Il punto sull’arbitro

Il punto sull’arbitro

di Carlo Quaranta

 

Per l’esordio della stagione 2011-12 il nuovo designatore della CAN B Domenico Messina ha scelto l’esperto Maurizio Ciampi della sezione di Roma 1 per dirigere il match del Del Duca tra un Ascoli già costretto ad inseguire per la pesante penalizzazione di 7 punti inflitta dalla Commissione…

di Carlo Quaranta

 

Per l’esordio della stagione 2011-12 il nuovo designatore della CAN B Domenico Messina ha scelto l’esperto Maurizio Ciampi della sezione di Roma 1 per dirigere il match del Del Duca tra un Ascoli già costretto ad inseguire per la pesante penalizzazione di 7 punti inflitta dalla Commissione Disciplinare della FIGC ed un Torino già in cerca di risposte convincenti sul lavoro svolto e di un avvio più incoraggiante rispetto ad un anno fa. Ed il 38enne commercialista romano non fa nemmeno in tempo a realizzare che le vacanze estive sono terminate che subito è catapultato nel pieno delle proteste e delle situazioni difficili da gestire sul campo di gioco: al 3’ infatti una conclusione in scivolata di Bianchi su invito al bacio del giovane Verdi è respinta forse sulla linea o forse oltre dal portiere Guarna che si ripete un attimo dopo su Guberti. L’assistente Stallone fa segno di continuare e Ciampi si adegua. Restano i dubbi (anche se dalla moviola il pallone sembra interamente dentro). Un minuto dopo il gol di Andelkovic che sovrasta Glick e trafigge un incerto Coppola: anche in questo caso il difensore della Nazionale polacca si lamenta ma il direttore di gara convalida senza titubanze. Dopo di ciò non seguono altri casi dubbi e Ciampi gestisce la partita con ordine fino al 37’ quando, in occasione di una punizione dal limite, è costretto ad ammonire il marchigiano Pederzoli per il mancato rispetto della distanza in barriera ed il granata Guberti reo di ritardare le operazioni di battuta con inutili proteste. Ciononostante alla fine del primo tempo non concede alcun minuto di recupero. La ripresa è molto più spezzettata. Ciampi gestisce sempre adeguatamente, seppur con qualche sbavatura: al 70’ poteva starci l’ammonizione per un fallo su Glick ed un minuto dopo Ciampi esita troppo (facendo infuriare gli ascolani) prima di concedere il giustissimo penalty al Torino per un netto fallo in area di Pederzoli che allarga la gamba impedendo al bravissimo Verdi di passare. Al 75’ cartellino giallo per il neo entrato Gazzola che ferma fallosamente Antenucci dopo un’azione personale. Passano appena due minuti e il difensore marchigiano è piuttosto ingenuo nel commettere nuovamente fallo sullo sgusciante Oduamadi mentre l’arbitro Ciampi stavolta non indugia ed estrae il secondo giallo ed il conseguente rosso: decisione severa ma non ingiusta. All’81’ rischia l’ammonizione anche Antenucci per una strattonata gratuita ma stavolta l’arbitro chiude un occhio. Con la vittoria del Del Duca il bilancio dei granata con l’arbitro Ciampi prende così una piega positiva: diventano ora tre le affermazioni della compagine del Presidente Cairo mentre restano quattro i pareggi e due le sconfitte.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy