha imparato anche a sue spese, collezionando due cartellini rossi nelle prime stracittadine disputate, ma definire il polacco un “cuore Toro” non sarebbe ora di certo una bestemmia. Glik è uno di quei giocatori che il pubblico granata apprezza immensamente per il sudore e la passione con cui bagna quotidianamente la maglia e per la grinta che lo contraddistingue nel momento in cui scende il campo: il colosso biondo incarna inoltre perfettamente lo spirito Toro che dovrebbe caratterizzare tutti i suoi compagni di squadra  quando affrontano i bianconeri ed invece non rispecchia gli animi di tutto il collettivo di Ventura.

Glik
Sportellate tra Glik e Zaza: il polacco il derby lo sente eccome

 Anche ieri sera, l’unico momento “davvero da derby” ha avuto Glik come protagonista: il capitano granata entra in contrasto con Simone Zaza, grande protagonista della serata, e non si fa di certo pregare per fargli sentire la propria presenza alle spalle rifilando al bianconero una secca spallata; intervento regolare a termini di regolamento, ma duro e deciso, proprio come dev’essere l’atteggiamento durante un derby. La prestazione del polacco è poi andata progressivamente scemando insieme a quella del resto della squadra, ma questi gesti non passano inosservato agli occhi dei tifosi che hanno ovviamente apprezzato anche il saluto ed il ringraziamento al settore ospiti dello Stadium: il rinnovo per il capitano è sempre più vicino, ed è meritatissimo visto come egli incarna perfettamente lo spirito granata.

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FLAGHI - 2 anni fa

    La premessa è che Glik resta per me un buon giocatore, un professionista serio, spero che rinnovi e che rimanga per molto tempo da noi.
    Ieri dopo la immensa figura di merda che ci siamo fatti, speravo che andasse lui davanti al microfono in quanto capitano, a nome della squadra e che chiedesse solo scusa ai tifosi.
    Stessa cosa avrebbe dovuto fare Ventura al posto di ripetere le solite cagate sentite e risentite sul percorso di crescita etc.. che ieri sera apparivano proprio fuori luogo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ikhnos - 2 anni fa

    Sulla rete lo scorso anno ho avuto da registrare sulla memoria del mio PC una notizia interessante : “Antidoping nel calcio: basta ispettori, il Coni cambia le regole “DI PAOLO COLA, 7 APRILE 2014.
    Maliziosamente mi porta a considerare la partita di ieri come il risultato di due squadre dove da una parte (Toro) che giocava con ritmi normali o addormentati e dall’altra (Juve) con ritmi e aggressività pazzeschi. Un esempio lo ha dato in particolare Zaza quando, per togliere da dietro la palla a Glik, lo ha strattonato con mani e piedi in maniera talmente folle e scomposta che mi ha fatto pensare subito fosse dopato.
    Chiedo il parere di altri lettori, in merito a questo “periodo idilliaco” della Juventus (visti i precedenti!) se non corrisponda a qualche integratore naturale… che aiuti la squadra a fare tutto questo “filotto” di vittorie?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Brawler Demon - 2 anni fa

      I gobbi bombati? Mah, chi lo sa…
      Zaza non l’ho mai seguito, non so se anche al Sassuolo mostrava tutta questa foga agonistica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      A mo’ di battuta proprio qualche ora fa un tifoso interista mi ha fatto notare che questa
      carica agonistica dei gobbi gli puzza un po’, riflettendo sui tre interventi di Zaza ieri sera comunque viene da pensare….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Scott - 2 anni fa

      Secondo me erano i nostri che si erano fatti qualche sega in piu’…intendo quelle mentali del mister

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Andrew - 2 anni fa

    Scusate una parola sola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andrew - 2 anni fa

    Una parola sollazzo:vergogna!!!! Non per essere sempre nostalgici, ma come rimpiango Policano e Bruno!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Brawler Demon - 2 anni fa

      Pure io vedrei qualche picchiatore in più volentieri, vedi però che ci tengono sempre di mira sti arbitri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FlavioGranata - 2 anni fa

    Volete per forza trovare qualcosa di positivo anche quando non c’è? Pure Glik ha fatto pena ieri sera e di certo non si salva per una spallata!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy